logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: Poison
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2018-05-05 20:58
Four Solid Winners in the Miss Silver Series
Latter End - Patricia Wentworth
Latter End - Patricia Wentworth,Diana Bishop
Poison In The Pen - Patricia Wentworth
Poison In The Pen - Patricia Wentworth,Diana Bishop
Miss Silver Comes to Stay - Patricia Wentworth
Miss Silver Intervenes (Miss Silver Mystery) - Patricia Wentworth
Miss Silver Intervenes - Diana Bishop,Patricia Wentworth

... lined up in order of preference.

 

I admittedly have so far only read two other Miss Silver books besides these four -- Grey Mask and The Chinese Shawl, respectively --, but based on the books listed above, my appreciation of the series is certainly increasing.  Like Georgette Heyer's mysteries (and to a lesser extent, Ngaio Marsh's), all the Miss Silver books seem to come with a side order of romance, which is probably not surprising, given that this is where Patricia Wentworth started out.  But once she had gotten the standard mystery and romance tropes out of her system that bogged down the first book of the series, Grey Mask, and are also still way too prevalent for my liking the fifth book (The Chinese Shawl -- what most annoyed me there was the predominant "youthful damsel in distress" theme), it seems that she found her stride somewhere between that book and the next one (Miss Silver Intervenes).  There are still common elements to all the novels; e.g., in addition to the invariably-included romance, like Marsh and Heyer Wentworth seems to be playing favorites: Once a character has been introduced as genuinely likeable, it is extremely unlikely that (s)he will turn out to be the murderer -- and if a superficially likeable character turns out to be the bad guy (or girl) in the end, there will be subtle hints all along the way that there might be more to them that meets the eye.  And of the four listed above, I think Miss Silver Intervenes is still the weakest.  But it's clear that Wentworth's apprentice phase as a mystery writer was over and done with.

 

In Miss Silver Intervenes, the detective (or "private enquiry agent," as she prefers to style herself) is called in to untangle a web of deceit, blackmail and murder in a London apartment building, against the background of WWII food shortage and other restrictions of daily life (and I confess I can't think of any other Golden Age mystery where one of the "good guys" is ultimately revealed to be

a sausage king.)

(spoiler show)

Though both of the book's main female characters have a whiff of snowflake / damsel in distress (and their beaux are consequently suffering from a mild form of white knight syndrome) -- and there is perhaps a bit too convenient a use of the amnesia trope (which I don't particularly care for, anyway) -- what I really like about this book is the way in which Wentworth brings the effect of WWII to life, chiefly in one particular character, but ultimately in all of them.  The mystery isn't quite on the level of Agatha Christie, nor does it in fact reach the cleverness of that presented in the previous Miss Silver book, The Chinese Shawl, but the characters -- especially some of the supporting characters, as well as the two policemen (CDI Lamb and Sergeant / later DI Abbott) -- here begin to come alive and take on three dimensions once and for all (though I will say that Miss Silver herself had reached that point by book 5 already).

 

I've yet to catch up with the Miss Silver novels between books 6 and 11, but by the time she got to Latter End (book 11), Wentworth had definitely also weaned herself of the need to have "damsel in distress" heroines.  There still are two such ladies as supporting characters, but the heroine is a young woman who can -- and does -- take care of herself extremely well, and is loved because (not in spite) of that by the hero ... and both she and the hero repeatedly refer to the two ladies in need of rescue as "doormats" (albeit in a spirit of genuine worry about these ladies' inability to put up a fight in their own behalf). -- In terms of plot, again this is perhaps not exactly Christie-level clever; also, the setting is, facially, an exponent of the "toxic family relations explode at country manor" Golden Age staple ... but it's all done with such incredible panache that the characters downright burst off the page; and the murder victim of the piece is in the best Golden Age tradition of a thoroughly despicable human being without whose presence and continuous bullying and intrigues everybody is decidedly better off. -- As in Miss Silver Intervenes, the policemen "formally" in charge of the case are DCI Lamb and Sergeant Abbot.

 

Miss Silver Comes to Stay (book 16) is an example of another Golden Age staple setting, the village mystery with sinister goings-on both in the village and at the nearby manor; and here we get to meet the third policeman that Miss Silver more or less routinely associates with, DI Randal Marsh, who is an old pupil of hers (Miss Silver was a teacher / governess and actually looking at a rather drab and modest sort of retirement before, by mere chance, she stumbled into becoming a "private enquiry agent"). --

Randal Marsh, in turn, also meets his future wife in this book.

(spoiler show)

This was the first book by Wentworth that I ever read, and I liked it well enough to continue my exploration.

 

Poison in the Pen (book 29), finally, is one of Wentworth's last Miss Silver Books -- there are 32 in all.  Again we're on Randal Marsh's turf, of which he has become Assistant Commissioner in the interim -- but the driving force behind Miss Silver's involvement in the case is DI Frank Abbot, who thinks "Maudie", as he privately calls her, is the ideal person to gently worm her way into the social circles of a village beset by poison pen letters.  This is, noticeably, also Miss Marple territory of course, and kudos to Wentworth, whose foray into this area I for once even prefer to Christie's ... albeit as always, not on the grounds of plot or intricacy of the mystery but chiefly on the grounds of the characters involved.

 

Based on these four books, I'm definitely going to continue my journey into Miss Silver's world ... and can I just say as a final note that I prefer my editions' covers of Miss Silver Intervenes and Miss Silver Comes to Stay -- both created by Terry Hand -- to those listed on BookLikes for the same ISBNs?

 

 

(Same ISBN as the covers listed on BL, so no legit grounds to change them, and I can't be bothered to create extra entries for the alternative covers.  But the new ones are stock images which -- probably not entirely coincidentally -- are also used for Georgette Heyer's mysteries, e.g., see the cover of Detection Unlimited, to the left ... where, incidentally, it fits decidedly less well than with Wentworth's Latter End; but then, a disjoint between cover image and contents of the book is common ailment of most of the recent editions of Heyer's mysteries.)

 

 

The audio editions of the Miss Silver books are, incidentally, read by Diana Bishop, whose narrations I've thoroughly come to enjoy.

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2018-04-18 15:37
Poison Dance by Livia Blackburne
Poison Dance - Livia Blackburne

I need to read Midnight Thief now!
What a great and exciting story. This girl is on the hunt for revenge. She needs to learn to become a deadly assassin. There's not much more I need to tell you to pull you in, right?!
I am so happy I read this book. The characters had me drawn in like a magnet pulled me. The plot of the story had me on the edge of my seat through the whole thing. 
It was just a fantastic intro into this series!

 

 

Source: www.fredasvoice.com/2018/04/poison-dance-by-livia-blackburne-17.html
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2018-03-24 16:05
Detection Club Bingo - Chapter 6
Poison in the Pen (The Miss Silver Mysteries) - Patricia Wentworth

Poison in the Pen is mentioned by Martin Edwards in The Story of Classic Crime in 100 Books in Chapter 6, Serpents in Eden, as an example of the mystery taking place in a rural setting

 

The English village is one of the most noteworthy settings for a classic mystery - it's depths have been plumbed by pretty much every mystery author, from Wilkie Collins (in the Moonstone) to Louise Penny, whose Three Pines mysteries are nominally set in Canada, but share all of the characteristics of the quirky, rural English village, often look into precisely this phenomenon. The combination of the rural setting and the closed circle leaves lots of scope for psychological analysis, and the juxtaposition of rural peace and murderous violence makes for interesting interactions between characters and investigators.

 

Poison in the Pen centers around a series of "poison pen" letters that are being received by various villagers on the eve of the wedding of the niece of the local gentry, which result in the suicide of a young woman who drowns herself in the manor-house pond (or is it a suicide? dun dun dun). As is always the case, there is much more simmering beneath the surface of the bucolic village than meets the eye: resentment, infidelity, insanity, and utterly banal evil. Wentworth uses many of the stock character types that are seen in this type of mystery. Miss Silver herself is a Jane Marple analogue, easily underestimated.

 

I liked this one much better than Grey Mask, which I previously read, and which felt much more cartoonish than this one - apparently middle aged British ladies should NOT write international criminal mastermind mysteries because they are invariably silly. It shares similarities to Christie's The Moving Finger, which also relies on the poison pen letter trope. The relationship between Miss Silver and Frank Abbot of Scotland Yard is intriguing. I enjoyed it, but Wentworth still isn't up to Christie's standard. Which is why she is the Queen.

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2018-03-17 06:36
I feel like a book about mass poisonings, satanism and an inquisition should have been more exciting.
City of Light, City of Poison: Murder, Magic, and the First Police Chief of Paris - Holly Tucker

Maybe it just lacked focus? Maybe it was taking on a topic that in the end was too broad and too murky?

 

The basic storyline follows the investigations of a police chief into an escalating and expanding series of poisonings, plots, satanism, and possible human sacrifice (the last never completely confirmed). I think the problem comes from how unconnected a lot of the suspects were, and how the implications to high politics were always vague at best.

 

Thus we end up spending chapters on one noble woman methodically assassinating the majority of her family, whose plot is only to prime the later panic, but doesn't really have much else to do with the book. We also spend chapters and chapters on everyone Louis XIV was sleeping with, which was a lot of people, man, only two of whom were actually relevant to the whole poisoning/satanism issue.

 

I'm all for setting up background, but it seemed to be a lot of background to actual investigation ratio going on in this book. Which might of been a good thing, because the investigation involved very little gumshoe shenanigans and a heck of a lot of torturing the fuck out of people. Which was graphically described. So.

 

The writing itself was fairly good; a lot of the slice of life period detail was interesting, and I always like Kate Reading's narration. I dunno, Vive la révolution, I guess.

Like Reblog Comment
review 2018-03-14 23:02
Pretty Poison - Kari Gregg

Mamma mia... era davvero tanto tempo che non mi capitava di sputare veleno e sangue dopo aver letto un libro, non che non mi siano capitati tra le mani soggetti pessimi sotto ogni punto di vista ma questo... AHHH la furia e la rabbia che ho provato per tutta la lettura non riuscirò mai e poi mai a renderla per iscritto... ho provato un tale livello di indignazione e mi sono sentita così presa in giro che non so neanche da dove iniziare per sclerare malissimo e lamentarmi come una pazza. Ci ritroviamo di fronte una storia che poteva essere PERFETTA e ORIGINALE ma si affossa da sola fin da pagina uno. Ci ritroviamo nel ormai classico mondo fantasy popolato da sexy shifter ed è rarissimo in questo universo creare qualcosa di originale e degno di nota in quanto troppo spesso ci si riduce alla solita minestra indigesta solo arricchita di elementi random e personaggi inutili. Solitamente i canoni impongono un'alpha cazzuto, super sexy e muscolo, pronto a spaccare il mondo intero con la sua forza e virilità e un dolce beta/omega piccolino, delicato, super kawaii ma in questo caso... ci ritroviamo un protagonista tutt'altro che banale, Noah è uno shifter danneggiato, vittima di un incidente si ritrova costretto a passare la maggior parte della sua vita su una sedia a rotelle, il giovane è costantemente vittima di dolori che lo spingono ad assumere pesanti dosi di farmaci, suo malgrado si ritrova a vivere recluso e nascosto dagli altri lupi in quanto dopo il suo incidente questi hanno pensato bene di cercare di... ehm...sopprimerlo, molto gentilmente e delicatamente e così la sua famiglia desiderosa di proteggerlo si è rivolta a medici umani per guarirlo almeno in parte, creando allo stesso tempo una "barriera" per difendere il ragazzo dagli attacchi e la crudeltà dell'ex branco. Noah vive quindi una vita difficile e tormentata, una vita complicata in cui solo l'amore della sua famiglia riesce a dargli gioia e conforto. Un ragazzo quindi fragile, un bel personaggio, che si ritrova catapultato in un mondo nuovo e ostile nel momento in cui Wade, il nuovo alpha degli shifter di città, non solo si mette in testa di prenderlo come compagno (così a caso, neanche conoscendolo) ma anche di salvarlo e farlo tornare ad essere il lupo che è sempre stato, curandolo dai veleni e medicine della società umana.... una trama insomma delicata e interessante che poteva dare spunto a riflessioni profonde, critiche alla società umana che troppo spesso usa farmaci per curare anche solo un prurito a un dito, riflessioni morali sulla famiglia e il sacrificio, in quanto la famiglia di Noah ha deciso di lottare contro tutto e tutti pur di salvare un figlio che per la comunità dei lupi era morto, sulla lotta che ognuno deve compiere per alzarsi dal letto ogni mattina nonostante il dolore e la malattia, la difficoltà di avere a che fare con un handicap e un compagno "spezzato" ecc riflessioni che avrebbero potuto portare i protagonisti ad avvicinarsi pagina dopo pagina, a confrontarsi umanamente, con i loro punti di vista, quello di Noah, un ragazzo vicino al mondo degli umani e ormai inserito completamente nella loro società e Wade, un'alpha legato ai valori del branco e quindi più "chiuso" per tradizione...i due ragazzi potevano avere dei bei momenti, dolci, delicati e perché no... anche erotici ad un certo punto visto il loro legame di compagni predestinati, un viaggio che poteva essere un cammino di due persone verso la guarigione e felicità che è stato invece STRAZIANTE e RACCAPRICCIANTE! A partire dalla prima pagina. Troviamo un povero Noah che viene rapito crudelmente con il ricatto velato del "non è che devi venire con noi però.... non vorrei che il tuo papino e i fratellini si facessero la bua sigh sigh" un ricatto vero e proprio che Noah accetta per amore della sua famiglia, delle uniche persone che lo hanno amato e protetto senza chiedere nulla in cambio ma anzi sacrificandosi e vivendo in costante pericolo, Noah sceglie di sacrificarsi e... si ritrova prigioniero di un incubo degno di Stephen king. Viene rinchiuso in una stanza senza che gli venga detto cosa gli faranno, dovendo convivere con il terrore che l'alpha e gli altri lupi uccidano i suoi cari, viene costretto a mangiare per "nutrire il suo lupo", rinchiuso e senza la possibilità di parlare con nessuno a parte il suo alpha che gli viene a fare visita ogni morte di papa e Fletcher, il beta stronzissimo che lo tratta a pesci in faccia considerandolo quasi al pari di un moscerino, gli viene tolta la libertà di comunicare con il mondo esterno in qualsiasi modo non avendo neanche un telefono o un computer, gli vengono tolte le medicine e nessuno ha pietà di lui neanche quando si ritrova per terra a strisciare e chiedere aiuto, mi ha disgustato la scena in cui c'è un Noah che prega e supplica il beta stronzo e questi scocciato chiama l'alpha, senza che so, avvicinarsi e preoccuparsi di toccarlo o tirarlo su... Noah si ritrova a vivere in una prigione avendo come unico compagno il dolore persistente dovute al suo incidente e mancanza di medicine che la setta di lupi cura con frasi motivazionali "il tuo lupo è forte! Devi nutrire il tuo lupo! Le medicine umane sono il demonio!! Sei avvelenato, starai bene" con frasi raccapriccianti che ti spingono a vivere nell'ansia l'incubo di sto povero ragazzo. Wade che è il compagno di Noah è impassibile... non pensa a spiegare come un essere umano che NON vogliono ucciderlo o umiliarlo (per un quarto del libro il protagonista crede che l'alpha voglia violentarlo e poi disonorarlo, renderlo al pari di una prostituta nel mondo shifter così che nessuno lo tocchi più!!) che vogliono cercare di trovare una cura alternativa a quella umana per far tornare il suo lupo, farlo mutare e guarire grazie al potere del lupo, non gli spiega le cose come un essere vivente, si limita a tenerlo prigioniero, ad andare a letto con lui legandolo a se e obbligandolo ad accettare il tutto e giustificando la sua prigionia con un bel "Ma non è che sei prigioniero... è solo che devi stare 24 h su 24 nella stanza perché non voglio ti faccia male uscendo come un qualsiasi umano/lupo e questo perché tvb, tadb compagno mio <3" per il 50% quindi c'è il MALE... il male assoluto, la sindrome di Stoccolma più nera e perversa nella storia degli M/M con Noah così vittima che si autoconvince che il suo carnef...compagno sia nel giusto, che arriva a non chiedersi neanche più della famiglia e quando rincontra i suoi è al pari di una bambola con Wade che mostra orgoglioso il morso della sua prostituta preferita ai poveri parenti sconvolti... come se fosse un pezzo di carne e non il suo innamorato... la prima parte è disgustosa e la rappresentazione in terra del pessimo gusto... e poi... il peggio! Perché ci sono più abusi? NO perché finalmente c'è qualcosa di concreto che ti fa smadonnare contro le 100 pagine che hai appena letto! FINALMENTE viene spiegato qualcosa a Noah, viene spinto a parlare con una dottoressa che gli spiega le cose tranquillizzandolo, Fletcher diventa più docile e come un fratello, Noah viene trattato come un essere vivente e finalmente, al 84% Wade diventata un essere degno di stima nel momento in cui ammette di amare il compagno e la FAMIGLIA del compagno, di amare Noah a tal punto da rinunciare anche a eventuali figli, tutto pur di stare per sempre con lui... una cosa bella che cozza completamente con il Wade indifferente alle torture e che non si era neanche degnato di accompagnare l'amante dal medico lasciando il compito al suo galoppino... La seconda metà introduce anche nuovi personaggi tra cui Mia, la nipotina dell'alpha con dei problemi a parlare e comunicare, una ragazzina insicura e spaventata per lo zio... viene approfondito questo tema? Viene presentata bene? La vediamo aprirsi con i protagonisti? È Mia che porta i due amanti a comprendersi? Ma ovviamente NO! Viene presentata 3 secondi e poi... puff... sparita! Ahhh questo libro... mi ha turbato, non solo per la prima parte disgustosamente offensiva ma anche per la seconda che nonostante sia carina e dolcetta, quasi godibile cozza completamente con la prima! È come se veniste rapiti da Saw e questi dopo avervi torturati, umiliati, spezzati, ricattati...di colpo vi regalasse le caramelline e un castello di cuoricini, regalandovi parole d'ammmore... WTF? Come dimenticare il dolore e le umiliazioni subite? COME? Come si fa a passare da un Noah prigioniero e al pari di un carcerato/criminale in isolamento a tutti uniti e felici? Come?
Sono.... turbata... Noah sindrome di Stoccolma a parte mi è piaciuto perché si vede che ci pensa alle cose, che ama la famiglia, che vuole bene al compagno (Come? Perché?) che pensa al suo futuro, che ha paura di non poter mai più camminare ed essere un peso, che vive costantemente con questo peso... il sentirsi un peso... il suo personaggio è caratterizzato molto bene e mi ha stupito in positivo ma tutto il resto AHHH avrei voluto prendere a fiori in faccia (come sono buona e poco minacciosa <3) l'autrice! Perchè aveva tutto, personaggi spezzati che potevano muoversi e amarsi seguendo UNA LOGICA, un PERCORSO SANO, ci potevano essere bei momenti intensi, lotte interiori dei protagonisti, angst pesante perché ci stava benissimo con l'insicurezza di Noah e la posizione scomoda di alpha di Wade che si ritrova un compagno non accettato dal branco e debole... ci poteva anche stare lo smut ma in un contesto di hurt/comfort, qualcosa di profondo, qualcosa oltre al semplice sesso... poteva non essere per forza un amore romantico e dolcetto con i cuori ma qualcosa di crudo e pesante con il giusto happy ending, qualcosa che poteva far stare male i lettori per intensità dei sentimenti e delle situazioni e invece mi ha ferito... di disperazione, delusione e disgusto... sarebbe magari 2,5 stelline per la seconda parte ma non mi sento neanche di arrotondare a 3 visto che non ne vale la pena. Lo consiglio? Ma assolutamente no... se cercate solo lo smut, non lo troverete o meglio troverete scene erotiche tra una scena cringe e l'altra, se cercate la dolcezza e siete facilmente impressionabili... AIUTO preparatevi agli incubi che di dolce c'è solo la seconda parte ma vi sfido ad arrivarci, se volete l'angst violento... rimarrete delusissimi dalla seconda parte fluffosa perché proprio quando poteva partire la tortura fisica alla Ramsay Bolton.. olè di coccole e la seconda parte è fin troppo dolce e.... è deludente sotto tutti i punti di vista... non si salva praticamente niente ed è sconsigliato... ironicamente ci sono romanzi pwp.... più belli e meno offensivi di questo! Tenetevene alla larga che è meglio

More posts
Your Dashboard view:
Need help?