logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: Lia-Riley
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
review 2019-02-09 17:37
Recensione: "Le Sette Sorelle" di Lucinda Riley.
Le Sette Sorelle - Lucinda Riley

L'amore non conosce distanze; non ha continente, i suoi occhi sono come stelle.

L'anno appena concluso - lo so, ormai siamo a febbraio e quindi è già passato un mese - è stato un anno molto difficile per me e le mie letture. Problemi di salute in famiglia, la tesi da scrivere, il lavoro, le mille cose da fare ... insomma, sono riuscita a riprendere il ritmo - e la voglia - solo nell'ultimo periodo, perciò eccomi qui. Lo ammetto, in realtà non è stato tutto merito mio: la gran parte è della mia migliore amica, che finalmente dopo anni, ed una buona dose di rassegnazione da parte mia, ha capito che la lettura è una cosa meravigliosa, ha comprato un Kobo, e ha deciso di accettare la mia proposta di creare una sorta di Club del Libro, in cui le uniche partecipanti siamo, per l'appunto, io e lei.

Quale modo migliore di celebrare questa nuova avventura, se non recensendo il primo - e per ora unico - libro che abbiamo letto in concomitanza?

LE SETTE SORELLE, di Lucinda Riley, è il primo libro di quella che, a mio parere, può essere definita come una saga familiare. La trama di base, da cui poi si diramano i vari libri, è quella della famiglia D'Apliese, composta da sei sorelle, un padre adottivo [Pà Salt] e una governante molto simile ad una mamma. Ogni sorella - tutte adottate a distanza di pochi anni l'una dall'altra - porta il nome di una delle Pleiadi, una costellazione che prende il nome da alcune figure della mitologia greca e che compare in cielo nei momenti più opportuni per i naviganti. 

Questo primo libro, dopo averci introdotte ad una visione generale sulla vita di tutte le sorelle, che si trovano improvvisamente orfane, passa, nello specifico, a raccontare la storia di Maia, la maggiore. 

Maia che, se non ricordo male, all'inizio della narrazione ha 33 anni, è sempre stata la figlia apparentemente più legata a Pà Salt, tanto da decidere di rimanere nel nido famigliare per tutta la vita, al contrario delle sue sorelle. Essendo una traduttrice, parla e comprende molte lingue, tra cui il portoghese, e questo le permetterà di conoscere Floriano, un affascinante scrittore che avrà un ruolo molto importante nella ricerca che intraprenderà qualche giorno dopo la morte dell'adorato padre. Pà Salt infatti, che resterà per tutto il libro una figura amata ma piena di misteri, ha avuto la brillante idea di lasciare in eredità, alle figlie, coordinate di luoghi della loro terra d'origine per stimolarle, e aiutarle, nella scoperta del loro passato. Maia scopre così di essere brasiliana - e ciò spiega la sua sconvolgente bellezza -, conoscerà le avventure turbolente e terribilmente romantiche della sua bisnonna e troverà il coraggio di tornare a fare qualcosa che, per paura, temeva di non poter più fare. 

Ecco, come sinossi probabilmente fa schifo non è delle migliori, ma c'è un motivo se nella vita faccio l'infermiera a tempo pieno ^^'. Il dono della sintesi non è mai stato catalogato tra i miei pregi e quando tento di essere sintetica, il più delle volte, pastrocchio. 

Detto questo, passiamo alla recensione vera è propria. Mi sono tenuta alla larga dai libri di Lucinda Riley - shame on me - per parecchio tempo, pur avendoli scaricati, perchè mi ero illusa che fossero libretti stile Harmony, carini da leggere sotto l'ombrellone e nulla di più. L'ho già detto shame on me? 

No, "Le Sette Sorelle" non è un romanzo filosofico o impegnativo, è vero, ma è bello. Molto. La prosa fluida dell'autrice ti prende in un batter d'occhio e - BOOM - ti attira in un vortice in cui inizi a sembrare un degno partecipante [sarà la parola giusta?] del SERD e diventa tutto un "Okay, solo un'altra pagina e smetto. Vabbè, mancano solo 20 pagine alla fine del capitolo, magari posso terminarlo, no?" ... e così le zucchine bruciano sul fuoco, le lasagne diventano carbonizzate, la cagnolina muore di fame e tu smetti di avere un'identità perchè ormai sei un tutt'uno con le pagine. 

A volte, lo confesso, ho pensato che la storia stesse per diventare banale. Scrivevo alla mia BFF raccontandole quello che per me sarebbe sicuramente successo, le dicevo che in quel caso sarei rimasta delusa e poi ecco che Lucinda mi schiaffeggiava in pieno viso perchè, puntualmente, non era mai come dicevo io. E questa è una cosa meravigliosa! Odio i libri banali, scontati, dove in poche righe comprendi tutta l'evoluzione della storia: perdo il gusto di leggere, mi annoio, lo mollo in qualche angolo recondito del Globo e addio, ciao, probabilmente ti riprenderò in mano quando avrò dimenticato la storia e resterò delusa un'altra volta

Maia non mi ha fatto piangere, ma mi ha tenuta col fiato sospeso. Avrei schiaffeggiato la sua bisnonna più di qualche volta, ma ahimè, il personaggio perfetto non esiste e se esiste si chiama Mary Sue.

Lo consiglio? Si. Diventerete dei Dottori in Filosofia/Storia/Letteratura Italiana dopo la lettura? No. Importa a qualcuno? No. Ne vale la pena? Sì, sì e ancora sì.

[P.s. -> Laurent e Floriano. Diabetici fino al midollo, ma ehi, ci vuole. Soprattutto in SPM.]

 

Like Reblog Comment
review 2019-02-05 00:00
Behind the Green Curtain
Behind the Green Curtain - Riley Lashea Unexpected. Dark. Intense. Angsty. Strange obsessions. This book is many things but mostly, compelling.

Read the full review @https://www.bestlesficreviews.com/2019/01/behind-green-curtain-by-riley-lashea.html
Like Reblog Comment
review 2019-01-15 23:18
Ever After - Riley Hart

Awww OMG! Quando ho iniziato questo libro non mi sarei mai aspettata di amarlo così tanto! La trama infatti per quanto accattivante sapeva di già visto, con il bel principe schiacciato dalle responsabilità che si innamora del servo. Posso dire che non è nulla di nuovo sotto il sole ma... non è questo che rende la storia speciale. Non è infatti la trama il punto forte bensì l'atmosfera magica che le autrici hanno saputo creare. Fin dalla prima pagina ci ritroviamo immersi in un modo vivo con dei protagonisti caratterizzati alla perfezione e che ci regalando non poche emozioni. I due giovani sono adorabili e viviamo la storia attraverso i loro Pov alternati. Troviamo Cassius, il ragazzo è di umili origini, ha una famiglia che adora, purtroppo ha perso l'amato padre e ora si ritrova a dover badare alla madre e all'amata sorella. Cassius è un giovane artista, ama scrivere e sogna di poter un giorno avere un cavallo tutto suo, di poter cavalcare libero come il vento e finalmente felice....di poter aiutare la sua famiglia e trovare un compagno che lo ama. È impossibile non affezionarsi a lui e al suo modo di fare un po' goffo ma sempre onesto e spontaneo. Cassius è PERFETTO per Merrick. Il principe è infatti anch'egli un'artista, ama disegnare e sogna la libertà proprio come il suo servo, sogna di essere libero dal peso che lo imprigiona, dalle leggi che impongono il suo matrimonio con una bella fanciulla, soffocando la sua natura, proprio come Cas ama la sua famiglia e vive per la sua amata sorella a cui regalerebbe il mondo. È proprio per la famiglia come Cas si sacrifica e lotta ogni giorno, facendo cose che non ama e soffocando se stesso. L'incontro tra i due ragazzi è delicatissimo e curato nei minimi particolari, le autrici creano uno slow burn che ti cattura. Non ci troviamo di fronte la storiella in cui i due si saltano addosso da pagina due o si dichiarano amore eterno nel giro di un minuto bensì il contrario, in un primo momento i protagonisti non sanno come interagire tra loro e sentono entrambi imbarazzo e disagio, Cas non è abituato a fare il valletto del principe, lui è un popolano ed è poco avvezzo alla corte, l'unico motivo per cui ha accettato sono i soldi con i quali potrà mantenere la famiglia, non sa come comportarsi e l'incontro con Merrick lo destabilizza e il principe allo stesso tempo non comprende molto bene i pensieri del suo servo, i due sono goffissimi e tenerissimi, Merrick ha modo di conoscere l'uomo di fronte a se, di vedere la sua bontà ad esempio quando si prende le colpe per le mancanze di un altro servo, vede la gentilezza con cui si rivolge alle persone, il modo in cui gli sorride e rimane incantato e per la prima volta inizia ad interrogarsi su quello che vuole davvero, sull'amicizia e... sulla sua sessualità, ha sempre pensato di non amare le donne ma... per la prima volta inizia a sentire calore e desiderio per un altro uomo e interrogarsi se è un pensiero giusto o meno. Anche Cassius è molto confuso, per lui Merrick rappresenta la nobiltà quindi si aspetta un principe arrogante o pieno di se invece trova un ragazzo come lui, dolce e buono e che si interessa ai suoi pensieri, che gli chiede consigli, che gli parla della famiglia, che si interessa alla sua famiglia e non ha paura di uscire con lui, che condivide momenti intimi, da amico e suo pari, che lo porta a cavalcare, gli parla delle sue passioni ecc si ritrova davanti un uomo e si ritrova irrimediabilmente attratto dal principe, al contrario dell'amato non ha mai fatto mistero della sua sessualità e ha avuto altri amanti, il fatto però che a sconvolgerlo sia un nobile lo destabilizza essendo consapevole del suo rango e il suo posto nella società. Il rapporto tra i due è così realistico che potrebbe benissimo essere trasposto nella vita reale di tutti i giorni. I due in un primo momento diventano amici e confidenti e poi... si lasciano andare, dando sfogo ai loro sentimenti e regalandoci momenti non solo erotici ma anche dolcissimi, dove erotismo, sensualità e amore si fondono insieme. Momento preziosi e che mi hanno fatto piagnucolare come una pazza fangirl. Merrick e Cassius sono meraviglioso, dei personaggi bellissimi che si muovo in un mondo creato con maestria ed abilità Non mancano ovviamente i personaggi secondari che ci regalano gioia e amore. La madre di Cassius e la sua dolcezza nel proteggere il suo bambino, l'amico di Cassius, il classico ragazzotto un po' maniaco, l'amico cazzaro senza il quale non si potrebbe vivere e Marjorie, la sorella di Merrick che darebbe la vita per il fratello ed è disposta a tutto per la felicità del fratello. La storia è molto tenera ma non mancano i momenti più angst non dettati da situazioni al limite del ridicolo ma dalla realtà in cui i due giovani vivono. Entrambi sanno che il loro amore verrà combattuto e condannato e per questo motivo ogni incontro, ogni bacio, ogni carezza potrebbe essere l'ultima e viviamo tutta l'angoscia e la disperazione tra i due, capiamo come si sentono e soffriamo con e per loro, sentiamo quasi questa cappa soffocante, sentiamo il loro desiderio di urlare il loro amore e mostrarsi al mondo. Viviamo delle emozioni UMANE e che ci sconvolgono. Ovviamente questa è una favola e l'happy ending per fortuna è dietro l'angolo e ho potuto apprezzare la scelta di non rendere stronza la famiglia di Merrick. In altri libri la famiglia si lega all'onore, le leggi e bla bla bla e i genitori di solito sono gli stronzi della situazione che spingono i figli a lottare o scappare per trovare la felicità in questo caso invece possiamo vedere FINALMENTE il potere della famiglia, l'amore che lega dei genitori al proprio figlio disposti anche a venire meno a certe leggi per amore, il re e la regina sono disposti a lasciare il principe libero di stare con un altro uomo purchè sia felice perchè prima di essere un principe e LORO FIGLIO e questa è una cosa nuova, una bella novità che ho apprezzato. Ovviamente... c'è anche un piccolo dettaglio che mi ha fatto storcere il naso ovvero la facilità con cui i due risolvono il conflitto e problema, per tutto il libro abbiamo sentito il peso dell'unione e vedere che alla fine sarebbe bastato un "Mamma, papà, sono gay e amo il mio valletto" per sentirsi dire "ok, ti amiamo, vai in pace"... meh... avrei voluto uno scontro finale, dapprima i genitori contrari all'unione e stronzetti, genitori che decidono di "salvare" il figlio solo quando si rendono conto della sua infelicità, ad esempio un Merrick all'altare e il re dire "No... mi oppongo al matrimonio ti amo figliolo e se ti sposi sarai infelice" o qualcosa del genere... qualcosa di più insomma ad un certo punto forse tutto è fin troppo facile e quindi... avrei voluto qualcosa in più dopo tutta l'ansietta che ho provato al pensiero della reazione del re e della regina... rimane comunque una storia incantevole e che mi sento di consigliare a tutti! Se amate le storie con elementi fiabeschi, gli amori impossibili tra principi e servi, uno slow burn fatto bene con un approfondimento della psicologia e della vita dei protagonisti, in cui non succedono cose trash, rapimenti, omicidi, amanti odiosi ecc, volete romanticismo ma non smielato, erotismo ma non troppo, dolcezza e tanto amore Ever After fa sicuramente al caso vostro e non ne rimarrete delusi

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2019-01-15 06:12
The Billion Dollar Men - Bad Boy Alpha Billionaires by Riley Moreno
The Billion Dollar Men - Bad Boy Alpha Billionaires - Riley Moreno

 

 

Sharp dressed, hard pressed and alpha all the way. Moreno has something to say and she does so with a sensually sweet bundle of drama. The Billion Dollar Men are everything a woman could ask for with the attitude to back it up.

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2019-01-12 21:11
Comfort Food - Sierra Riley

I can't help unless you let me."


"I might be alone, but at least I'm safe."

Martin Painter has been a recluse since his parents died when he was seventeen. Sure, he has money and a sprawling house in an upscale neighborhood, but material things can't patch the holes in his heart. When his sister drags him to a charity auction, the last thing he expects to win is a date with a handsome stranger. He can feel the attraction starting, but it's pointless, isn't it? He's better off alone. He's too awkward for a platonic "date," let alone real love.

"Do you ever wonder if you made a wrong turn somewhere?"

Charity owner Travis Cole loves his work even if he misses the world of haute cuisine. But his charity is hemorrhaging money. He throws an auction to scrape together extra funds, and up on the auction block? Cooking lessons and a dinner with himself. He never thought the winner would be a man. And stranger still, he never expected to care so much about the soft-spoken, sad-eyed loner who won him.

"We've both got too much to lose, don't we?"

Martin isn't sure he's capable of love anymore. Travis isn't sure he's capable of loving a man. But they can't deny it: there's something between them as powerful as gravity, even if it's just a desire to help one another let go of the past. While Travis teaches Martin how to cook, can they teach each other to be happy?

 

Review

 

Watching Travis and Martin fall in love is a pleasure. I love the food charity elements of this book and the slow hope that fills both heroes as they find a partner to share their lives.

There is a bit of a mystery that gets solved here. I would have liked more information on the motivation of villain but this element of the story caused a closeness and care between Travis and Martin which was lovely.

A good read.

More posts
Your Dashboard view:
Need help?