logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: banned
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
quote 2019-02-22 23:24
«Ho immaginato di non averti con me e ovviamente ero triste.»
«Quale uomo non lo sarebbe?» ribatté Angel.
«Ho capito che avevo trovato il mio posto infelice. Stare senza di te, quello è il mio posto infelice.» Quando in un primo momento Angel non rispose, Corey aggrottò la fronte. «L’ho detto male, vero?»
Il ragazzo non aveva parole, o meglio, nessuna che avesse senso. Quando guardò dritto nelle orbite cerulee di Corey, fu sopraffatto dall’amore e solo allora seppe esattamente cosa dire.
«E stare con te, Corey, è il mio posto felice.»
Corey annuì, l’espressione seria. «Esattamente. Ecco perché...» Si alzò, sparì in camera da letto e tornò tenendo qualcosa dietro la schiena. Poi, con un gesto rapido, porse ad Angel ciò che stava nascondendo.
Una scatolina di velluto.
«Non so quale sia il modo migliore per chiedertelo, forse avrei dovuto organizzare un flash mob o qualcosa del genere come mi aveva suggerito Scott, ma Angel, vuoi sposarmi?»
Angel guardò Corey, la certezza nei suoi occhi, il sorriso che prometteva tutto. Lo fece sedere accanto a sé. «Sì,» disse. «Corey Dixon, ti amo.»
Il ragazzo lo baciò e Corey sorrise sulle sue labbra. Poi disse: «Ti amo anch’io. Ogni giorno.»
Angel gli prese il volto tra le mani. «Ogni. Singolo. Giorno.»
Like Reblog Comment
quote 2019-02-22 23:23
«Pensi che dovrei confessargli quello che provo? Insomma, gli ho detto che mi sono innamorato di lui. Dovrei spiegarglielo meglio? È così che fa la gente?»
«Forse dovresti.»
Il petto di Corey si contrasse per l’improvvisa paura. «E se non fosse reale? Se stessi solo dicendo ciò che la gente si aspetta di sentire? Mi spaventa, è dentro di me, ma sembra...» Si rendeva conto di blaterare, ma Mim era abituata al suo modo di esprimere le decisioni a parole.
«Okay,» disse lei. «Facciamo una lista: vuoi stare con lui tutto il tempo?»
«Sì.»
«E ti piace quando ti tocca?»
Corey chinò il capo, imbarazzato. «Sì.»
La donna gli tirò una manata sul ginocchio. «Intendevo in generale!»
«Allora, sì. Mi piace appoggiarmi a lui e quando mi tocca. Mi sento al sicuro con Angel, non mi fa venire...» S’interruppe e si premette le mani sulle tempie. «Ferma il frastuono nella mia testa.»
Mim annuì. «E per quanto riguarda oggi?»
«Cosa c’entra?»
«Come ti fa sentire, stare senza di lui?»
Corey si dimenò sulla sedia. Si sentiva la pelle tirata, la testa gli doleva, era... sbagliato, anche con Mim presente. «Voglio davvero tornare da lui.»
«E questa è la definizione di amore,» dichiarò lei.
Like Reblog Comment
quote 2019-02-22 23:23
Corey sorrise, un sorriso che gli partiva dal fondo dello stomaco come una bolla d’eccitazione e che lo riempì di gioia. «Ti amo,» si lasciò sfuggire.
Tutti lo guardarono, ma Corey si concentrò solo sull’espressione di Angel. Non si era rabbuiato, ma nemmeno sorrideva.
Scott sembrò afferrare al volo ciò che stava succedendo, così trascinò DK e Toby fuori dalla soglia. «La stanza è tutta vostra,» disse, prima di chiudersi la porta alle spalle.
«Scusami,» si affrettò ad aggiungere Corey. «Non avrei dovuto dirlo così, lo so.»
Angel sorrise, un sorriso che gli increspò i lineamenti. La sua postura si rilassò. «Anche io ti amo,» dichiarò. Poi si avvicinò e prese il volto di Corey tra le mani. «Così tanto che non puoi neanche immaginare.»
Il giovane sorrise di rimando e gli scoccò un rapido bacio, niente più che una delicata pressione delle labbra. «Però vorrei provarci.»
Angel lo strinse a sé e lo baciò, continuando a ripetere all’infinito: «Ti amo... ti amo...»
Corey stava così bene, in pace con se stesso, sereno e amato.
Era come tenere in braccio il coniglio della sua infanzia
Like Reblog Comment
quote 2019-02-22 23:23
«Questa sera abbiamo raggiunto i sette milioni di voti per i nostri finalisti, Hannah Isaacs e i Wildcard. E il vincitore è...»
Corey non ce la faceva ad ascoltarlo, così fissò il buio, la mano di Toby nella sua e quella di Angel dall’altro lato, le dita intrecciate. Non riusciva a guardare né ad ascoltare, poteva solo rubare un po’ della salda tenacia del suo fidanzato.
Poi, proprio quando la pausa cominciava a diventare troppo, fu annunciato il vincitore.
«... i Wildcard!»
L’arena eruppe in un boato assordante. Carta dorata piovve su di loro dal soffitto, migliaia di piccole ali svolazzanti che li circondarono riflettendo le luci della ribalta. Corey sentì Scott urlare, Toby che rideva e DK che strillava «Sì!» a ripetizione. Il giovane strinse forte la mano di Angel e solo allora comprese che questo significava avere successo: era reale e Corey teneva per mano l’uomo con cui sarebbe rimasto per sempre.
Era perfetto.
Avevano tutta la vita davanti
Like Reblog Comment
quote 2019-02-22 23:22
«Sei stato fantastico.»
«È merito tuo,» commentò il ragazzo. «Tu mi hai convinto di essere fantastico a tal punto da riuscire a fare rock senza sentirmi un impostore.»
«Oh.» Stava forse dicendo che Corey lo stava cambiando? Era il momento giusto per ammettere la stessa cosa? Non ne era sicuro e odiava la sensazione, come se stesse perdendo il controllo di qualcosa di importante. Perciò, piantò le mani proprio sul fondoschiena di Angel e lo tirò su fino a raggiungere la sua bocca.
Poi si baciarono.
Fu un contatto bellissimo, raggiunse tutte le parti di Corey contratte per la confusione e i dubbi. Piano piano, il giovane si rilassò.
Approfondirono il bacio e Angel si sollevò appena sui gomiti, premendo la propria erezione ancor più intensamente contro quella di Corey. L’avevano già fatto tante volte, si erano eccitati e masturbati a vicenda, ma il giovane aveva bisogno sentire la pelle dell’altro.
«Via i vestiti,» ordinò.
Angel rotolò giù e si liberò dei jeans aderenti a forza di strattoni. Corey fu ancora più veloce, si sfilò i larghi pantaloni fino a ritrovarsi in mutande quanto il suo ragazzo e Angel tornò a stendersi sopra di lui, schiacciandolo contro la trapunta.
«Siamo soli, qui,» mormorò Angel tra i baci. «Voglio succhiartelo.»
A Corey piaceva l’idea, ma invece di lasciare che Angel si abbassasse e glielo prendesse in bocca completamene, cambiò posizione. Di colpo, il giovane si ritrovò faccia a faccia con il membro di Angel, mentre il ragazzo leccava il suo. Non l’aveva mai fatto prima di allora, non si era mai neanche avvicinato a qualcosa di tanto erotico.
Un potenziale orgasmo si risvegliò dentro di lui, un’improvvisa ondata di passione al solo pensiero di cosa stava accadendo. Diavolo, c’erano tantissime cose che non aveva mai fatto, ma questa? Questa era intensa.
More posts
Your Dashboard view:
Need help?