logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: Heidi
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2017-10-08 20:37
Dance With Me (Dancing, #1) by Heidi Cullinan Review
Dance With Me - Heidi Cullinan

Sometimes life requires a partner.

Ed Maurer has bounced back, more or less, from the neck injury that permanently benched his semipro football career. He hates his soul-killing office job, but he loves volunteering at a local community center. The only fly in his ointment is the dance instructor, Laurie Parker, who can’t seem to stay out of his way.

Laurie was once one of the most celebrated ballet dancers in the world, but now he volunteers at Halcyon Center to avoid his society mother’s machinations. It would be a perfect escape, except for the oaf of a football player cutting him glares from across the room.

When Laurie has a ballroom dancing emergency and Ed stands in as his partner, their perceptions of each other turn upside down. Dancing leads to friendship, being friends leads to becoming lovers, but most important of all, their partnership shows them how to heal the pain of their pasts. Because with every turn across the floor, Ed and Laurie realize the only escape from their personal demons is to keep dancing—together.

 

Review

 

This book hovers between 3 Stars and 4 Stars for me but keeps sneaking back up to a 4 Star read.

This book does a relationship really well.

Laurie and Ed have a lot of stuff they need to work out in their own heads and yet they are able to make a wonderful space for each other to have a loving relationship while they heal and grown as individuals. This dynamic makes for a very good romance.

The cover is amazing as is all the dancing in the book. The thinking about failure and self and career is engaging. Ed's struggle with his new identity as a disable person is powerful. There is a really moving scene about life goals that is so tender and wonderful example of seeing oneself through the eyes of love.

What makes the book less successful isn't the love story but some dangling threads and just some weirdness.

We get hints that Laurie struggles with sex (its messiness for example but other things as well) and this doesn't really get addressed or worked through in a way that would be up to the rest of the work Instead, we get a very out of character moment with another couple (not cheating) and really its has an eww factor (on several levels) that really knocked me out of the book. I am not sure why this scene survived the editing of the book.

The Mom stuff Laurie has going on as well as the Dad stuff and business partner stuff is left a mess and maybe it just stays a mess but it felt unfinished.

There other little irritants like that that keep the book from being flat out wonderful.

However, I am glad I read it and enjoyed it overall.

Like Reblog Comment
quote 2017-09-30 18:45
“Do you know what I wish?” Skylar held Xander’s hand tight as he looked up at the falling leaves. “I wish we could stand like this in Japan, under real cherry trees. Ones in bloom.”
“We have real cherry trees in the United States, you know.”
“The ones in Japan feel more real, somehow.”
Xander smiled. “Then let’s make it a vow. Someday we’ll stand under cherry blossoms in Japan.”
Skylar smiled back, and there was only weariness, no more shadows in his face now. “It’s a promise."
Like Reblog Comment
quote 2017-09-30 18:45
Skylar laughed a lot in these scenes. He was happy. He was always helping people too—a whole section depicted him playing hero to the art majors as they gazed at him adoringly, and Xander glowered jealously on the sidelines. That made Skylar laugh in real life. There were so many scenes of him helping people. He was Mr. Friendly, according to Xander.
This was such a better painting.
This was how Xander saw him?
This was beautiful.
This is who I want to be instead.
“I love this,” Skylar said as Xander cleaned his brush.
“Oh, I’m not done.”
Xander got out a small round brush and reached for the pink.
He began to paint delicate, beautiful cherry blossoms all over Skylar’s body.
There was writing too—Xander explained each kanji to him, that they meant he was magnificent, sensitive, sensual, artistic, charming, loyal, steadfast—he lost track of the words
because while they were wonderful and the script breathtaking, it was the blossoms that did him in. He sees me as a cherry tree. A blooming, beautiful cherry tree.
Skylar sobbed.
“I love you,” Skylar cried, trying not to spill tears because Xander was painting cherry blossoms across his face.
“I love you too, my sakura.”
Like Reblog Comment
quote 2017-09-30 18:40
“I’ve watched you dance to your dad’s fucking tune, and it’s fucked as hell. There’s no reason to do it. None. So if you go take that goddamned test, you better do it because you want it. Otherwise I have no idea why you’re torturing yourself like this, and you don’t seem to know either. If you can tell me, if you can explain to me why it’s so important to make yourself sick over this, I’ll support you every step of the way. I will choose a grad school based on wherever you want to go, because I’m in love with you, you messed-up asshole, and I don’t want to lose you. But this? This is bullshit.”
Skylar wanted to yell at him, and he’d been puffed up to the sky on how dare you’s until… “You…love me.” He’d never said it so directly before.
Neither had Skylar.
Xander held Skylar’s face in his hands. “I love you. I’m in love with you. I want you. I need you. I’m prepared to reorganize everything about my life for you.” His thumb pressed into the corner of Skylar’s jaw. “But not if all you’re going to do is throw it away for people who don’t even know who you are.”
Skylar could barely breathe. “I don’t know who I am."
Like Reblog Comment
review 2017-09-30 18:35
Antisocial - Heidi Cullinan

Sono stata per mezz'ora ferma davanti al pc cercando di trovare le parole giuste per iniziare a parlare di questo libro ma ho fallito miseramente e di conseguenza credo mi lascerò andare un po' a uno sfogo libero per chiudere la questione. Ho scoperto l'esistenza di Antisocial grazie a un'amica fan dell'autrice, la classica fan pazza che legge ogni libro della Cullinan contando i giorni all'uscita del prossimo, conoscevo quindi il suo essere un po' di parte e che quando di solito mi chiama e dice "Questo libro è il migliore, l'autrice è un genio, Giada leggilo o sei una brutta persona" c'è sempre da aver paura e chiedersi se è veramente così bello come dice e mi sto perdendo un potenziale capolavoro o è il suo prosciutto davanti agli occhi a parlare per lei, solitamente non mi sarei presa la briga di buttarmi nella lettura di un libro in lingua, appena uscito e che probabilmente non verrà mai portato in Italia, un romanzo consigliato da una fangirl accanita ma in questo caso... si parlava di un tema a me completamente inedito, l'asessualità! Non avevo mai letto un libro con questo tema, non ho mai trovato un libro che avesse un personaggio asessuale, mi è capitato di leggere di bisessualità, omosessualità, transessualità ecc ma mai asessualità...era un nuovo mondo inesplorato e mi è bastato il suo "Ma guarda che il protagonista è asessuale" per convincermi e meno in due secondi lo avevo già inserito nel mio Kobo e iniziato. Avevo molte speranze, non proprio aspettative non sapendo cosa aspettarmi in questo nuovo mondo, solitamente i romanzi per riempire un po' i buchi inseriscono a caso scene di sesso o romance per intrattenere e non farti capire che la metà di quelle pagine è fuffa e tutto... funziona (almeno la maggior parte delle volte) mi chiedevo quindi come si poteva riempire ben 460 pagine, non pochissime, senza toccare il sesso, senza scene erotiche o presunte tali soprattutto se il romanzo in questione è ambientato in una scuola quindi con ragazzi con ormoni a palla e alle prese con la scoperta della loro sessualità e pronti a violentare pure una sedia. Avevo speranze enormi che si sono completamente... dissolte nell'aria quando alle 4 di questa mattina ho concluso la lettura con una smorfia sulla faccia e una confusione assurda in testa.
Il libro mi ha... diviso completamente a metà!
Una parte lo ha apprezzato, la scelta di inserire un personaggio asessuale è coraggiosissima, una scelta inusuale, che si discosta dai soliti cliché, ma difficile da gestire e posso dire che almeno in parte Heidi Cullinan è riuscita nell'intento non snaturando completamente il personaggio di Skylar ma rendendolo il più aperto possibile al lettore, per permettere di identificarsi con lui, con le sue paure e ansie, con il timore di non essere capito per la sua condizione e di rendere infelice il partner non provando in certi momenti importanti le stesse sensazioni di altri amici e compagni di scuola. Skylar è un bel personaggio e mi ha colpita, lo avevo giudicato un po' male all'inizio, il bello, buono come il pane e giustiziere della notte che aiuta lo sfigato invece è molto complesso, non dovendo solo portare il fardello di una asessualità che non riesce a comprendere e vivere fino in fondo ma anche un percorso di vita già scritto, con una famiglia insensibile ai suoi interessi, una madre assente e un padre padrone che ha deciso che diventerà un avvocato e che non si è mai fermato a chiedere al figlio cosa voglia nella vita, è un uomo che nel momento in cui vede suo figlio convinto e sicuro del suo nuovo progetto lavorativo, del suo nuovo futuro gli proibisce di attuarlo, minacciandolo senza pietà. Skylar è un ragazzo che soffre ed è chiuso in una gabbia dorata che hanno costruito ad arte per lui e solo grazie a Xander riesce a vedere quello che c'è oltre, a sperare in un futuro che appartiene a lui e a nessun altro. Xander è l'amore e la salvezza per Skylar. Il ragazzo sa cosa vuol dire soffrire, anche lui non ha un rapporto idilliaco con la madre, anche se non ai livello di Skylar, è un giovane che non ama il contatto umano, è stato troppo spesso ferito dal mondo circostante e si è reso conto che stando da soli, circondati solo da 2-3 amici fidati, si può stare bene ed evitarsi problemi inutili. Mi sono sentita fin da subito coinvolta nella sua vita essendo io stessa un po' una antisociale, non a livelli di Xander ed evitando i contatti anche con i social network, ma io stessa preferisco di gran lunga evitare gli esseri umani che respirano (e talvolta anche quelli che NON respirano). È un ragazzo un po' scorbutico ma molto dolce, che nonostante questo suo desiderio di rimanere da solo, sotto sotto desidera essere amato e accettato tanto da permettere al ragazzo di sconvolgere il suo mondo facendogli fare esperienze che da solo non avrebbe mai fatto, a sognare di far diventare la sua arte un lavoro.
L'interazione tra i due è dolcissima e i momenti insieme mi hanno scaldato il cuore, c'è amore e delicatezza in ogni scena, voglia di contatto e conforto e la mancanza del lato più sessuale della vicenda non si fa rimpiangere dimostrando che non serve tirare fuori un pene per far andare in brodo di giuggiole il lettore.
Tutto poteva essere perfetto ma si rovina completamente. Il libro conta ben 460 pagine, di solito non mi lamento non essendo una che conta le pagine ma che anzi... non ne ha mai abbastanza ma in questo caso tutte quelle pagine si sentono.
Fino a quando la storia si focalizza su Skylar e Xander tutto fila liscio come l'olio, il racconto ti acchiappa e spinge a continuare peccato che in molti momenti ci si sposta su altro, ritrovando i personaggi ad interagire in scenette inutili con gli amici ad esempio, scene che in altri libri avrebbero dato un senso per costruire un mondo a parte in cui far muovere i due protagonisti ma che qui servono soltanto ad appesantire il racconto senza aggiungere nulla di importante ma anzi smorzando qualsiasi entusiasmo, stesso discorso per le varie citazioni ad anime e manga, da fan mi aspettavo di apprezzarle di più ma tutto è portato all'eccesso. È stato come andare a casa di amici appena sposati e sentirmi dire "Ehi Giada, è vero che ti piacciono gli album di foto?" "Ehm... si?" "Perfetto! Lo sai che abbiamo 20 album da farti vedere?!" Bene... una attività che parte con le migliori intenzioni amando io gli album fotografici, peccato che al primo album posso essere sorridente ed entusiasta, al secondo solo più felice e al terzo... beh.... non potrei fare altro che sperare di tagliami un dito con la carta per correre all'ospedale e con la scusa allontanarmi a gambe levate dalla casa dei due pazzi amanti delle foto. Qui è la stessa cosa, alle prime citazioni ero entusiasta, poi ero felice e infine... saltavo quasi le pagine... una cosa non proprio raccomandabile in un romanzo che dovrebbe intrattenere e non annoiare a morte. Purtroppo la storia a mio avviso si è rovinata con le sue mani, il desiderio di creare un mondo in cui inserire le passioni di Xander e Skylar è venuto meno allungando all'invero simile tutta la storia con scene inutili e sempre uguali che mi hanno fatto costantemente rallentare. Le vicende interessanti e utili per comprendere la storia d'amore e di vita dei ragazzi sono circondate e affossate da quelle inutili e inserite solo per dare maggiore spessore al romanzo, non mi piace dirlo ma sono convintissima che se fosse stato ridotto della metà, anche solo a 200 pagine, sarebbe stato uno dei miei libri preferiti e invece no. Dal 70% in poi ho rallentato e sono stata ferma per giorni nella lettura e mi sono sforzata mentalmente e fisicamente per non lasciare il libro definitivamente e non è certo bastato quel 10% del finale a farmi ritornare il sorriso sulla bocca e anche quel lieto fine così romantico e perfetto, così artistico e in linea con Xander, non mi ha ridato il sorriso. Mi sento quasi in colpa perché ho notato che molti lo hanno amato e apprezzato proprio per tutte le scene aggiuntive, per tutti i riferimenti, per tutte quelle pagine che per me dovevano essere cestinate. Non so neanche come valutarlo, ho dato tre stelline facendo prevalere la "Giada cattiva" ma non sono comunque convinta della mia valutazione perché sento che da una parte sono poche, la storia d'amore e amicizia dei due giovani funziona bene, i personaggi funzionano, lo stile è perfetto e artistico al punto giusto sposandosi con la personalità di Xander e meriterebbe se non cinque almeno quattro stelle ma proprio non ci riesco, quella sensazione di gelo a fine lettura e di delusione mi ha bloccato. Non capisco se è il momento sbagliato o se proprio il romanzo ha fallito, almeno nel mio caso. Non mi sento di sconsigliarlo perché non è male ma allo stesso tempo mi sentirei in colpa a consigliarlo per paura che qualcuno si ritrovi a trascinarsi stancamente tra le pagine proprio come ho fatto io, che per giorni non sono andata avanti per... noia... e senza il desiderio di scoprire il finale. Non mi sento quindi né di consigliarlo né di sconsigliarlo. Se siete incuriositi di scoprire un bel personaggio che deve convivere con la sua asessualità potete forse dargli un'occasione in quanto l'autrice è riuscita a descrivere Skylar nei suoi pregi e difetti alla perfezione. Se cercate invece qualcosa di più, di ritrovarvi incollati fino alla fine, di trovare momenti super romantici o scenette un po' piccanti o divertenti, girate pure al largo essendo un romanzo da leggere con la giusta concentrazione e più orientati verso il lato psicologico che romance. Nel mio caso è stata una mezza delusione e anche nel caso venga tradotto non so se lo rileggerò. Al momento è un no e non so se avrò mai occasione di rileggerlo per rifarmi una nuova idea, per ora decisamente no.

More posts
Your Dashboard view:
Need help?