logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: linguaggio
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
review 2017-07-12 10:34
Interessante.
Il Linguaggio Segreto Del Corpo: [La Comunicazione Non Verbale) - Anna Guglielmi

Lettura molto scorrevole e in fin dei conti piacevole. L'unica pecca è l'assenza di bibliografia che dovrebbe sempre accompagnare un lavoro "scientifico", anche per il semplice fatto di voler saperne di più. In ogni caso rimane un riassunto rapido e veloce dell'essenzialità. Fatto bene, diviso in capitoli in modo coerente e definitivamente utile per un primo assaggio dell'argomento!

Like Reblog Comment
url 2015-08-31 20:54
FRAMMENTI DI UN MONOLOGO AMOROSO

 

Comincia così, con quella punteggiatura che blocca la continuità. La virgola ostacola, è una pausa, il vuoto, un'interruzione. Allontana i termini e sospende ciò che li teneva uniti. Le congiunzioni si diradano, le assenze frammentano il discorso; è il flusso del tempo che si contrae. I punti prendono il sopravvento, ed è un arresto radicale. Lo spazio si dilata e amplifica la distanza. Col punto finisce il periodo e si va appunto a capo. Tra un punto è l'altro c'è il silenzio della domanda. Il discorso rimane sospeso nelle parole, che volano via come foglie al vento.

Like Reblog Comment
review 2014-06-04 13:53
Il linguaggio segreto dei fiori
Il linguaggio segreto dei fiori - Vanessa Diffenbaugh,Alba Mantovani

In realtà sarebbero ★ ★ ★ stelle e ½ ma se vogliamo arrotondare per alcuni dettagli ★ ★ ★ ★.

«Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare.» 

Potrei dire che questo è il motivo per cui ho comprato e deciso di leggere questo libro. Ho letto questa frase e ho pensato che non ci fosse descrizione più simile a la persona che sono io, perciò mi sono detta che sarebbe stato bello leggere qualcosa in cui immedesimarsi. Ero in una fase nella quale mi convincevo di aver trovato il libro che mi rappresentasse. 
Non è stato assolutamente così. All'inizio pensavo fosse a causa della differenza che Victoria è un'orfana e ha dovuto vivere cambiando spesso famiglie che non la trattavano nemmeno nel migliore dei modi. Poi la lettura è proseguita e io continuavo ad imprecare contro questa ragazza e le sue stupide, maledette scelte (sono ancora molto vicina alla fase post-lettura-perché-diavolo-è-già-finito). Poi ho capito che non avrei mai potuto apprezzare un personaggio che mi accomuna nei miei difetti. Insomma non apprezzando io i miei, come avrei potuto capire e essere fiduciosa nel personaggio di Victoria?
Credo di aver alimentato troppo le mie speranze. Mettiamo sia stato questo aspetto, aggiungiamoci le recensione super positive che ho letto qui o su altri siti, mi aspettavo di provare qualcosa di più leggendo questo libro. 
A parte questo il libro mi è piaciuto molto e gli stessi personaggi secondari. Credo che i miei preferiti siano stati Elizabeth e Renata, la prima soprattutto. Per quanto riguarda Grant...ho qualche dubbio ma in generale ho apprezzato molto la sua pazienta e la sua tenacia. Ed il suo amore devoto decisamente.
Il fatto che tutto girasse intorno ai fiori e il loro linguaggio è una delle cose che ho amato di più e personalmente mi ha fatto riscoprire valori dei fiori che sopravvalutavo (non sono stata mai un'amante di questi, c'è stato un periodo in cui non ne sopportavo l'odore).
Non posso commentare su come è stato affrontato l'argomento degli affidamenti temporanei e non, non sapendo quasi nulla di specifico al riguardo ma proprio per questo in alcuni punti l'ho trovato un pò troppo drammatico, come se tutto capitasse a questa ragazzina. Molto probabilmente mi sto sbagliando e questa è la realtà ma io ho l'ho vista così leggendo questo romanzo.
Non dimentichiamoci la piccola Hazel. Adoro i bambini nelle storie, rendono tutto più dolce.

Libro consigliato.



Non sono molto oggettiva nei miei tentativi di recensione ma quando racconto di un libro o lo consiglio, sento il bisogno di parlare per quello che io ho provato leggendolo.
More posts
Your Dashboard view:
Need help?