logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: 5-Stelline
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
review SPOILER ALERT! 2017-07-24 22:07
Attraverso questi occhi - N.R. Walker,Pandora

Rieccomi qui, dopo pochissime ore dalla recensione di Fiducia Cieca a cercare di riordinare i pensieri per riuscire a non impazzire come una fangirl isterica e scrivere quattro righe sensate (see come no) su questo benedetto sequel. Dopo aver finito il primo volume mi sono ritrovata a lottare con sentimenti contrastanti, c'era una parte di me che voleva, tre secondi dopo aver letto l'ultima riga, buttarsi a capofitto nel seguito per continuare a sognare con Carter e Isaac e... un'altra parte molto meno ottimista che mi pregava di scappare lontano e fingere che quello che avevo appena concluso fosse un romanzo singolo. Chi mi conosce sa della mia costante lotta interiore riguardo ai sequel. Ci sono due parti che mi caratterizzano... la parte più masochista e cattiva della mia anima che li invoca sempre a gran voce, poco importa se si tratta di un libro perfettamente autoconclusivo, un film con un inizio e una fine coerente o una serie tv di 50 anni prima, la malvagia Giada sente il bisogno di vedere un continuo, ritrovare i vecchi e amati personaggi con l'illusione che i sequel possano dare un qualcosa in più alla storia, e poi... la controparte buona, la Giada razionale che si rende conto di quanto spesso i seguiti siano per lo più porcherie immonde nate solo per lucrare su prodotti più o meno famosi. Per questo mio perenne scontro interiore sono sempre indecisa se gioire o tagliarmi le vene ogni volta che leggo "volume 2" e devo sempre meditare mille anni prima di decidere se accontentarmi del primo libro e immaginare un finale nella mia testa o iniziare il volume ufficiale e rischiare di morire dentro per le scelte mortalmente no sense e sbagliate dello scrittore di turno... per questo dilemma amletico, questa guerra mondiale dentro di me, ho iniziato la nuova lettura con dubbi, aspettative a mille e fin da subito la convinzione che ci sarei rimasta male anzi... malissimo. Fortunatamente per una volta devo battere sulla spalla alla Giada "coraggiosa" e sognatrice perché posso ritenermi soddisfatta di aver continuato la conoscenza di Isaac e del suo innamorato, questo perché Attraverso questi occhi è un sequel emozionante, coinvolgente e riesce a superare in bellezza il primo romanzo. Evento di questi tempi più unico che raro. Ci ritroviamo mesi dopo gli eventi del primo libro, Isaac e Carter sono ancora fidanzati e innamorati e stanno cercando di trovare un equilibrio nella loro storia d'amore. Ed è proprio la ricerca di una stabilità di coppia e della propria identità fuori e dentro la coppia che caratterizza questo secondo capitolo. Il primo romanzo ci aveva permesso di conoscere i due ragazzi, apprezzarli nei loro difetti e virtù, facendoci conoscere il loro mondo o meglio... una piccola parte di esso. In questo secondo volume ritroviamo tutto quello che non avevamo visto, in Fiducia Cieca il mondo sembrava quasi un posto magico, non c'erano momenti veramente drammatici, sembrava di vivere quasi in un piccolo angolo di paradiso che in questo libro dimostra essere tutt'altro che idilliaco. Veniamo infatti a conoscenza di tutti i problemi che Isaac deve vivere ogni giorno, veniamo bruscamente ributtati nella realtà, una realtà tutt'altro che rosea. Ritroviamo un Isaac sempre più insicuro e alle prese con il mondo che lo circonda, eventi spiacevoli lo porteranno ad interrogarsi sul suo rapporto con Carter e ad affrontare la sua condizione. Per tutto il romanzo veniamo trascinati nel mondo di Isaac, viviamo la disperazione che nel primo libro avevano solo potuto palpare, il modo in cui Isaac cerca costantemente e disperatamente di mettersi un ulteriore maschera per l'uomo che ama, dopo essere riuscito ad aprirsi e innamorarsi, buttare giù il muro che lo imprigionava e impediva di innamorarsi e aprirsi al mondo, si ritrova vittima del suo amore folle, puro e disperato, ritroviamo un Isaac in crisi, senza fiducia in se stesso che ricorre a una nuova maschera, un nuovo muro per mostrarsi un uomo normale, vuole disperatamente essere perfetto, raggiungere la perfezione che solo gli occhi dell'amore, gli occhi di Carter riescono a cogliere e per questo si ritroverà a sbagliare, a rischiare di rovinare tutto e buttare all'aria tutto ciò che con il tempo ha faticosamente costruito, a rischiare di buttare quel prezioso anno nel cestino ferendo e distruggendo il fidanzato. Troviamo un Isaac umano, vero, palpabile con cui soffrire, stare male, emozionarsi.
Anche Carter è più umano, più fragile, nel primo romanzo era stato il cavaliere, quasi senza macchia che proteggeva Isaac, in questo secondo romanzo invece questa sua perfezione scompare, quella corazza da guerriero si spezza, si ritrova a dover affrontare l'uomo di cui è innamorato, a sopportare spesso le sue parole crudeli, la rabbia di un uomo che si sente inutile e impotente, di un uomo che viene considerato dal mondo un cittadino di seconda classe, non adatto neanche a testimoniare contro un criminale che lo ha derubato, si ritrova ad affrontare il dolore, la solitudine a cui spesso il compagno lo costringe, a vivere in una casa che talvolta non sente neanche come propria, è costretto a combattere contro le insicurezze di Isaac e le proprie, nella vita della coppia comparirà infatti Joshua, collega di Isaac con il quale il fidanzato instaurerà subito un rapporto di amicizia e questo sarà solo uno dei problemi che dovrà affrontare. Vivrà momenti duri, rivivrà il dolore e la paura che ha provato per il tradimento del suo ex e sarà costretto a cadere, spezzarsi e rialzarsi, risorgere dalle sue ceneri, lottare per riuscire a salvare l'animo tormentato e la vita di Isaac. Questo libro è molto forte, molto più forte rispetto al primo capitolo e anche se non mancano i momenti più dolci e piccanti in molte parti mi ha stremato... il realismo con cui N.R. Walker ha creato i suoi personaggi è impressionante e non mi è stato possibile non empatizzare completamente, soprattutto nei momenti più "forti". Ero letteralmente in lacrime quando ho visto Isaac affrontare Carter e dirgli che desiderava tornare a vedere anche solo una volta per poter ammirare il volto della nipotina appena nata, quando ho visto Isaac commiserarsi e compiangere la sua condizione prendendosela con l'unica persona che dava luce al suo mondo oscuro, colpendo il compagno a morte con la sua cattiveria e disperazione, quando Carter si è ritrovato annientato di fronte a una casa che non era più la sua, a una vita che non era più la sua. Posso dire che rispetto al primo le lacrime sono scese a fiumi e sapendo fin da subito che di certo questo libro sarebbe finito bene, con un bel happy ending e non avrebbe di certo emulato Romeo e Giulietta con morte e distruzione beh... mi sento un po' stupida all'idea delle lacrime da coccodrillo però... va bene così. Quando un romanzo riesce a farti piangere ed emozionare ha sicuramente fatto il suo lavoro. 
Nel corso del libro ritroveremo vecchie conoscenze e oltre ai due fidanzatini riabbracceremo anche la sorellona Hannah e il marito Carlos, che finalmente si espone un po' di più, che ci regaleranno bei momenti familiari e una dolcissima nipotina, il pazzo Mark con la sua lingua lunga e i due fedeli cagnoloni 
Faremo anche la conoscenza di nuovi personaggi come il detective incaricato del furto ai danni di Isaac, un uomo a tratti con poco tatto che aiuterà però la coppia al momento giusto e Joshua, che vi sfido a non voler sgozzare dopo tre secondi. Questo romanzo è incantevole e perfetto sotto ogni punto di vista e riesce a completare perfettamente la storia senza annoiare o cadere nel ridicolo come altri seguiti.
Se avete amato Fiducia cieca adorerete alla follia questo secondo capitolo che conclude le vicende della coppia (in quanto il terzo romanzo sarà dedicato al mio amato Mark). Non posso fare altro che consigliarvelo caldamente... insieme a un abbondante scorta di Kleenex perchè se siete come me.... vi assicuro che ne avrete bisogno... tantissimo!

Like Reblog Comment
review 2017-07-22 22:46
Fiducia cieca (Italian Edition) - N. R. Walker

Ho iniziato la lettura di questo M/M su suggerimento di un'amica, ero alla ricerca di un titolo dolce e un po' diverso rispetto al solito, con un significato profondo e personaggi ben caratterizzati, che potessero emozionarmi e rimanere nel mio cuore e... non sono rimasta delusa! Posso dire con estrema gioia che questo consiglio è arrivato proprio al momento giusto e ho potuto così dedicarmi alla 24 su 48 leggendo un bel titolo che mi ha intrattenuta, emozionata e commossa per qualche ora allietando questo caldo pomeriggio estivo.
Questo libro... è adorabile, con una trama semplice ma ben sviluppata, troviamo Carter, un giovane veterinario alle prese con Isaac, un ragazzo cieco dall'età di 8 anni, un po' scorbutico, brontolone e con la battuta sempre pronta che si ritrova ad avere alcune difficoltà a relazionarsi con il suo nuovo cane-guida, Brady. La storia è ben scritta e in poco tempo mi sono affezionata ai due simpatici protagonisti. Carter è un ragazzo adorabile, che ha sofferto per un tradimento che lo ha portato ad avere difficoltà a lasciarsi andare in un rapporto per la paura di ritrovarsi nuovamente con il cuore spezzato, nonostante questo timore però è coraggioso e desideroso di amare di nuovo e non esita ad avvicinarsi, nonostante i timori, ad Isaac, Carter è un veterinario, amante degli animali e con il suo animo gentile e generoso riesce a portare luce e gioia nella vita di Isaac, quest'ultimo ha fin da bambino avuto una vita molto travagliata, alla giovane età di appena 8 anni ha perso in un terribile incidente stradale l'amata madre e la vista, fin da giovane ha dovuto lottare contro l'oscurità che così tanto lo terrorizzava da bambino, dovendo adattarsi a un mondo ormai divenuto ostile, si è così riparato con una dura corazza, dietro un'aria strafottente, un po' arrogante, dietro battutine sarcastiche create ad arte per mettere a disagio la gente ma... non Carter che riesce a guardare oltre l'apparenza, oltre la cecità, a vedere il cuore dell'uomo che ha davanti. Isaac è un personaggio meraviglioso e caratterizzato alla perfezione, in ogni pagina si può sentire i suoi sentimenti, le sue paure e anche la sua voglia di lottare, Isaac è terrorizzato dall'idea di ritrovarsi nuovamente solo, dopo la morte della madre, del padre avvenuta qualche anno dopo e dovuta alla disperazione per la perdita della moglie e dell'amato cane-guida Rosie, divenuto nel tempo il migliore amico e confidente delle sue angosce, ha il terrore di affezionarsi a Brady, per paura di rivivere quel lutto e di tradire la memoria dell'amico a quattro zampe, ha il terrore anche di avvicinarsi troppo a Carter che sembra essere l'unica persona, oltre l'amata sorella tutto pepe Hannah, a capirlo come nessuno ha mai fatto e ad apprezzarlo non trattandolo come un disabile ma come una PERSONA. Mi sono commossa a vedere l'evoluzione della storia d'amore tra due ragazzi, vedere i loro litigi a volte nati per fatti banali e il loro modo di risolverli, rimediare ai propri errori, di ritrovare la pace e serenità che solo il vero amore può dare! Ho amato ogni singolo momento dolce tra i due e ho potuto apprezzare le scenette un po' hot che ci vengono donate generosamente tra un momento fluff e uno un po' più "angst"
Oltre ai due protagonisti potremo inoltre apprezzare altri simpatici personaggi, importantissimi per la trama e studiati ad arte. Come non citare infatti Mark, l'amico che tutti vorremmo avere il "cazzaro" sempre pronto a sparare battute di dubbio gusto e che è disposto a guidare km pur di stare al nostro fianco nei momenti duri oppure Hannah, la sorella un po' buffa e goffa che con il suo amore incondizionato fa un po' da mamma chioccia allo scorbutico fratellino e perchè no... la simpatica novantaduenne gattara che nonostante l'età vede oltre le apparenze e i pregiudizi arrivando a spendere parole gentili verso la tenera coppietta o... OVVIAMENTE le due guest star! Milly e Brady amici pelosi dal cuore d'oro che amano i loro padroni senza riserve, Brady soprattutto mi ha colpito nella sua lealtà, quella lealtà che solo un cane possiede, per tutto il romanzo non abbandonerà mai il suo amico umano, anche se questo è freddo e distante a tal punto da non riuscire neanche ad accarezzarlo, e nel momento del pericolo e del bisogno riuscirà a ricucire la ferita sul cuore di Isaac facendosi finalmente amare e accettare.
Fiducia cieca è un romanzo dolce e tenero che ci porta, con una delicatezza infinita, a comprendere meglio il mondo di Isaac e dei giovani che come lui hanno la sfortuna di non poter più guardare il mondo che li circonda, lo fa mostrandoci come anche un cieco può condurre una vita normale, con forza e coraggio. Isaac è un personaggio che nonostante la fragilità sa essere molto forte e indipendente non piegandosi al suo destino, utilizzando ad esempio la sua nuova condizione per aiutare gli altri insegnando a leggere in braille a bambini e ragazzi nelle sue stesse condizioni. Rappresenta quindi la forza che gli esseri umani possono avere, una forza che ci spinge a vivere fino in fondo sfidando paure, pregiudizi e dolore. Se siete alla ricerca di qualcosa di dolce, divertente, romantico, un po' piccante e con un bel messaggio di amore e speranza potete buttarvi su questa lettura ad occhi chiusi! Non ne rimarrete in alcun modo delusi!

Like Reblog Comment
review 2017-07-16 17:28
恋してダディ [Koishite Daddy] - Kyou Kitazawa

Ho iniziato questo libro un po' per caso, l'idea di base mi sembrava simpatica e se ben sviluppata poteva avere del potenziale di conseguenza mi sono buttata nella lettura non aspettandomi però chissà che cosa, quando si tratta infatti di storie "importanti" e con dei contenuti e argomenti un po' spinosi sono sempre scettica soprattutto se il tutto si conclude in un misero volumetto, penso sempre che per raccontare qualcosa di più profondo quando si parla di manga 100-200 pagine siano un po' riduttive, ho quindi iniziato a leggere questo manga con pensieri contrastanti, con aspettative e... non aspettative, non sapendo se dovermi preoccupare o meno e... che dire... mamma mia che manga! Mi ha conquistato e stregato! La storia è adorabile nella sua semplicità, ritroviamo un padre da poco divorziato che deve occuparsi del suo bambino e deve quindi destreggiarsi con non poche difficoltà ritrovandosi dopo anni da solo e senza aiuti concreti, fortunatamente in suo soccorso accorre il dolcissimo vicino di casa, un giovane ragazzo omosessuale che si affeziona fin da subito al piccolino e ben presto, si avvicina anche all'uomo riuscendo a conquistare il suo cuore...un po' cliché? Beh... forse si ma il tutto è sviluppato così bene che sembra naturale, reale, spontaneo da far dimenticare qualsiasi cliché o storia fatta e già vista. Non ritroviamo il classico manga in cui il tizio si innamora in 3 pagine e dice ti amo dopo 5, non troviamo l'escamotage banale e scontato per mettere insieme i due tizi, l'inizio della loro storia è difficile, perché entrambi i giovani hanno problemi e ferite da rimarginare, Satou è un padre che si ritrova per la prima volta da solo e ha paura di non riuscire ad occuparsi come si deve del figlio, teme di non essere abbastanza per lui, di non poter sostituire la madre del bambino e quindi si preoccupa, non ha mai pensato di poter anche solo trovare interessante un altro uomo, l'arrivo di Takahashi, così giovane, spigliato e all'apparenza senza troppe preoccupazioni lo sconvolge doppiamente perché si ritrova ad affrontare sentimenti che non credeva di poter provare e allo stesso tempo sente il bisogno di proteggere suo figlio, ha il timore di poter fare qualcosa che possa in qualche modo turbarlo o rovinare il rapporto che ha con lui, è un personaggio molto umano con cui è impossibile non empatizzare. Stesso discorso per Takahashi lui al contrario di Satou sa perfettamente chi è dal punto di vista sessuale, sa quello che prova per il vicino di casa, si accorge dell'amore che inizia a provare per lui, sa di essere gay e non permette che questo lo ostacoli, ha combattuto fin da giovane per essere quello che è, ha sofferto duramente accettando il rifiuto da parte del padre di considerarlo suo figlio dopo il doloroso coming out, il suo timore, la sua paura non è quindi come Satou legata tanto ai sentimenti che inizia a provare quanto a quello che sa che potrebbe essergli negato con il tempo, Takahashi sa infatti che per via delle sue preferenze sessuali potrebbe non avere mai una famiglia e un figlio, sa che essendo gay non potrà mai avere al suo fianco una donna che porti nel grembo suo figlio o potrà mai chiedere egoisticamente a una ragazza di fare un figlio con lui e per poi abbandonarlo e dimenticarlo lasciandoglielo, sa che non potrà averlo se non adottandolo, questo è un peso che si porta dentro come un macigno, proprio lui così dolce, attento e a tratti materno sente che la vita gli negherà quello che più lo renderebbe finalmente felice, l'incontro con Satou e Rintarou è quindi un po' la sua ancora di salvezza, dapprima si avvicina ai due quasi per compensare questo bisogno di paternità che gli viene negato ma poi inizia a sviluppare un affetto sincero e incondizionato per i due, Takahashi sente di non poter più vivere senza quel frugoletto e il suo matto padre, questo lo porta a soffrire, a dover affrontare la realtà che forse non potrà mai essere davvero parte di quella famiglia.
Takahashi cerca di fare il padre per Rin anche se non è di fatto il vero padre e questo lo porta anche a scontrarsi duramente con Satou, il momento in cui l'uomo gli urla "Tu non potrai mai essere un genitore e capire cosa prova un vero padre" e il momento in cui Takahashi capisce che è la verità e non può fare altro che abbassare la testa e andarsene è straziante, è una delle scene più forti e umane a cui mi sia capitato di assistere in un manga negli ultimi tempi....
Ho amato il mondo in cui i due protagonisti si avvicinano, il dramma, il dolore, la dolcezza e la delicatezza della loro prima volta, il momento in cui capiscono di amarsi e poter essere una famiglia, per tutta la lettura avevo gli occhi a cuoricino piagnucolando come una bimba. Non è però solo una storia di un amore ma anche una storia di famiglia, una tipologia di famiglia con due padri e che non sempre viene accettata, si parla anche di questo infatti, e qui.... come non amare il piccolo Rintarou? Ho gioito e quasi pianto quando si è messo ad urlare che non c'era nulla di male ad avere due padri e che la sua famiglia non era strana, la delicatezza con cui è stata trattata la psicologia del bimbo è impressionante! Vedere come il piccolino arriva addirittura a rifiutare quasi sua madre che lo ha abbandonato ma che ama ancora pur di non ferire il padre e il nuovo papà e il modo in cui ama così incondizionatamente la sua famiglia tanto da difenderla... mi ha commosso. La psicologia del bimbo è perfetta, non è né poco... né troppo.... è... perfettamente IC per l'età e il contesto in cui vive, Rin è un bambino è non capisce la cattiveria del mondo, non capisce il perché la gente guarda con disprezzo la sua famiglia, per lui la sua famiglia è AMORE, lui prova amore e vede l'amore, vive circondato da amore e affetto e non riesce a comprendere il motivo per cui il mondo e i suoi compagni di scuola lo "critichino" additandolo come strano, questa cosa, fa male e fa riflettere allo stesso tempo, vedere come spesso le famiglie considerate diverse vengano additate dal mondo intero senza vedere l'interno e l'essenza è orribile,vedere quindi un personaggio, un bambino insegnare agli adulti ad essere ragionevoli, che i suoi papà si amano e lui li ama... è stupendo. Tutto in questo manga mi ha colpito, dai disegni curatissimi, alla storia alla psicologia dei personaggi, ogni personaggio è caratterizzato alla perfezione, pure quello che compare 3 secondi ed è una gioia per gli occhi e il cuore leggerlo, ho amato l'amichetto di Rin che si comporta da bambino e con la sua gelosia infantile lo critica, tratta male ma.. poi fa pace perché è un bambino e riesce a capire di aver sbagliato e che vuole bene all'amichetto, ho amato il giovane insegnante che cerca di aiutare i due padri e il bambino a relazionarsi con i compagni e perché no, anche il padre di Takahashi che dopo anni vuole anche solo provare ad avere un rapporto con il figlio nonostante non accetti la sua nuova famiglia e omosessualità. Ho amato... tutto! Se siete alla ricerca di un manga M/M emozionante, con una bella storia e indimenticabile è quello che fa per voi. Mi sento di consigliarlo senza alcuna esitazione perché merita moltissimo e spero con tutto il cuore che prima o poi qualche casa editrice italiana lo noti e pubblichi perché merita assolutamente visto il suo messaggio meraviglioso e positivo.

 

Like Reblog Comment
review 2017-07-02 23:09
Special Needs: The Complete Story - K.A. Merikan

Ed è dopo più di un mese che FINALMENTE ho concluso la lettura della duologia Special Needs e ancora... non so che dire!!! Mi sono messa qui ora, dopo aver appena letto l'ultima pagina, e sto facendo non poca fatica a riordinare i pensieri per descrivere un libro che mi ha stregato e tenuto compagnia per così tanto tempo. Mi sembra ieri quando ho avuto la brillante idea di caricarlo sull'Iphone e pensare "Ma si... alla fine sono solo 757 pagine in inglese... che sarà mai? Le finirò in una settimana. Non ho voglia di metterlo sul Kobo, lo leggerò dallo schermo dell'Iphone rischiando di diventare cieca per colpa della retroilluminazione! Che sarà mai?!" ed è così che ridendo e scherzando... è iniziato il delirio fatto di risate, scleri contro il povero Iphone, ricerche sul web e sul dizionario e... chi più ne ha più ne metta! Un piccolo viaggio che nonostante tutto rifarei altre mille volte questo perché Special Needs è una storia che DEVE essere letta assolutamente da tutti gli amanti del genere M/M, le due autrici (che scrivono sotto lo pseudonimo K.A. Merikan) sono riuscite a fare un lavoro magistrale e creare un libro che non è solo erotico ma riesce a mixare senza problemi anche altri genere senza mai perdere la sua forma. Questo libro è folle, simpaticissimo, ricco di spunti di riflessioni, dolce e romantico, il che lo rende perfetto per tutti i palati. Fin da subito mi sono ritrovata immersa nell'atmosfera molto atipica e alle prese con due personaggi... che definire bizzarri... e dir poco. Ci ritroviamo in un hotel a tema, utilizzato per lo più dalle coppiette e pieno di stanze che spaziano dal bizzarro all'erotico e se già questo non basta a mettere un po' di pepe ci pensano subito i due protagonisti che fin dalla prima comparsa erano già diventati due "fratelli" per me. Troviamo Ryan, un ragazzo disabile con i capelli blu, tatuato e... parecchio timido.. ma non abbastanza da non avere un sito web fetish e gestire un "porno" hotel a tema, Ryan è un tesoro, un ragazzo che non si piega troppo agli stereotipi del povero disabile che piagnucola e si lamenta della sua sorte, è un peperino con la lingua lunga e che nonostante tutto riesce a sembrare una papera imbranata, questo suo dualismo, da una parte tigrotto e dall'altra anatroccolo sfigatello mi ha fatto impazzire, ho passato metà del libro a ridere e l'altra metà a desiderare di coccolarlo ma... non è stato lui quello che mi ha rubato il cuore bensì il suo fidanzato Liam... ahhhh LIAM! Che dire di Liam? Liam è la rappresentazione dell'amore, il fidanzato perfetto. All'inizio ci viene presentato un po' come un playboy, tanto da essere stato licenziato dal suo vecchio posto di lavoro per essere andato a letto con il capo, vizio che a quanto pare lo perseguita, ero già quindi pronta con i miei "Ecco, ci risiamo, ora lui farà il maschio alpha e l'altro povero dovrà rimanere muto e subire abusi" e invece no.. perché è vero che il nostro Liam è un po' un pervertito/maniaco ma è anche ADORABILE, è buffissimo e simpatico, il classico ragazzo che riesce a far sorridere anche la persona più incazzosa e triste del mondo, è leale e sincero (tranne per qualche piccolo dettaglio trascurabile) e nonostante tutto fin da subito si comporta come un vero amico nei confronti di Ryan. Non si fa problemi per la condizione del ragazzo e anzi... cerca di aiutarlo come può, farlo sentire amato e normale e addirittura in un primo momento cerca di rimediargli un ragazzo (con il doppio fine di levarsi la crush dalla testa ma.... è comunque ammirevole come gesto) 
Ho amato Liam, è il ragazzo perfetto che tutti vorrebbero avere. Quando si innamora infatti di Ryan non diventa un mostro ossessivo alla Christian Grey/Hardin, non è il classico tipo che prende a botte chiunque guardi il fidanzato o osi respirare la sua aria, è si gelosetto dell'amato ma con il giusto livello e non arriverà mai a spaccare la faccia a nessuno per aver condiviso la stanza con il partner e già questo lo fa salire in classifica ma non è l'unico pregio, Liam si fa in quattro per aiutare il compagno e anche se commette umanamente degli errori (tutti li fanno per amore) è sempre pronto a salvare il suo Ryan, è dolce e romantico e all'occorrenza sa tirare fuori il suo lato kinky che lo rendono irresistibile ai miei occhi. Liam è sicuramente il prototipo di ragazzo che mi piacerebbe avere accanto anche solo come amico, con la sua spontaneità e follia non ci si annoia mai con lui!
I due protagonisti sono quindi... incantevoli e si completano a vicenda non solo nei pregi ma anche nei vizi e difetti.
Le autrici sono riuscite a delineare personaggi realistici e unici, che colpiscono il lettore e lo fanno innamorare. Non si sono però limitate solo ai due piccioncini, hanno creato anche dei co-protagonisti ugualmente irresistibili. Impossibile non amare infatti il pazzo Matt, porno divo amico di Liam, Rufio caretaker dal cuore di panna, un po' verginello e imbranato oppure Cole, il fratello intelligente (ma non troppo) di Liam di cui ho amato le battute e i siparietti, soprattutto se rivolti contro il dolce fratellino.
Ogni personaggio ha una sua storia e personalità e sembra prendere vita attraverso le pagine e ogni battuta e parola è perfettamente in linea e scelta con cura, una piccola gioia.
Le autrici sono riuscite a creare un mondo unico e a creare una storia ad effetto. Nel primo romanzo possiamo incontrare Ryan e Liam e imparare a conoscere i loro pregi e difetti e vedere il loro modo di innamorarsi, mi sono fatta prendere dal mio lato fangirl per tutto il primo romanzo e vedere i due a tratti così imbranati è stato molto divertente e perché no a tratti frustrante, spesso avrei voluto urlare "Mettetevi insieme e scopateeee" a forza di vedere i due così affiatati e cotti l'uno dell'altro ma troppo "timidi", per diversi motivi, per avvicinarsi, tutto il primo libro è quindi molto più romance e nonostante un piccolo momento più angst possiamo apprezzare tutta la dolcezza di questa storia, le parti erotiche in esso sono parecchio contenute se non accennate e lo rende più godibile anche per i non amanti del genere erotico. Il secondo romanzo invece... è tutta un'altra cosa. Inizialmente devo ammettere di non averlo amato molto, ritroviamo infatti i nostri cuccioli in crisi per colpa di bugie non dette, mezze verità ecc soliti problemini che possono insinuarsi nelle coppie e vederli rompere mi ha fatto temere di rivivere uno Special Needs 1 versione 2.0, ho pensato "Ecco, di sicuro andremo avanti per secoli, ste due faranno i musoni per tutto il libro e si rimetteranno insieme alla fine" e invece... no... fortunatamente non succede e anzi... le autrici mi hanno sconvolta arrivando a tirare fuori argomenti e temi scottanti e... complessi. In questo secondo romanzo infatti vengono tirati in ballo temi molto forti quali l'autolesionismo irrimediabilmente legato alla non accettazione del proprio corpo e possiamo di conseguenza conoscere una realtà che mai mi era capitato di ritrovare in un romanzo, meno che mai in un M/M, si parla infatti di transabilità, una condizione che porta le persone a desiderare di diventare disabili e disposte anche a mutilarsi pur di diventarlo, scopriamo quindi un nuovo lato oscuro di Ryan e devo ammettere che sono rimasta sconvolta... assistere alla prima volta in cui Ryan si taglia davanti a noi e quel "He WOULD be normal" mi hanno... annientato, spinto a capire che di Ryan non avevo... capito proprio niente!! Assistiamo a momenti pesanti e drammatici e riusciamo ad entrare nella sua testa e in seguito in quella di Liam, possiamo assistere all'amore che i due provano l'uno per l'altro e come per amore una persona sia disposta a sacrificarsi o a scendere a compromessi con se stesso. Qualcosa di cui non voglio troppo parlare per evitare spoiler più pesanti ma che sicuramente non mi aspettavo in questo secondo romanzo, che ha reso il tutto più intimo e umano. Non è però solo presente dramma e dolore fortunatamente, troviamo tanto fluff dolcetto perfetto per i romanticoni, umorismo e black humor a go go e... tanto, ma tanto smutt! Se eravate infatti alla ricerca di qualcosa di erotico verrete accontentati in quanto molte parti sono parecchio piccanti, le descrizioni accurate e.... HOT, decisamente hot, se le uniamo a due protagonisti puramente kinkster e amanti dei giochetti di ruolo in camera da letto, troverete un piccolo paradiso. Amanti del Fluff & Smutt è il vostro momento e luogo. Insomma... la verità è che ho detto tutto e niente di questa duologia, mi ero ripromessa di scrivere una recensione come si deve ma dopo aver finito la lettura ed essermi resa conto di come questa duologia mi abbia acchiappato troppo.... sapevo che non sarei MAI riuscita a rendere giustizia e scrivere qualcosa di più complesso o filosofico e per evitare ulteriori deliri ho preferito essere più spontanea possibile e tirare fuori di getto una riflessione a caldo della lettura, posso dire che mi sono follemente innamorata di Special Needs e ora che ho finito la lettura mi mancherà fondere il mio Iphone in piena notte e sclerare come una pazza sull'imbecillità dei miei due dork preferiti. Questa lettura è stata come detto precedentemente un piccolo viaggio e spero con tutto il cuore di poter "replicare" magari rileggendo la versione italiana, spero infatti che vengano tradotti, ho notato che altri libri sono stati tradotti di recente, uno dei quali con Liam e Ryan come comparse e di conseguenza spero questi due non siano l'eccezione alla regola perchè sarebbe un vero peccato. Credo che... se non verrà tradotto me lo rileggerò, probabilmente tra un annetto e nel frattempo lo consiglio caldamente se
- Siete kinkster
- Amate il genere erotico
- Cercate una lettura che tratta anche temi importanti e complessi
- Cercate qualcosa di dolce, simpatico e un po' piccante
- Siete alla ricerca di personaggi di cui innamorarvi follemente e non i soliti protagonisti Uke/Seme noiosissimi e banali o stereotipati fino al midollo
- Cercate un libro che vi faccia emozionare e coinvolga tra risate e lacrime

Like Reblog Comment
review 2017-06-09 23:03
Mi vergogno da morire: 1 - Hinako Takanaga
Questo manga è... ADORABILE! Una lettura dolce e romantica perfetta per gli amanti del genere yaoi, "Mi vergogno da morire" (titolo pessimo e un po' no sense rispetto all'originale XD) mi ha fatto fangirleggiare e ridacchiare come una pazza lasciandomi addosso un senso di pace, gioia e... miele... molto miele... tantissimo miele! La storia è molto semplice, forse un po' banalotta e già vista, ritroviamo i due ragazzi protagonisti che si scoprono innamorati e iniziano la loro vita insieme aggiungendo come ogni love story i classici problemucci di routine ovvero difficoltà a comunicare i propri sentimenti nel modo giusto, il mega imbarazzo delle prime volte e di non riuscire a mostrare il proprio amore come si deve, la gelosia e ovviamente gli immancabili personaggi molesti che si intromettono tra i piccioncini rischiando di creare drammi e rotture...cose già viste eppure... questa storiella mi ha ugualmente colpita, lo stile del disegno è semplicemente perfetto e curato in ogni dettaglio e i personaggi sono il punto forte della narrazione, caratterizzati benissimo e subito riconoscibili, è impossibile non amare ogni singolo personaggio di questa storia, Satoru è un piccolo tesoro, con la sua mancanza di espressioni, la sua incapacità (o quasi) di comunicare e soprattutto la sua infinita timidezza mi ha fatto innamorare, mi ha conquistato e fatto venire voglia di prenderlo tra le braccia e coccolarlo, Keigo il suo partner è il fidanzato PERFETTO, il ragazzo che tutti vorrebbero sposare, dolce, sempre sorridente e gentile, che capisce ogni singolo silenzio del fidanzato, lo ama alla follia tanto da essere gelosetto al punto giusto e... awww <3 I due insieme formano un mix esplosivo, si completano a vicenda e leggere le loro piccole avventure è una gioia per la mente e gli occhi (ho già detto che amo lo stile di disegno? DAVVERO TANTO!!). Non sono però solo loro i protagonisti, troviamo infatti altri due personaggi che sono al pari dei principali anche se non hanno lo stesso spazio, mi hanno stupido conquistandosi a forza uno spazio nel mio cuoricino, impossibile non affezionarsi alla frizzante Machida un po' ochetta e svampita, la classica ragazza popolare che cerca di farsi bella agli occhi del mondo, un personaggio un po' "gatta morta" ma adorabile, che sa essere una buona amica al momento giusto e poi lui... Yuji, anche se dovrebbe essere il "cattivo" terzo incomodo, che fa litigare i dolcetti non sono proprio riuscita ad odiarlo
More posts
Your Dashboard view:
Need help?