logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: Reading-Challenge-2014-50-Libri
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
review SPOILER ALERT! 2014-12-19 19:37
After - Anna Todd (11.12.14/19.12.14 - Reading Challenge 2014 38/40)
After (The After Series) - Anna Todd

Ho sentito tantissimo parlare di questa fan fiction (ora diventata un libro o meglio l'ennesima trilogia... il mondo sarà conquistato dalle trilogie... arrendetevi tutti!), le Directioner di tutto il mondo l'hanno osannata per poi criticarla aspramente una volta pubblicata (w la coerenza!!) ed è proprio questo che mi ha spinto a leggere la traduzione su Wattpad per farmi un'idea.

La protagonista è Theresa (detta Tessa), la giovane si reca al college per poter studiare e si ritrova subito nella camera della sua compagna di stanza lui, Harry Styles, ragazzo bello e dannato con la quale inizierà un rapporto di amore/odio. Nonostante Theresa sia fidanzata con Noah, giovane affascinante e dolce, la giovane si lascerà trascinare nel mondo di Harry, partecipando alle feste della confraternita, frequentando gli amici del ragazzo ecc con il passare del tempo i due inizialmente cane e gatto inizieranno ad andare d'accordo e piano piano ad innamorarsi, la lorostoria non sarà però facile perchè ostacolata non solo dalla madre della ragazza ma anche dal carattere "instabile" dell'amato che causerà non pochi problemi

Questo libro è un ammasso di steriotipi young-adultiani a partire dai personaggi dove troviamo:

  • Tessa: La ragazza bella e sexy che non sa di esserlo, la classica figona che si veste da sfigata, VERGINE (neanche fossimo nell'800 e neanche fosse single), fidanzata con il ragazzo che tutte vorrebbero perchè buono gentile e dolcissimo che è suo amico da una vita, la classica studiosa e con ottimi voti, quella che non è molto avvezza alle feste e non ama farsi notare

  • Noah: Il fidanzato della ragazza sexy come scritto sopra dolce, tenero e simpatico, il giovane che tutte vorrebbero sposarsi perchè maturo e responsabile ma stranamente odiato dalle ragazzine in crisi ormonale (ma perchè dico io!)

  • Harry: Lo stronzo con il passato tragico, sexy e perennemente scazzato (un po' come Vegeta), con il carattere peggiore del mondo neanche fosse quello di una ragazza in fase premestruale

  • Stephanie L'amica di lei (e in questo caso anche di lui) che si deve comportare da g-g-giovane, andando alle feste trascinando la sua amica nei guai e ubriacandosi come una pazza

  • Molly: La ragazza stronza e considerata troia solo perchè al contrario della protagonista non è vergine e ha deciso di andare dietro ai tipi carini (la libertà sessualeè vista mooolto male negli YA stranamente)

  • Liam: lo sfigatello nerd che deve essere bullizzato dal protagonista che è anche... il fratellastro, amico della protagonista e suo consigliere fortunatamente non gay (questo stereotipo ce lo hanno risparmiato per nostra fortuna!)

  • Zayn: Il rivale stranamente interessato alla protagonista e ovviamente lo stronzo/cattivo della storia perchè solo il protagonista sexy deve essere il "buono"

Anche le situazioni sono le tipiche da YA

Tessa riesce ad interessarsi a tempo record del classico stronzo da competizione ignorando il fidanzato buono e dolce che l'ha sempre amata (nonostante sia un po' noioso e un po' spione visto che riferisce sempre tutto quello che fa Tessa alla madre), ha un rapporto con Harry perchè lui la attira nonostante quest'ultimo si comporti come un pazzo che un secondo la ama e due minuti dopo la odia (tanto da pomiciare allegramente con Molly davanti a Tessa). La giovane si annulla completamente per il rapporto e nonostante cerchi di dimostrarsi forte e sicura è in realtà la classica ragazza che si butterebbe da un ponte per amore. Ovviamente la protagonista deve vedersela non solo con la rivale scomoda ma anche con il belloccio di turno che si innamora di lei (ma perchè questi uomini si innamorano solo di oche senza cervello? Mai un buon esempio! Costerebbe troppo darlo?). Essendo una crocerossina deve ovviamente ficcarsi nelle situazioni di famiglia del suo boys e cercare di sistemare e ricucire il rapporto tra Harry e il padre, mentre nella realtà sarebbe diventata la protagonista di "Amore Criminale" nel mondo felice e coccoloso degli YA nono solo riesce nel suo intento ma si fa anche amare da tutti... che bella cosa... insomma potrei tirare fango a palate ma preferisco aspettare l'uscita ufficiale del libro in Italia per rileggere la traduzione ufficiale e potermi sfogare per bene tirando fuori tutta la mia rabbia da lettrice repressa e maligna.

Un saluto e alla prossima recensione

 

Like Reblog Comment
quote 2014-12-16 23:07
“Questo è il Giardino dell’Incredulità. È così che tutti lo chiamano da quando si ha memoria. Ma anche qui, ci piace la nostra teatralità, non è vero?” Joe la guardò, sperando che si spiegasse.

“Sono atei, tesoro,” disse senza mezzi termini, indicando la massa di dormienti. “Loro non credevano in una vita ultraterrena. Niente di niente. Così, quando sono morti, questa convinzione d’incredulità si manifesta loro… bene, finiscono qui, e restano distesi ignari della loro esistenza fino a quando…”

“Fino a quando si svegliano,” Joe finì la sua frase
Like Reblog Comment
review 2014-12-09 20:37
Semplicemente Tini - Martina Stoessel (04.12.14/09.12.14 - Reading Challenge 2014 37/40)
Semplicemente Tini. Vi racconto la storia della mia vita - Martina Stoessel

Ho già ammesso in una precedente recensione di essere una cosiddetta "V-Lovers" una fan della serie Violetta, da quando seguo le varie puntate mi sono interessata particolarmente non solo alla serie in se ma anche al mondo e ai protagonisti della storia, questa mia curiosità mi ha spinto a scoprire talenti come Pablo Espinosa (attore molto in gamba famoso anche per aver interpretato Ramiro Castaneda nella telenovela "Il Segreto"), Lodovica Comello (attrice e cantante bravissima) e molti altri tra cui l'interprete di Violetta, la giovane Martina Stoessel, è proprio questa curiosità di scoprire più dettagli sulla vita dell'attrice che mi ha spinto a cercare la autobiografia una volta uscita e questo nonostante l'esperienza passata con il libro dell'ex star Disney Miley Cyrus, ho avuto la fortuna di avere una buona amica che me l'ha regalata in ebook (e la ringrazio per questo) e mi ha fatto risparmiare soldi preziosi per questa... cosa.

Se la biografia di Miley Cyrus era molto carina e il mio rammarico si è solo creato dopo le "avventure" della cantante che hanno stravolto completamente il libro in cui raccontava dei suoi sogni e della sua vita rendendolo dopo il trashume e gossip una favoletta per bambini e deludendo completamente le mie aspettative (è stato come quando un amico promette di non fare una cosa e poi puntualmente la fa fregandosene delle promesse e delle belle parole) questa biografia è stata... noiosissima!

Martina inizia subito in modo molto promettente cercando di convincere (e molto probabilmente autoconvincersi) che non è una raccomandata.... ok, nessuno può saperlo per certo ma è davvero così importante insistere per capitoli sulla cosa? Se non fosse vera diresti no e andresti avanti per la tua strada fregandotene dei commentini acidi invece no, sembra che Martina voglia convincere tutti spingendomi a pormi moltissime domande, possibile che proprio la figlia del grande capo sia stata presa? Possibile che tra le millanta ragazze non ce ne fosse una un filino più brava e bella di lei? La vedo davvero molto difficile come cosa, non che la Stoessel non sia brava però... a pensare male a volte si azzecca. Questa storia del "non sono raccomandata" condiziona tutto il libro, è infatti come se la ragazza fosse convinta di volerci fare buona impressione atteggiandosi così come "dea" abilissima in tutto quello che fa e allo stesso tempo voglia apparire come una ragazza normale che sa essere pigra, ama dormire, uscire con le amiche ecc insomma leggendo e leggendo non si capisce quale dei due "pensieri" prevale nella vita di Martina, è tutto un "da bambina ero così, così e così, ero brava in questo, questo e questo" facendo così la parte dell'enfant prodige e subito un susseguirsi di "si ma io sono una ragazza normale come tutte" e.... no! Non tutte le ragazzine si possono permettere di coltivare e avere mille talenti come te cara Martina quindi almeno sii onesta e coerente! Ammetti che a volte l'ambiente in cui cresci è importante! Martina Stoessel sembra cadere dalle nuvole, accenna si al padre e al fatto che lavori nell'ambiente televisivo tanto da aver lavorato a "Il mondo di Patty" e aver creato Violetta ma mai uno sprizzo di onesta dicendo "Si effettivamente questo mi ha aiutato un po'" questi atteggiamenti mi fanno veramente innervosire, è ridicolo pensare che molte ragazzine credano dopo aver letto libri come questi che basti avere una bella voce e talento per entrare nel mondo dello spettacolo! Queste biografie buonistiche della serie " Se ce l'ho fatta io puoi farcela anche tu" sono snervanti e odiose. Questo è molto probabilmente un mio problema, sono ormai per gli standard e l'età media delle ragazze che guardano Violetta, una vecchietta ma avendo già iniziato ad assaporare cosa sia la vita vera, molto diversa dalla vita immaginata e idealizzata da ragazzina, sono più acida ma credo che questa amarezza sia dovuta anche alle illusioni create da libri e messaggi come questi, non bisogna togliere i sogni ai bambini ma neanche convincerli che un supporto e i soldi non contano se si ha talento!! Comunque evito di fare una delle mie solite polemiche, oltre ai due difetti citati sopra il libro ne ha altri uno dei quali sono le mille fotografie che rendono il tutto più simile a un catalogo di moda più, credo che per biografie e autobiografie siano molto importanti le foto ma devono essere nel giusto numero e posizionate strategicamente in un certo punto del libro ad esempio, in mezzo al volume con tanto di didascalia così da non infastidire nella lettura o in caso di ebook sarebbero più utili alla fine così da non scombussolare l'impaginazione, peccato che in questo caso ci sia più testo che foto e per 10 euro (già solo per l'ebook) è un vero furto, se le foto fossero almeno belle sarebbero utili ma purtroppo sono per lo più foto nuove della Stoessel in tiro e che si atteggia come una modella oppure foto nuove che si possono trovare su google, delle mille presenti (non le ho contate ma di certo saranno un centinaio) neanche un quarto sono utili, sono carine ma oltre ad appesantire l'ebook (sembra strano ma mi si è anche bloccato il Kobo durante la lettura, cosa assai rara visto lo utilizzo anche per leggere i fumetti) sono irritanti, è impossibile leggere una pagina e trovarti subito dopo la foto, è pesante e sembra essere una presa in giro per aumentare il numero di pagine totali, tolte infatti le foto di pagine ne restano davvero pochissime, se poi queste poche pagine non sono neanche scritte dalla protagonista di succo ne rimane ben poco perchè ebbene si l'altro difetto è che il libro è per metà scritto dagli amici e parenti della Stoessel. Martina non contenta di averci rotto le scatole facendoci credere nel suo talento e nella sua semplicità lascia spazio a tutti gli amici e parenti (se avesse potuto avrebbe permesso anche al cane di scrivere qualcosa) per ricordarci quando lei sia sincera e quanto sia davvero straordinaria, bisogna prepararci a leggere pagine lagnose e piene di messaggi che elogiano Martina come un talento, una ragazza semplice, dolcissima (e non raccomandata, la parola con la r non deve esistere!) e se è già noiosissimo leggere gli auto elogi della Stoessel leggerli da altre persone che gli dedicano pagine di infinito affetto smielato e nauseante è anche peggio! Posso capire i messaggi da parte del padre e della madre e del fratello ma dagli altri no! Se le amiche le vogliono tanto bene possono scriverle email coccolose e dolcette invece di rompere le scatole ai lettori o sbaglio? Dicessero poi qualcosa di nuovo e originale! Sarebbe carino ma tutto è giocato su un semplicissimo schema ovvero:

  • Martina si auto elogia fingendo modestia da tutti i pori

  • Fotografia (o meglio fotografie ogni due parole alcune delle quali neanche in tema, se parli dell'adolescenza cosa mi butti lì un immagine della Stoessel da grande? Non ha senso)

  • Commento con tanto di scritta X Tini da Pinca Pallina (e io all'inizio mi ero illusa che fossero dei messaggi da parte di Tini per gli amici e parenti, avrebbe avuto più senso) in cui affermano quello che diceva prima la ragazza ovvero se Martina racconta di come cantasse bene da bimba puntualmente interviene ad esempio il padre che ricorda quanto fosse brava a cantare. Nessuno che osi scrivere un difetto e dico UNO. A quanto pare è una dea senza difetti la "simpaticissima e modestissima" Martina

In conclusione questa autobiografia è noiosa, non dice chissà che cosa, forse avrebbe detto di più quella scritta da una fan, come quella della Cyrus crea illusioni e sogni nelle bimbe che verranno puntualmente distrutti solo che al contrarrio di quella di Miley questa è infinitamente peggio, Miley Cyrus infatti per lo meno aveva provato, aveva scritto di suo pugno (mi piace credere che non ci fosse dietro un ghostwriter) quello che pensava raccontandosi con semplicità e senza troppe foto o fronzoli, era un libro ben fatto e ben scritto, quello della Stoessel invece è scritto per la metà da amici e per l'altra metà composto da foto, sconsiglio quindi l'acquisto e consiglio piuttosto, se vi è una necessità estrema di sapere cosa pensa questa ragazza, di leggerlo dalla biblioteca o prenderlo in prestito da un'amica che lo ha comprato, insomma evitate di spendere soldi inutilmente e piuttosto leggetevi la biografia su wikipedia che di sicuro è più aggiornata e ben scritta di questo libro.

Un saluto (acido) e alla prossima recensione

 

Like Reblog Comment
review 2014-12-09 00:21
Se mi lascia non vale - Valentina Stella (09.12.14/09.12.14 - Reading Challenge 2014 36/40)
Se mi lascia non vale (Glialtri) (Italian Edition) - Valentina Stella

 

Chi mi conosce sicuramente starà già aspettandosi commenti acidi, critiche a non finire, arrabbiature e chi più ne ha più ne metta. Ormai tutti sanno quanto io detesti le guide, manuali di self-help e tutte quelle robette che vogliono solo ed esclusivamente vendere cercando di convincere il povero pollo di turno che la vita è bella, che essere single non fa schifo e che tutto può essere positivo e luminoso come una stella cometa. Beh, mie care amiche, questa volta non mi arrabbierò e non perchè non ho le forze, quelle per stroncare libri non mi mancano mai, nè perchè sono stata pagata semplicemente nonostante il libro rientri nella categoria che detesti... mi è piaciuto! E anche tanto.

Valentina Stella ci propone una guida che proprio guida non è, la ragazza prima di trovare la persona giusta ha incontrato sulla sua strada gruppi di ragazzi definiti scherzosamente (mica tanto) "lasciatori" ragazzi diversi tra di loro per carattere, attitudini, comportamento che avevano come caratteristica in comune quella di lasciare le ragazze, chi dolcemente, chi più frettolosamente e crudelmente possibile. Cosa ha fatto la simpatica Valentina (no non mi ha pagata, smettetela di pensare che la mia dolcezza sia frutto di soldini perfavore <3)? Ha pensato di catalogare i bei tipetti raccontando le sue esperienze e quelle delle sue amiche per dare qualche consiglio alle fanciulle che lasciate da uno di questi soggetti si ritrovano a piangere come pazze e mangiare cioccolati. Valentina divide il suo libretto (appena 90 pagine nella versione ebook) in due parti. Nella prima inserisce le varie categorie con situazione, descrizione delle caratteristiche, racconto delle varie sventure e fatti personali e consiglio finale e nella seconda da utili consigli per reagire alla rottura e finalmente sono consigli decenti!!! Certo sono banali forse ma per lo meno sono autentici! Non consigli alla Barbarella D'Urso ma qualcosa di più intimo, confortante e dolce. Questo libretto dal misero costo di 99 centesimi (meno in un caffè visti i prezzi) non è solo carino e pucciosetto ma anche molto simpatico, Valentina mi ha ricordato un po' l'inizio della carriera di personaggi come Geppi Cucciari (prima che si arricchisse e iniziasse a mangiare yogurt per liberarsi dei sensi di colpa e di... altro), nel suo volumetto con ironia, battute e moltissima simpatia riesce a sdrammatizzare situazioni che credo all'epoca non siano state facili da sopportare, di certo all'età di trent'anni non è il massimo essere mollate dal ragazzo proprio nel giorno del compleanno!

Insomma questo piccolo libro ha tutta la mia benedizione che non è sicuramente qualcosa di così importante ma per una che solitamente snobba a prescindere queste "cose" e critica aspramente ogni frase dovete ammettere che non è male... per niente. Consiglio la lettura a tutte le ragazze, sia a quelle che l'amore lo hanno già trovato (simpatiche donzelle vi sto guardando molto male in questo momento!!) che quelle tradite, single e mollate. In questo libro c'è un po' di tutto... per tutte, le lasciate potranno forse capire che se un ragazzo ti molla non casca il mondo e anzi molte volte la vita migliora mentre le altre potranno ridacchiare leggendo le povere disavventure della protagonista e delle sue amiche. Essendo ormai nel periodo natalizio credo che questo volumetto un po' per il costo e un po' per la qualità possa essere regalato come "pensierino" natalizio. Sarà sicuramente apprezzato, parola di Lexy ;)

 

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2014-11-04 17:32
Non bisogna sempre sapere tutto l’uno dell’altro.
I segreti non ostacolano la felicità
La cena - Herman Koch,Giorgio Testa

La cena - Herman Koch

More posts
Your Dashboard view:
Need help?