logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: LGBT
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2017-10-13 02:57
Winterwode (The Wode #3)
Winterwode (The Wode) - J. Tullos Hennig

This series continues to impress. Just to be upfront - this series isn't a romance. Yes, there's a love story but the focus is really on Robyn and Marion's fight against the various forces that would see an end to their pagan way of life. Completing the trifecta is Gamelyn, Summer lord to Robyn's Winter. While Robyn's quest is pretty straightforward, the complications come from Gamelyn's inner turmoil and doubts and Marion's continued recovery from her ordeals in the previous book. They're both trying to find their footing, and Robyn's just trying to keep everyone together, after having lost them before. 

 

I did miss having narration, since the narrator for the first two books is so great. He had a way of reading the passive voice structure of some of the sections and sentences that still gave them energy. It took some time getting used to it, but once I did the story moved along flawlessly. 

 

This is a bridge book to the next trilogy of books in the series, but there's plenty here to keep my interested, and it does have a beginning, middle, end. It wouldn't stand on its own though, as you really do have to have read the first two books first, and while there's no cliffhanger per se, it's obviously a "to be continued" kind of ending. 

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2017-10-12 08:10
Release Day Blitz - Love By Number

 

 

TitleLove By Number

Author: DJ Jamison

Publisher: DJ Jamison

Release Date: October 12, 2017

Heat Level: 3 - Some Sex

Pairing: Male/Male

Length: 31,000 words

Genre: Romance, LGBT, m/m contemporary romance

 

Add to Goodreads

 

 

 

 

 

Synopsis:

 

Aidan doesn’t have the best record with relationships, but he’s had a lifelong love affair with baseball. Player stats and computer simulations make sense. People don’t. But when he needs a ride to the World Series, he must rely on another person: a sexy artist who is as spontaneous as Aidan is predictable.

 

Jesse doesn’t care about baseball. As an artist, he'd rather paint a player than watch him at bat. But his grandpa loves the Kansas City Royals, so he takes him to every home game. He has no idea a fender bender in the parking lot is about to deliver new inspiration in the shape of a man with a whole bag of quirks.

 

Despite their differences, Jesse and Aidan hit it off, and their sexual chemistry is fantastic. But when Aidan's numbers betray him, Jesse isn't prepared for the fall-out. If Aidan continues to put his passion for baseball stats above everything else, he could miss out on the most important numbers in life: the number of smiles, kisses and laughs they could share in a lifelong journey together.

 

 

Excerpt:

 

Aidan clutched at his hair, heart hammering in his chest. The front driver’s side of his black Saab was crumpled. The wheel well took a direct hit, the force of the collision pressing it into the tire. He could tell from just looking that the axle must be bent, if not broken, by the way the tire tilted at the wrong angle.

 

It’s not drivable, he thought, and his heart hammered harder. He felt his hands trembling, and not as an aftershock of the accident. Well, not from experiencing the accident, at least. He was shaking because his plans had just been thrown in the blender.

 

“Hey, you okay?”

 

He looked up, gazing blankly at the figure approaching him. A man, but his features were lost in the shadows. Not that Aidan could focus on something like facial features right now. That wasn’t easy on a good day, much less in a moment like this.

 

“It’s not that big a deal,” he muttered to himself, as he’d learned from his therapist years ago. “It’s not. It’s not. But ...” He groaned and clutched at his hair some more. “How am I going to get to the World Series now? I have to get there!”

 

He’d wrapped up so many hopes in getting to that series, in watching the Royals perform in high-stakes games. It was the perfect time to prove out his math. It might not be rocket science, but Aidan still wanted to watch his math come to life on the baseball field, in the most important series of the season. In person.

 

A hand touched his shoulder, and he flinched away.

 

“I’m sorry. Are you hurt?” a voice asked. A nice, mellow voice. He liked the raspy quality of it and the cadence of the man’s words. His tone calmed Aidan.

 

He managed to drag his gaze from the damage to the man’s face. “I'm ...”

 

Sexy Artist Guy.

 

He faltered when he recognized the dark hair tinted with maroon highlights, dark eyes and sculpted lips — all coming together in a perfect symmetry. A perfect representation of geometry in nature, really. And the freckles splashed over his nose, highlighted now by the security lights overhead? They somehow added to his sex appeal instead of detracting from it.

 

Aidan had seen an open sketchbook on this man’s lap more than once when passing by on a bathroom break. He mostly drew portraits, from the look of it, but Aidan had only caught a glimpse. It made sense he was an artist since his entire appearance was like a work of art to Aidan’s eyes. He couldn’t imagine being so creative with his hair or his wardrobe or his skin, where Sexy Artist Guy had embraced both tattooing (his right bicep) and piercing (both ears and right eyebrow).

 

“I’m so sorry,” Sexy Artist Guy said again. “I saw an opening and went for it. I didn’t see you coming, but my grandfather was distracting me—”

 

“Blame it on the old man, why don’t ya?” a hoarse voice boomed loudly enough to make Aidan jump.

 

“Gramps, not now, huh? The guy is freaking out.”

 

“I’m not freaking out,” Aidan said sharply. The fascination with the stranger’s face faded as he remembered why he was in this situation. He gestured to the damage. “There’s no way I can drive that.”

 

“We can give you a lift,” the old man said, at the same time the handsome stranger said, “We’ll call you a tow truck.”

 

“But look at my car!” he said, not sure they understood the direness of the situation.

 

Artist Guy frowned, then glanced behind Aidan. Following his look, he realized they were blocking traffic. A line of cars snaked through the parking lot, headlights shining on Aidan’s personal disaster.

 

“I should move my car.” He glanced back at the bent wheel well, frowning. He hoped he could move the car.

 

“Jesse,” the old man spoke, “you help him push. I’ll get in and put it in neutral.”

 

They all took their positions, and with some work managed to push the car into an empty space next to the Lincoln Towncar that had so cruelly crunched the Saab. Aidan cringed at the scraping metal sound as his car rolled out of the lane of traffic.

 

Once off to the side, Jesse pulled out his wallet. He handed his license to Aidan, who stared at it. He took in all the details: 6-foot-1, 175 pounds, brown hair, brown eyes, born one year after Aidan, making him twenty-six.

 

Jesse cleared his throat, and Aidan glanced up.

 

“Aren’t you going to take a picture?” Damn. He’d been staring. The old saying popped into his mind: Take a picture, it’ll last longer.

 

He flushed. “Sorry.”

 

He started to hand the license back, but Jesse looked at him as if he had a screw loose. Then it clicked. Take a picture. For insurance. Right.

 

He dug out his phone and clicked the pic of the license, and then of the insurance card that Jesse handed over. He was still rattled by the accident, thrumming with bottled-up anxiety.

 

“You okay? You’re pretty twitchy,” Jesse said. “I’m sure the insurance will cover the damage.”

 

“Yeah, but it’s my car.”

 

“Yeah?”

 

Aidan waved to his car, unsure how to make Jesse understand.

 

“It was reliable.”

 

“Um, won’t it still be reliable when it’s fixed?”

 

“The World Series is in two days.”

 

“So ...”

 

“Jesse, stop being thick,” the old man interrupted. “Obviously, he was going to drive up to St. Louis, and a Saab is a foreign car. He won’t be able to get the parts locally. Maybe not even the mechanic. They don’t make those cars anymore. He can’t get it fixed in time.”

 

“Oh.”

 

“I have to go to that game. I go to all the away games within driving distance. I always do. And this is the World Series. I'm going to have to take a bus, and, oh God, I can’t stand to ride the bus—”

 

“Jesse will drive you.” Aidan looked at the older man. He had a bushy head of white hair and enough wrinkles to give a Shar-Pei a run for its money, but his tone was confident, the kind of confident that brooked no nonsense. He’d heard that tone from his own mother too many times to count.

 

“He will?”

 

“I will?” Jesse echoed. “Gramps, I’m sure Aidan doesn’t want—”

 

“That would be great!”

 

Normally, Aidan wouldn’t want to ride long distance with a stranger, but when contrasted with a bus full of strangers, he jumped at the opportunity. Besides, Jesse and his grandfather had been at every home game. If Jesse were some kind of predator or bully, he'd have shown it by now. Right?

 

He’d only had one other interaction with Jesse. He’d walked up to Aidan once, when he was trying to quickly record the stats from the latest play and compare them against what he’d predicted for that player’s performance. Aidan had been too distracted to make conversation, especially small talk with a stranger. But he couldn’t help noticing his great smile. Jesse was one of those people who smiled with his whole being, not just his mouth. His eyes brightened, his cheeks dimpled and his body even seemed to vibrate with happy energy.

 

Aidan liked that because it was easy to see Jesse’s happiness. It wasn’t subtle, which would be lost on him, or confusing — like when people’s mouths smiled but their eyes stayed cold. He didn’t understand that. Was he supposed to respond to their mouth or their eyes? And then there were some people who just smiled all the time, even when they said mean things. What did that mean? Smiles could be confusing, but Jesse’s wasn’t.

 

“I have tickets to the games,” Gramps was saying now. “I was going to ask you to go, as a favor to me.”

 

“What? But you said in the car—”

 

“Hush,” Gramps said, a gleam in his eye. “I’m not up for that kind of travel. I want you to go in my place, so you can tell me all about it. You take this nice young man. It’s the least we can do. Watch the games for me, and tell me all about it when you come home.”

 

Aidan pulled out his phone to call the tow truck, watching the two men in a staring stand-off. He made arrangements for the tow and disconnected in time to see Jesse sigh and nod.

 

“Okay, Gramps. For you.”

 

“Good boy,” Gramps said, clapping him on the shoulder.

 

 

Purchase at Amazon

https://www.amazon.com/dp/B076D783GK

 

 

 

 

 

Love By NumberLove By Number by D.J. Jamison
My rating: 3 of 5 stars

Aidan is smart and loves math. He also loves Baseball. A mishap has him meeting the man he watched from afar, Jesse.

Jesse has also watched Aidan from a distance. Only he is very different from Aidan. When they finally meet, there is a cupid trying to get them together. Can they meet in the middle?

This book has many sexy moments. The story flowed well and at a good pace. I wish we had seen more actual character interaction. Overall is a good read.


***This early copy was given in exchange for an honest review only.

View all my reviews

 

 

 

 

 

 

Meet the Author:

 

DJ Jamison grew up in the Midwest and worked in newsrooms for more than 10 years, which came in handy when she began writing stories centered on a series of love connections between small-town Kansas newspaper staffers, their sources and their readers. It was the perfect entrance into the world of fiction, and she has since branched out into ERs, health clinics and other settings to tell the stories of characters who are flawed but loveable. She writes a variety of queer characters, from gay to bisexual to asexual, with a focus on telling love stories that are more about common ground than lust at first sight. DJ is married with two sons and two glow-in-the-dark fish that are miraculously still alive.

 

Website | Facebook | Twitter | Goodreads | DJ and Company | DJ's Newsletter

 

 

 

Giveaway:

a Rafflecopter giveaway

 

 

 

Blog Button 2

 

 

Save Save Save

Like Reblog Comment
review 2017-10-03 00:20
Alla ricerca di Zach - Rowan Speedwell,Niccolò Cortelazzo

Avevo nel Kobo questo libro da parecchio tempo, da quando è uscito, lo avevo preso colpita dalla trama e desiderosa di iniziarlo in tempi brevi o almeno... era quello che speravo... purtroppo non sono mai stata molto puntuale nelle letture e anzi spesso e volentieri purtroppo mi dimentico completamente della loro esistenza sommersa dalle costanti novità in uscita, da svampita quale sono penso sia inutile sottolineare che che anche in questo caso mi ero dimenticata il titolo di questo libro, per molto tempo mi era rimasta in mente la trama vista la sua particolarità ma non ricordando minimamente, autore, titolo o casa editrice e non esistendo ancora un sito magico in cui basta scrivere "Cerco un libro in cui succede questo e questo" e ti trova vita morte e miracolo del titoli in questione... avevo dovuto rinunciare alla lettura, concentrandomi sulle altre presenti nella mia Tbr. Inutile quindi sottolineare la sorpresa quando durante una delle mie pulizie "Kobesche" me lo sono ritrovata davanti in tutto il suo splendore.
L'ho ovviamente iniziato subito, prima di rischiare nuovamente di dimenticarlo e... mi ritengo soddisfatta della mia scelta.
La storia mi ha colpito fin dall'inizio in tutta la sua crudeltà e mi è stato impossibile staccarmi dal libro prima di averlo finito.
L'autrice ci porta a vivere una vicenda complessa e spietata in cui viene messa a nudo tutta la crudeltà degli esseri umani, è una storia di violenza e abusi ma anche di speranza e rinascita, di come anche dall'inferno si possa uscire, anche quando sembra che tutto il mondo ci crolla addosso.
Ho provato fin dalle prime pagine un profondo affetto per Zach, un ragazzo distrutto dalla vita e alla ricerca di un futuro che per molto tempo gli è stato negato. Il giovane infatti aveva solo 15 anni quando è stato rapito da Esteban, un crudele trafficante senza scrupoli che per ben 5 anni lo ha torturato fisicamente e mentalmente, violentandolo e picchiandolo senza pietà, trattandolo come un cane e obbligandolo a sottomettersi a lui. Solo dopo 5 anni di inferno il ragazzo è stato miracolosamente salvato e si ritrova due anni dopo il suo ritorno a casa a dover riprendere in mano le redini della sua vita. Zach è ormai un uomo ma nonostante abbia solo 22 anni è stanco, come se avesse vissuto mille vite, è costantemente alle prese con la paura di star vivendo in un sogno, di essere ancora prigioniero in una gabbia e di ritrovarsi addosso da un momento all'altro le mani del suo aguzzino, ha costanti attacchi di panico, non riesce a comunicare come si deve le sue emozioni neanche con i suoi genitori chiudendosi in se stesso per nascondersi dal mondo che lo circonda senza comprendere il dolore che si porta dentro. L'uomo non sa cosa fare della sua vita, ha qualche idea ma nulla di concreto in mente e si trascina stancamente giorno dopo giorno senza vere aspettative, vivendo passivamente, sfogandosi in storie di una notte con uomini sempre diversi, senza amici al suo fianco se non i suoi genitori, che dal suo ritorno a casa lo trattano con amore e rispetto facendosi in quattro per lui e aiutandolo come posso. La vita di Zach però è destinata a cambiare quando ritorna nella sua vita David. Il ragazzo per il protagonista è sempre stato un'ancora di salvezza, il primo uomo che abbia mai amato, a cui ha donato il suo amore e il primo bacio, quel primo dolce bacio dato con spavalderia e trionfo, quel bacio dato pochi giorni prima di finire all'inferno. Taff lo ha sempre aiutato anche quando non era al suo fianco, era al suo ricordo che si aggrappava con le unghie e con i denti quando Esteban violentava il suo corpo spezzando anche la sua anima, era lui a cui pensava e da cui sperava un giorno di poter tornare. L'incontro tra i due non è semplice. Zach è terrorizzato da quello che è diventato, non solo un uomo distrutto dal dolore ma anche segnato nella mente e nel corpo da cicatrici indelebili, un uomo che non si sente all'altezza di Davey, diventato negli anni ancora più bello e irraggiungibile ai suoi occhi. Zach quindi cerca di fuggire, di nascondersi dall'ex amico, David però è un uomo meraviglioso, simpatico e dolcissimo e non si lascia spaventare, affronta Zach con forza e coraggio, riesce rientrare nella sua vita, aiutando e supportando l'uomo di cui è ormai da troppo tempo innamorato. La storia d'amore tra Zach e David è intensa e coinvolgente, una storia difficile alla quale è impossibile rimanere indifferenti. I momenti tra i due sono molto diversi tra loro, ci sono momenti dolci, quasi romantici in cui gli innamorati riescono ad esprimere i propri sentimenti e a confidare le loro paure, momenti più intimi in cui attraverso il sesso riescono a riscoprirsi nell'anima e nel corpo, momenti divertenti fatti di battute, le stesse battute che si scambiavano da ragazzi e ahimè... anche da momenti difficili, in cui entrambi si ritrovano costretti a lottare, con la paura di perdersi per sempre, di non riuscire ad esprimere correttamente quell'amore così puro, di farsi annientare dalla paura. Una storia che non lascia indifferenti e che anzi ti colpisce al cuore senza pietà. Ho provato moltissime emozioni durante tutta la lettura e una volta finita... mi sono sentita felice per Zach, per la sua rinascita, per essere riuscito a riprendersi una vita che un essere spietato gli aveva tolto e questo grazie all'amore e al rispetto del suo Taff ma anche della famiglia, una famiglia adorabile e spassosa, ho amato Jane e Richard, due genitori che nonostante gli errori del passato sono riusciti non solo ad accettare l'omosessualità del figlio ma anche ad aiutarlo a riprendersi dal trauma subito. Una bella storia che ahimè.... ha avuto anche qualche piccola pecca prima fra tutte la scelta di non focalizzarsi sul ritrovamento di Zach scegliendo di ambientare l'intera vicenda due anni dopo il rilascio del ragazzo, inizialmente la storia ci presenta due capitoli intensi, uno dedicato al salvataggio di Zach e uno al primo incontro dopo anni con i due genitori e questa cosa mi aveva fatto ben sperare, erano capitoli ben fatti e anche un po' particolari visto il pensiero di Zach, vista la sua salute mentale precaria, avrei voluto vedere la storia partire direttamente da lì, dopo quell'incontro doloroso e commovente con i genitori, così da rendere la vicenda ancora più coinvolgente ed emotiva purtroppo si fa un salto in avanti ben due anni dopo... ritroviamo uno Zach che ha già, anche se in parte, iniziato un nuovo percorso di vita, che riesce a comunicare, che riesce ad avere dei pensieri razionali... e questo spezza un po' l'atmosfera e la storia tende in seguito a focalizzarsi troppo sul riavvicinamento tra i due amanti piuttosto che sull'elaborazione del trauma subito, avvenuta dietro le quinte e in quei due anni mancanti nella narrazione. Una scelta sicuramente azzeccata, permettendo all'autrice di non scavarsi una tomba con le proprie mani essendo di fatto molto complesso descrivere la psicologia di una persona distrutta a tal punto da non riuscire a parlare comportandosi di fatto come un cane, una scelta astuta ma che mi ha un po' deluso
Rowan Speedwell decide inoltre di inserire all'inizio del romanzo in due o tre flashback gli eventi principali della prigionia di Zach, le violenze, la morte di Esteban ecc e questa scelta l'ho trovata... discutibile, avrei preferito a questo punto che questi eventi così importanti fossero stati raccontati dal protagonista a David, magari tirati fuori durante il romanzo, in momenti più intimi, per dare maggiore suspence e dramma in alcuni momenti... ad esempio la morte di Esteban viene toccata nella fine del libro, avrei preferito un flashback in quel momento, capire come era morto e perchè in quel momento, vedere la reazione di David mentre tutto viene tirato fuori e messo da parte tre secondi dopo... la scelta di buttare questi flashback addosso al lettore all'inizio, quasi a volerseli togliere di torno, per far empatizzare fin da subito con il giovane per poi focalizzarsi sulla love story mi ha fatto storcere non poco il naso facendo calare la votazione di una stellina. A parte questi piccoli punti, completamente soggettivi e non effettivamente difetti, ho comunque amato l'intera vicenda. Purtroppo il libro è molto crudo e contiene anche descrizioni di scene parecchio pesanti, la stessa trama non è delle più leggere e questo lo preclude a molti lettori, quelli più sensibili, se infatti vi turbate con facilità per certi temi come la violenza e lo stupro... la lettura non è consigliata. Se cercate un libro semplice non è consigliata, se cercate un libro divertente e romantico non è consigliata. Mi sento di consigliarla solo ed esclusivamente a chi non si fa intimorire dai romanzi più "dark", in tal caso non avrete problemi e potrete godervi non solo tutta la parte più angst ma anche la sua componente più dolce, passionale e... divertente.

Like Reblog Comment
review 2017-09-30 18:35
Antisocial - Heidi Cullinan

Sono stata per mezz'ora ferma davanti al pc cercando di trovare le parole giuste per iniziare a parlare di questo libro ma ho fallito miseramente e di conseguenza credo mi lascerò andare un po' a uno sfogo libero per chiudere la questione. Ho scoperto l'esistenza di Antisocial grazie a un'amica fan dell'autrice, la classica fan pazza che legge ogni libro della Cullinan contando i giorni all'uscita del prossimo, conoscevo quindi il suo essere un po' di parte e che quando di solito mi chiama e dice "Questo libro è il migliore, l'autrice è un genio, Giada leggilo o sei una brutta persona" c'è sempre da aver paura e chiedersi se è veramente così bello come dice e mi sto perdendo un potenziale capolavoro o è il suo prosciutto davanti agli occhi a parlare per lei, solitamente non mi sarei presa la briga di buttarmi nella lettura di un libro in lingua, appena uscito e che probabilmente non verrà mai portato in Italia, un romanzo consigliato da una fangirl accanita ma in questo caso... si parlava di un tema a me completamente inedito, l'asessualità! Non avevo mai letto un libro con questo tema, non ho mai trovato un libro che avesse un personaggio asessuale, mi è capitato di leggere di bisessualità, omosessualità, transessualità ecc ma mai asessualità...era un nuovo mondo inesplorato e mi è bastato il suo "Ma guarda che il protagonista è asessuale" per convincermi e meno in due secondi lo avevo già inserito nel mio Kobo e iniziato. Avevo molte speranze, non proprio aspettative non sapendo cosa aspettarmi in questo nuovo mondo, solitamente i romanzi per riempire un po' i buchi inseriscono a caso scene di sesso o romance per intrattenere e non farti capire che la metà di quelle pagine è fuffa e tutto... funziona (almeno la maggior parte delle volte) mi chiedevo quindi come si poteva riempire ben 460 pagine, non pochissime, senza toccare il sesso, senza scene erotiche o presunte tali soprattutto se il romanzo in questione è ambientato in una scuola quindi con ragazzi con ormoni a palla e alle prese con la scoperta della loro sessualità e pronti a violentare pure una sedia. Avevo speranze enormi che si sono completamente... dissolte nell'aria quando alle 4 di questa mattina ho concluso la lettura con una smorfia sulla faccia e una confusione assurda in testa.
Il libro mi ha... diviso completamente a metà!
Una parte lo ha apprezzato, la scelta di inserire un personaggio asessuale è coraggiosissima, una scelta inusuale, che si discosta dai soliti cliché, ma difficile da gestire e posso dire che almeno in parte Heidi Cullinan è riuscita nell'intento non snaturando completamente il personaggio di Skylar ma rendendolo il più aperto possibile al lettore, per permettere di identificarsi con lui, con le sue paure e ansie, con il timore di non essere capito per la sua condizione e di rendere infelice il partner non provando in certi momenti importanti le stesse sensazioni di altri amici e compagni di scuola. Skylar è un bel personaggio e mi ha colpita, lo avevo giudicato un po' male all'inizio, il bello, buono come il pane e giustiziere della notte che aiuta lo sfigato invece è molto complesso, non dovendo solo portare il fardello di una asessualità che non riesce a comprendere e vivere fino in fondo ma anche un percorso di vita già scritto, con una famiglia insensibile ai suoi interessi, una madre assente e un padre padrone che ha deciso che diventerà un avvocato e che non si è mai fermato a chiedere al figlio cosa voglia nella vita, è un uomo che nel momento in cui vede suo figlio convinto e sicuro del suo nuovo progetto lavorativo, del suo nuovo futuro gli proibisce di attuarlo, minacciandolo senza pietà. Skylar è un ragazzo che soffre ed è chiuso in una gabbia dorata che hanno costruito ad arte per lui e solo grazie a Xander riesce a vedere quello che c'è oltre, a sperare in un futuro che appartiene a lui e a nessun altro. Xander è l'amore e la salvezza per Skylar. Il ragazzo sa cosa vuol dire soffrire, anche lui non ha un rapporto idilliaco con la madre, anche se non ai livello di Skylar, è un giovane che non ama il contatto umano, è stato troppo spesso ferito dal mondo circostante e si è reso conto che stando da soli, circondati solo da 2-3 amici fidati, si può stare bene ed evitarsi problemi inutili. Mi sono sentita fin da subito coinvolta nella sua vita essendo io stessa un po' una antisociale, non a livelli di Xander ed evitando i contatti anche con i social network, ma io stessa preferisco di gran lunga evitare gli esseri umani che respirano (e talvolta anche quelli che NON respirano). È un ragazzo un po' scorbutico ma molto dolce, che nonostante questo suo desiderio di rimanere da solo, sotto sotto desidera essere amato e accettato tanto da permettere al ragazzo di sconvolgere il suo mondo facendogli fare esperienze che da solo non avrebbe mai fatto, a sognare di far diventare la sua arte un lavoro.
L'interazione tra i due è dolcissima e i momenti insieme mi hanno scaldato il cuore, c'è amore e delicatezza in ogni scena, voglia di contatto e conforto e la mancanza del lato più sessuale della vicenda non si fa rimpiangere dimostrando che non serve tirare fuori un pene per far andare in brodo di giuggiole il lettore.
Tutto poteva essere perfetto ma si rovina completamente. Il libro conta ben 460 pagine, di solito non mi lamento non essendo una che conta le pagine ma che anzi... non ne ha mai abbastanza ma in questo caso tutte quelle pagine si sentono.
Fino a quando la storia si focalizza su Skylar e Xander tutto fila liscio come l'olio, il racconto ti acchiappa e spinge a continuare peccato che in molti momenti ci si sposta su altro, ritrovando i personaggi ad interagire in scenette inutili con gli amici ad esempio, scene che in altri libri avrebbero dato un senso per costruire un mondo a parte in cui far muovere i due protagonisti ma che qui servono soltanto ad appesantire il racconto senza aggiungere nulla di importante ma anzi smorzando qualsiasi entusiasmo, stesso discorso per le varie citazioni ad anime e manga, da fan mi aspettavo di apprezzarle di più ma tutto è portato all'eccesso. È stato come andare a casa di amici appena sposati e sentirmi dire "Ehi Giada, è vero che ti piacciono gli album di foto?" "Ehm... si?" "Perfetto! Lo sai che abbiamo 20 album da farti vedere?!" Bene... una attività che parte con le migliori intenzioni amando io gli album fotografici, peccato che al primo album posso essere sorridente ed entusiasta, al secondo solo più felice e al terzo... beh.... non potrei fare altro che sperare di tagliami un dito con la carta per correre all'ospedale e con la scusa allontanarmi a gambe levate dalla casa dei due pazzi amanti delle foto. Qui è la stessa cosa, alle prime citazioni ero entusiasta, poi ero felice e infine... saltavo quasi le pagine... una cosa non proprio raccomandabile in un romanzo che dovrebbe intrattenere e non annoiare a morte. Purtroppo la storia a mio avviso si è rovinata con le sue mani, il desiderio di creare un mondo in cui inserire le passioni di Xander e Skylar è venuto meno allungando all'invero simile tutta la storia con scene inutili e sempre uguali che mi hanno fatto costantemente rallentare. Le vicende interessanti e utili per comprendere la storia d'amore e di vita dei ragazzi sono circondate e affossate da quelle inutili e inserite solo per dare maggiore spessore al romanzo, non mi piace dirlo ma sono convintissima che se fosse stato ridotto della metà, anche solo a 200 pagine, sarebbe stato uno dei miei libri preferiti e invece no. Dal 70% in poi ho rallentato e sono stata ferma per giorni nella lettura e mi sono sforzata mentalmente e fisicamente per non lasciare il libro definitivamente e non è certo bastato quel 10% del finale a farmi ritornare il sorriso sulla bocca e anche quel lieto fine così romantico e perfetto, così artistico e in linea con Xander, non mi ha ridato il sorriso. Mi sento quasi in colpa perché ho notato che molti lo hanno amato e apprezzato proprio per tutte le scene aggiuntive, per tutti i riferimenti, per tutte quelle pagine che per me dovevano essere cestinate. Non so neanche come valutarlo, ho dato tre stelline facendo prevalere la "Giada cattiva" ma non sono comunque convinta della mia valutazione perché sento che da una parte sono poche, la storia d'amore e amicizia dei due giovani funziona bene, i personaggi funzionano, lo stile è perfetto e artistico al punto giusto sposandosi con la personalità di Xander e meriterebbe se non cinque almeno quattro stelle ma proprio non ci riesco, quella sensazione di gelo a fine lettura e di delusione mi ha bloccato. Non capisco se è il momento sbagliato o se proprio il romanzo ha fallito, almeno nel mio caso. Non mi sento di sconsigliarlo perché non è male ma allo stesso tempo mi sentirei in colpa a consigliarlo per paura che qualcuno si ritrovi a trascinarsi stancamente tra le pagine proprio come ho fatto io, che per giorni non sono andata avanti per... noia... e senza il desiderio di scoprire il finale. Non mi sento quindi né di consigliarlo né di sconsigliarlo. Se siete incuriositi di scoprire un bel personaggio che deve convivere con la sua asessualità potete forse dargli un'occasione in quanto l'autrice è riuscita a descrivere Skylar nei suoi pregi e difetti alla perfezione. Se cercate invece qualcosa di più, di ritrovarvi incollati fino alla fine, di trovare momenti super romantici o scenette un po' piccanti o divertenti, girate pure al largo essendo un romanzo da leggere con la giusta concentrazione e più orientati verso il lato psicologico che romance. Nel mio caso è stata una mezza delusione e anche nel caso venga tradotto non so se lo rileggerò. Al momento è un no e non so se avrò mai occasione di rileggerlo per rifarmi una nuova idea, per ora decisamente no.

Like Reblog Comment
review 2017-09-30 01:41
Principessina (The Troubled Teen Series Vol. 1) - Susan Moretto

Zeke è uno dei ragazzi più belli della scuola, popolare, amato dalle ragazze che lo seguono e scrutano con aria sognante, un quarterback quasi intoccabile agli occhi del mondo, tutto sembra essergli perdonato, anche i crudeli atti di bullismo che lui e il suo migliore amico perpetrano ai danni dell'unico ragazzo omosessuale dichiarato della scuola. Tutto perfetto, se non fosse che il giovane nasconde un segreto, un segreto che rischia di rovinare la sua vita e reputazione per sempre. È omosessuale, proprio come Gabe, la principessina della scuola, ed è terrorizzato, non sa cosa fare, come comportarsi, per lui gli omosessuali sono uguali a quelli che ha visto in telefilm come Queer As Folk, volgari e promiscui oppure effeminati e costretti a vestirsi e parlare come una ragazza. Lo preoccupa il fatto di doversi dichiarare davanti a tutta la scuola ma ancora di più davanti a sua madre, l'unico affetto che gli è rimasto dopo la morte del padre. È questa paura che lo spinge a rivolgersi all'unica persona che sa cosa significa essere gay, a Gabe, lo stesso ragazzo che da anni si diverte a tormentare e buttare in un cassonetto, dilettandosi in quello che viene chiamato "Il lancio della principessina", un atto orrendo ma tollerato da tutta la scuola, visto come un giochino innocente che non fa del male a nessuno. Gabe è sconvolto, quando Zeke si rivolge a lui per la prima volta confessando la sua omosessualità non sa come reagire, una parte di lui vorrebbe ridergli in faccia e umiliarlo come merita un ignorante quarterback ma... non lo fa, c'è qualcosa negli occhi del compagno di classe, quella confessione, di non voler sconvolgere sua madre, di volerle parlare e farsi amare ancora da lei, qualcosa che lo colpisce nel profondo, spingendolo per una volta ad assumere il ruolo di principe azzurro per aiutare il nuovo amico nel duro cammino che gli si para davanti. Inizia così il percorso dei due ragazzi, un cammino complesso che li porterà non solo ad affrontare il dolore che l'omofobia e l'ignoranza possono provocare nelle persone che hanno l'unica colpa di voler essere se stesse e amare liberamente senza essere discriminate, ma anche quello verso l'amore, la scoperta dell'amore, quello dolce e puro che riesce a vedere oltre la crudeltà, oltre le botte e la cattiveria del mondo. Quando ho iniziato questo libro, non avevo letto la trama, ero completamente all'oscuro di cosa trattasse e alle prime pagine, pensavo di aver già capito tutto, ecco il classico figone della scuola che magari chiederà aiuto allo sfigato gay per un problema scolastico, essendo il gay probabilmente non solo l'emarginato numero uno ma anche un nerd, e olè ci saranno cuoricini, lo stronzo si riscoprirà a sua volta gay o bisessuale e inizieranno ad uscire, ero convintissima di questo e già pronta a mettere le solite 3 stelline "perché il libro è simpatico e scorrevole ma nulla più" e invece mi sbagliavo e mi sono ritrovata incollata alle pagine, desiderosa di finire la lettura quanto prima, innamorata di Zeke e Gabe e del loro amore. La storia nonostante parta un po' da un cliché, viene sviluppata molto bene portando una ventata di aria fresca nel genere. Zeke non è solo il figo di turno ma prima di tutto un ragazzo spaventato e non il classico spaventato che picchia tutto e tutti e fa il bullo perché ferito dal mondo, ha si paura ma si rende conto di quello che è, di come la sua vita sta cambiando e quegli atti di bullismo che ci vengono accennati a inizio romanzo, quel rituale di lanciare un povero ragazzo in un cassonetto, non lo divertono più, il giovane è cambiato e già a inizio romanzo ci viene presentato il suo cambiamento, non ci ritroviamo di fronte il solito libro in cui durante la lettura il ragazzo inizia a cambiare e crescere ma di fronte un adolescente che è già cambiato, ha già iniziato un percorso di crescita ed è desideroso di esprimere se stesso ma non sa come fare, ha paura di poter deludere la madre, di perdere i suoi amici e diventare una nuova principessina, di dover vestire a forza di rosa e prendere il tè con le amiche, è imprigionato nella paura ma soprattutto nell'ignoranza che ahimè dilaga ancora troppo tra i giovani nonostante gli anni in cui ci troviamo, dove basta un computer e una connessione internet per accedere a qualsiasi enciclopedia o informazione, si ritrova imprigionato nella stessa ignoranza che caratterizza molti giovani della sua età, troppo preoccupati del diverso per cercare di guardare davvero, di informarsi e parlare, pensa che i gay siano solo quello che si vede in tv e di dover per forza rientrare in uno stereotipo che non è. Quando si avvicina a Gabe lo fa con timore e imbarazzo, sa di aver bullizzato il ragazzo da anni e che probabilmente lui non vorrà mai aiutarlo e perdonarlo, vuole avere un ancora di salvezza, una persona che lo aiuti in un percorso che sembra essere più forte e grande di lui. Gabe diventa quindi la sua roccia, ironicamente la principessina diventa un principe che aiuta e difende Zeke. Gabe è il personaggio che più ho amato nella storia, non è il cliché gay vestito di rosa ed effeminato, ma un ragazzo che non ha paura di esprimere se stesso, è un giovane che ha sofferto le pene dell'inferno fin dalle medie, ha avuto il coraggio di dire al mondo che è omosessuale e ha ricevuto in cambio solo pugni e schiaffi, ha visto il mondo rivoltarsi contro di lui a partire dalla famiglia, gli stessi genitori che dovrebbero amare incondizionatamente i propri figli lo hanno tradito senza pietà, la madre finge che non esiste, sorridendo con amore alla sorella ma non rivolgendogli la parola, quasi passandogli attraverso come se fosse morto, come se fosse un fantasma e il padre sfoga le sue frustrazioni non esitando a mettergli le mani addosso, i compagni di scuola lo bullizzano o evitano, chiedendosi se toccandolo o parlando con lui possano prendere qualche malattie, magari l'HIV che solo i gay come lui hanno, l'unico appoggio è Mery, sua sorella, che lo ama e difende, dalle botte, dalle violenze e dagli abusi. Gabe è una persona fragile che è dovuta diventare forte, ha dovuto mettersi una corazza per rispondere alle botte e alle umiliazioni, desidererebbe solo andarsene, scappare via da tutto e tutti ma non potendo, risponde alle provocazioni come può, comportandosi normalmente, esprimendo se stesso, indossando la maglia della sorella che tanto ama. Gabe sa cosa significa la paura e il dolore e la sua decisione di aiutare Zeke gli fanno onore, potrebbe benissimo vendicarsi, ha il coltello dalla parte del manico, potrebbe andare in giro a dire che Zeke è gay, potrebbe sputargli in faccia tutto il suo veleno e rancore ma non lo fa perché è buono, è una persona buona che desidera che almeno Zeke possa avere un coming out come si deve, che almeno lui possa avere un rapporto con la madre, vuole aiutare il quarterback nonostante il dolore che gli ha provocato negli anni. Il rapporto tra Gabe e Zeke è dolcissimo, entrambi trovano nel compagno quello che cercavano, Zeke trova una persona che riesce a vedere chi è in realtà e non lo giudica, Gabe è la prima persona a cui ha confessato la sua omosessualità ed è riuscito a perdonare i suoi errori e sbagli arrivando ad aiutarlo, Zeke si innamora della purezza e dolcezza di Gabe, della sua voglia di aiutare il prossimo, anche se il prossimo in questione è lo stesso che lo etichettava come frocio e maltrattava. Gabe trova l'amore di una famiglia. Jessica la madre di Zeke è l'opposto di quella del giovane, non esita a dare tutto l'amore e il supporto del mondo al figlio, rimproverandolo teneramente per le sue paranoie inutili, dicendogli che il fatto di essere gay non cambia nulla e anzi, arriverà a prendere a pugni lei stessa chiunque osi bullizzarlo e maltrattarlo per la sua identità sessuale. Jessica diventa anche la madre di Gabe, appena lo vede lo prende subito in simpatia e sviluppa in poco tempo un amore materno nei confronti di quel tenero ragazzo che troppe volte ha dovuto piangere e ricucirsi le ferite da solo, gli offre una casa e una famiglia, Gabe trova l'amore di una madre, una vera e Zeke diventa non solo un compagno e un amante ma un amico, un fratello, una persona che è disposta a combattere, a lottare per i suoi sentimenti, per aiutarlo, senza paura del mondo e delle sue insidie. Il rapporto tra i due giovani è perfetto, il loro modo di avvicinarsi, con vergogna e timidezza in principio e poi con sempre più foga, con voglia di scoprirsi a vicenda mi ha commosso. Ho adorato quel primo timido bacio dopo un pazzo coming out, quella prima volta, così dolce e speciale, dettata dal timore di far soffrire il partner ma anche dal desiderio di conforto e amore. Tutto è ben curato e studiato ad arte per farti amare i due protagonisti e fare il tifo per loro, alla faccia di tutto e tutti. L'autrice è riuscita a creare una storia forte, con temi spinosi, la violenza in famiglia, l'omofobia e l'omertà che ne consegue, l'ignoranza e la paura del diverso, la scoperta della propria identità e la lotta per mostrarla con orgoglio e senza timore, temi difficili ma che riescono ad essere sviscerati con cura e attenzione, senza mai cadere nel ridicolo. Una storia che mi ha emozionato e perché no, anche fatto ridere. Gabe con alcune sue battute e Zeke con la sua goffaggine mi hanno conquistato per non parlare di Jessica, la madre che tutti vorrebbero avere e Mary, la sorella guerriera che si ritrova prigioniera in una casa che non sente più sua, ad amare genitori che non sente come tali perché non vedono quanto speciale è suo fratello, una ragazza forte e senza paura che difende il fratello come può arrivando ad esempio a prendere a calci Mason, l'ex migliore amico di Zeke (inutile dire che ho gongolato come una pazza per il suo bel calcio assestato nei gioielli di famiglia dell'imbecille). Tutto mi è piaciuto e mi sento senza problemi di dare 5 stelline piene. Lo consiglio a chi cerca una storia semplice nella struttura ma con un messaggio forte e importante, lo stile di scrittura delicato e attento ai dettagli la rende perfetta sia per chi è alla ricerca di un libro leggero, da leggere ad esempio durante una vacanza, sia a chi cerca dei contenuti, dei temi importanti e non solo sesso e romance. Un libro dolcissimo che riesce a conquistare e farsi amare come i suoi buffi e pazzi protagonisti.

More posts
Your Dashboard view:
Need help?