logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: Hafsah-Laziaf
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2014-11-10 01:01
Review: Unbreathable by Hafsah Laziaf
Unbreathable - Hafsah Laziaf

A copy of this novel was provided by the author as part of a giveaway.

 

I have some conflicting feelings towards Unbreathable. So I am kind of going to break this review into two parts, which I have never done before.

 

On the one hand, I did really enjoy it. I like Laziaf’s writing style; the way it is understated, and smooth. It engaged me from the moment I started reading. I loved Lissa’s character voice, and the way she saw and thought about things.

 

I adored the descriptions and explanations of Jutaire, the Jute, and the human settlement. The world building was excellent in regards to these aspects. I can see the White Plains so clearly in my head, as well as the rows of houses amongst the red dust of the human settlement. This scene setting was amazing.

 

The surprises were ample, and placed evenly throughout the book. We weren’t bombarded with surprises in one chapter, but they were quite heavy throughout the book. But they were interesting and captivating, and personally, I enjoyed every single one of them.

 

The boys. I liked them enough. Of course, I preferred Rowan. I felt like his character had more depth, and that he was more driven and motivated in regards to what he wanted. The description of Rowan’s clothing was one of my favourite aspects of Unbreathable. I loved knowing what he was wearing at every moment – midnight blue, sky blue. The outfits sounded very pretty, and extremely handsome.

 

The plot itself was good. I liked the focus on Jutaire, and Earth as habitable planets; Earth more so. I cannot tell too much regarding the plot, because then I would be ruining heaps of things. But I liked it.

 

And now, the things I didn’t like so much.

 

Character development. In regards to Lissa, there was SO much room for character development. She discovers all these new and crazy things about herself, but I think she accepts them too easily. I would have preferred for the plot to move more slowly, and for Lissa to take her time adjusting to this new information about who and what she really is. The development of her character was a little lackluster.

 

The love triangle. This part of Unbreathable kind of pained me. Like I said previously, Rowan was my preferred love interest. Julian is the other one. I didn’t understand Julian’s character all that well. I think he was also missing some character development, and some explanation of the kind of guy he is, and why he does the things he does. The love between Julian and Lissa progresses far too quickly for my liking. Again, if had been slowed down a little, it would have been better.

 

In regards to the love triangle, I really disliked Lissa’s attitude. Yes, the whole point of a love triangle is that the girl loves both of the boys. But with this one, it was so extraordinarily obvious who Lissa was going to choose. And yes. I know Rowan does a lot of bad things, but I couldn’t stand the way Lissa treated him. It made me dislike her as a character, which always impedes upon the enjoyment of a novel; disliking the main character.

 

It was these things that reduced my four star love of Unbreathable to the three star rating at the beginning of the review. For me, when I am able to talk about things I liked, and things I wish could have been improved, it means that I invested myself emotionally in the story. I was highly invested in the story of Unbreathable, which is why I wanted the things that I wasn’t fond of to be a little better.

 

That being said, I did enjoy Unbreathable, and I can’t wait to read the next instalment in the series.

 

© 2014, Chiara @ Books for a Delicate Eternity. All rights reserved.

Like Reblog Comment
review 2013-11-14 21:23
Unbreathable by Hafsah Laziaf

 

 

 

I want to freeze in the middle of our empty planet and disappear into the endless darkness above me, into the stars forever staring at me. Because what reason is there? I’ve lived a life of nothing for so long.

 

“Unbreathable” è uno di quei libri che nasce dal nulla, ma che volevo leggere fin dalla prima volta che ne ho sentito parlare. Soprattutto perché a scriverlo è una ragazza ventenne, Hafsah Laziaf, una blogger, del blog Icey Books, e perché la trama mi ha colpito subito, per essere uno sci-fi con un tocco in più, young adult, con una impronta super moderna. Quando qualche tempo fa su Twitter Hafsah mi ha chiesto se volevo leggere e recensire la sua piccola creatura non ho potuto proprio nascondere il mio entusiasmo, morivo dalla voglia di leggerlo. E ho scoperto che il libro è anche

meglio di quello che immaginavo, perché questo libro è fenomenale.

 

 

Centocinquanta anni fa, la Terra è stata distrutta, e gli umani sopravvissuti sono scappati sul pianeta rosso e polveroso di Jutaire, dove il solo ossigeno viene prodotto artificialmente, il cibo è scarso e la morte colpisce spesso. Quando il padre di Lissa scopre che la Terra esiste ancora, lei inala accidentalmente l’aria tossica di Jutaire e in un respiro scopre di non essere proprio umana.

Il padre viene impiccato per la sua scoperta e Lissa sa che i Chancellors verranno a prenderla, perché anche lei quella notte ha visto la Terra. Con niente da perdere, si prepara a svelare la verità. Non passa molto prima che incontri Julian, un ragazzo bellissimo che può respirare l’aria tossica come lei, e che le mostra che gli Jute, gli abitanti originali del pianeta, sono legati alle loro vite più di quello che possono immaginare.

Ma i Chancellors sono solo le pedine di un gioco più grande, uno in cui gli Jute vogliono controllare tutto. Peggio, gli Jute stanno organizzando un viaggio per lasciare Jutaire e andare sulla Terra, ma per raggiungerla hanno bisogno di Lissa. E non si fermeranno di fronte a niente finché Lissa non è nelle loro grinfie, anche se devono uccidere ogni umano nel processo. La corsa per la Terra è iniziata.

 

 

Non so se sarò in grado di scrivere una recensione decente, non so se in qualche modo assurdo riuscirò ad esprimere tutti i miei pensieri su una storia che è ben congeniata e scritta in un modo così assolutamente speciale e unico, che non ho potuto far altro che sommergere Twitter con le mie citazioni. Questo perché la Laziaf ha una capacità descrittiva rara da trovare in una ragazza così giovane e alla prima esperienza, con una maturità e dei pensieri in cui mi sono profondamente riconosciuta. È Lissa che racconta la storia in prima persona, è con lei che viviamo l’incertezza della morte del padre, lo scoprire che non è come gli altri e intraprendiamo un viaggio oscuro e pericoloso attraverso Jutaire. Il pianeta che ospita gli umani non è molto ospitale, l’aria irrespirabile, la pioggia acida, la razza che vi abita crudele e inarrestabile un mondo duro dove:

food is scarce, rain is deadly, and life is bleak.” Ogni passo è pericoloso, aspettano solo di beccarti con i piedi in fallo, ma Lissa ha sempre vissuto una vita riservata, sommersa dai libri e dalle premure del padre che le ha insegnato molte cose tranne le più fondamentali. Ma quando si ritrova da sola, in pericolo, completamente in balia degli eventi incontra delle persone che cambieranno completamente la sua prospettiva sul mondo come lo aveva visto in quel momento. Da ragazzina spaventata si trasforma in una guerriera, impara come mettersi in gioco e come non restare vittima delle intenzioni degli altri e si fa carico di problemi che sono molto più grandi di lei. Una idealista, una che non crede alla violenza gratuita, che vorrebbe salvare il mondo, altruista, generosa e in qualche modo passionale, una che non si lascia fermare da una ferita pur di salvare le persone che ama, una ragazza che nonostante sia visceralmente legata al desiderio di andare sulla Terra non manda tutto all’aria, una ragazza che fino a quel momento, come tutti gli altri non ha mai compreso che ci fosse un modo per farsi valere:

They live because there is nothing else for them to do. For them, this night is another and tomorrow will bring a day like any other. That’s the despicable way I was for seventeen years. Existing without living.

Lissa è una ragazza molto riflessiva che rimugina spesso su quello che prova, su come agisce, su come potrebbe cambiare le cose. Non è impulsiva, anche se poi il cuore prevale su tutto. E in questo l’incontro con Julian è decisivo, determinante.

“Long. Lithe. His hair is a jagged mess of darkness atop his head.” Così appare a Lissa il primo momento, solo dopo scopriamo i suoi incredibili occhi azzurri, la sua tenerezza, la sua combattività, il suo essere incredibilmente forte e coraggioso. Un ragazzo che non si lascia fermare da niente, che nonostante sia trattato come uno degli ultimi ha più capacità di qualsiasi altro. Un personaggio complesso e affascinante, ricco di cose da dire e dalle mille sfaccettature che lo rendono subito un ragazzo da amare. Non è solo un bel faccino, anzi, spesso ci si ritrova a non condividere il corso delle sue azioni, imperfetto, ma totalmente scusabile, soprattutto in un mondo fragile e insicuro.

Il corollario dei personaggi secondari è molto vasto e tutti funzionali alla storia, non ci sono pesi morti nella narrazione e anzi si rimane sempre sospesi quando ne compare uno. Da Rowan, alla Queen Rhea, la regina degli Jute, da Eli a Mia, passando per Dena, ma sicuramente il mio preferito resta Slate. Lo adorato dal primo momento, per la sua sincerità, il suo sguardo dolce, i suoi modi gentili, e quel dolore che si è portato dietro per anni. Tutti hanno qualcosa da aggiungere ad una trama assolutamente impeccabile.

Le atmosfere sono descritte in maniera incredibile, sia quelle nel mezzo del palazzo della Regina, sia quelle per i quartieri abitati dai terrestri. Il cielo stellato, che Lissa guarda spesso e la Terra, che rappresenta la speranza ultima per tutti, ha un fascino e un simbolismo che non ci si sarebbe mai aspettati.

 

Il particolare da non dimenticare? Una collana con un ciondolo di smeraldo…

 

Uscito il 29 ottobre, autopubblicato dalla stessa Laziaf, il libro è una storia di speranza, di azione e di riflessione sui valori veri della vita, quelli imprescindibili a cui non si può rinunciare in un tempo di crisi sia spirituale che sociale. Scritto divinamente, ben strutturato e portato avanti, ha una trama che regge e un tessuto scientifico verosimile e allo stesso azzardato, che lo fa entrare di diritto tra i miei preferiti di quest’anno. Nasce come uno stand alone, ma sto già implorando Hafsah per un sequel più che necessario, dopo la fine. Date una chance a questo libro, non ve ne pentirete.

Buona lettura guys!

 

 

 

 

Ringrazio immensamente Hafsah Laziaf per avermi concesso la magnifica opportunità di leggere il libro in anteprima in cambio della mia onesta opinione. Davvero grazie!

 

Like Reblog Comment
review 2013-10-30 17:37
ReseƱa Unbreathable
Unbreathable - Hafsah Laziaf

Publicado originalmente en: El Extraño Gato del Cuento

Un género que no sabía existía hasta hace un par de años era las distopías, ahora es casi imposible no conocer un libro de ese género, no necesariamente haber leído alguno, pero al menos haber escuchado la palabra. Ahora, encontrar algo nuevo entre tanto mundo post-apocaliptico (poniéndome un poco dramática) es difícil. Hafsah Laziaf es una conocida bloguera quién dio el salto de ser resañadora a reseñada, muy valiente por parte de ella, los que estamos en este mundillo sabemos que aceptar críticas no es algo fácil, sobre todo si fuiste tú primero quién empezó criticando (me refiero a críticas en significado completo).

En mi vida leí algo que sea situado fuera de nuestro planeta, nuestra querida y maltratada tierra, en Unbreathable nos encontramos en el planeta Jutaire. El libro al completo es bastante interesante de leer, otra vez la raza humana, tan egoísta y ciega como puede ser (soy un gato, así que conmigo no aplica), hizo a la tierra un lugar inhabitable, donde solo unos lograron huir con los Jute. El libro me recordó un poco a Wall-E, aunque no hay robots dulces y ni Eva, pero en algo me recordó.

Si bien el libro es muy interesante de leer, muy original, tiene algunos detalles que no puedo pasar por alto, el hecho que tiene un gran potencial para ser explotado, pero no logra tener el despegue que esperaba, no es un libro plano, hay mucha acción pero sentí que faltaba algo. Y hay un triángulo amoroso bastante extraño, o quizá es solo que no congenié mucho con la forma como se desarrolla, y es un poco predecible.

En los puntos positivos es que los personajes son complejos, ni buenos buenos ni malos malos, tienen una humanidad que llega a confundir tus emociones. El vínculo familiar, la protección a sus hijos es algo muy marcado en el libro, me gustó eso, porque no es de una manera pesada o sobreprotectora.

Me gustó, es algo nuevo que leer.

Reseña Completa (quejas y comentarios):El Extraño Gato del Cuento

Source: el-extrano-gato-del-cuento.blogspot.com
Like Reblog Comment
review 2013-08-22 00:00
Unbreathable
Unbreathable - Hafsah Laziaf CAN.NOT.WAIT!
More posts
Your Dashboard view:
Need help?