logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: self-publishing
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
text 2017-09-22 07:56
Using sales to segregate good writers from bad - and save the e-book industry

According to Michael Kozlowski, Editor in Chief of Good e-Reader, the leading news website devoted to digital publishing, e-books, and e-reader news I'm a bad writer.

 

How does he come to that conclusion? In his own words, "You are only considered a real author if you can make your living solely from the book sales. If you can’t, you are merely a writer... the industry needs to define the good writers from the bad. The primary way we can do this is by sales figures; if authors make their living from publishing, they are often considered good writers.  Once we can define a good writer from a bad, we can start to segregate them."

 

Which brings us to another of his suggestions, segregating self-published books according to sales.

 

"My suggestion is for all major online bookstores that take submitted indie content to create their own sections for self-published writers. These titles should not be listed side by side with the traditional press.  Indie titles should have their own dedicated sections until such time as they reach a certain threshold in sales. Once they can attain an arbitrary sales milestone, they are drafted to the big leagues and listed in the main bookstore."

 

Why, you ask, does Kozlowski think this is necessary?

 

"There are a copious number of online self-publishing companies that promise aspiring authors the opportunity to distribute their e-book all over the world. Millions of authors publish with Amazon Kindle Direct Publishing, Draft2Digital, Kobo Writing Life, Nook Press and Smashwords. Most “authors” who self-publish an e-book never sell more than a handful and over seventy-five percent of all authors never earn a living through their writing."

 

And the result of this plethora of self-published dreck (my word) is that "We live in a world full of terrible e-book titles that ruin e-book discovery and make it difficult to find a good book. It is no small wonder why e-book sales have plummeted in recent years."

 

The comments on Kozlowski's blog https://goodereader.com/blog/author/michael-kozlowski on this topic are mostly specious in that they don't respond to the problem he's addressing. They range from outright denial to dismissing his ideas because there's a typo in his text.

 

As one who actually reads and reviews the work of unknown, randomly selected indie authors I'd have to agree with his assessment and his solution.

 

When I decided to write fiction about ten years ago I had about forty years of journalism as a formative base. But even though I'd written hundreds of thousands of words up to that point it, fiction was a different style of writing. To learn how to write fiction I attended writer's groups, joined online critique sites and read dozens of books and I continue to do so.

 

Writing fiction is a craft and it can be learned and mastered, to some degree, by learning the fundamentals and then practicing - a lot. It's evident that the vast majority of the indie authors I've read haven't even bothered to learn the basics and have spent no where near enough time practicing.

 

As Kozlowski says "Indie titles have no quality and control, often they are merely submitting a Word document to Amazon and clicking publish."

 

Kozlowski's not suggesting all self-published books are crap and all traditionally published books are classics, just that "there is some expectation of quality" in reading a traditionally published book", and that's definitely not the case with reading a self-published work.

 

From the beginning of my venture into writing and publishing fiction it became apparent to me the only way to measure success was with book sales. This is an industry of illusion and delusion and the majority those involved are, as Kozlowski suggested, subject to the Dunning-Kruger Effect.

 

“Unskilled individuals that suffer from illusory superiority, mistakenly rating their ability much higher than is accurate. This bias is attributed to a metacognitive inability of the unskilled to recognize their ineptitude.”

 

I have come to accept that I am "inept" until my book sales prove otherwise.

 

Accordingly, I'm prepared to have all my books segregated in "dedicated sections until such time as they reach a certain threshold in sales. Once they can attain an arbitrary sales milestone, they are drafted to the big leagues and listed in the main bookstore."

 

I'm sure there will be very good books that never attain that threshold (mine?) and I'm just as sure there will be those who, rather than hone their craft to the point they can write a good book, will find ways of attaining that threshold fraudulently.

 

However, this is a solution I am prepared to considered in hopes "the cream might rise to the top".

 

If Kozlowski's is right that by 2020, fifty percent of all digital books will be written by indie authors and that will account for 25,000 new titles a month being submitted to online bookstores than something, indeed, has to be done.

 

  1. And just how many books would you need to sell to meet the threshold and advance to "the majors"?

Amazon has author and sales ranking graphs that are updated hourly. On Sept. 5, 2017, someone purchased one (1) e-book edition of my novel Saving Spirit Bear. That single sale boosted the novel's ranking from 8,787,432 to 201,692 an increase of 8,585,740 points. My author ranking subsequently increased 582,673 points from 825,278 to 242,605.

What do these numbers mean? I'd say a few sales a month and an indie author would be among the top 100,000 selling authors on Amazon. Would that get you into "the majors"?

Who cares, you'd still be making peanuts.

 

 

Stay calm, be brave, watch for the signs.

30

 

 

Find reviews, blurbs and buy links to my eight novels and two plays at

https://www.amazon.com/-/e/B003DS6LEU

 

Facebook for writing news, my experience as a writer as well as promotions, contests, and discounts regarding my books

https://www.facebook.com/profile.php?id=100013287676486&fref=comp

 

Video book reviews of self-published authors now at

Not Your Family, Not Your Friend Video Book Reviews: https://www.youtube.com/channel/UCH45n8K4BVmT248LBTpfARQ

 

Cover Art of books by self-published authors at

https://www.pinterest.com/rod_raglin/rod-raglins-reviews-cover-art/

 

More of my original photographs can be viewed, purchased, and shipped to you as GREETING CARDS; matted, laminated, mounted, framed, or canvas PRINTS; and POSTERS. Go to: http://www.redbubble.com/people/rodraglin

 

View my flickr photostream at https://www.flickr.com/photos/78791029@N04/

 

Or, My YouTube channel if you prefer photo videos accompanied by classical music

https://www.youtube.com/channel/UCsQVBxJZ7eXkvZmxCm2wRYA

 

 

 

Like Reblog Comment
text 2017-09-21 07:10
BookBaby prez says thousands want to review your book free - then suggest three that would cost $394

Steven Spatz is an author, marketer, and the President of BookBaby. He writes the bookbaby Blog at http://blog.bookbaby.com/

 

It's a thinly veiled promotional blog that encourages self-published authors to use the services of BookBaby to prepare and publish their manuscripts. I compare it to the weekly newsletter I get from a local realtor where despite rising interest rates, falling house prices and any other economic calamity that might be happening "it's always a good time to buy or sell property".

 

Here's my response to his most recent blog entitle "Book Reviews: The Ultimate Word Of Mouth Promotion".

 

 

Hi Steven,
Let's crunch some numbers shall we. You shouldn't mind because they're ones you provided.

 

You write in your recent BookBaby blog that book reviews are critical to promoting my book. I agree. You write " "There are literally thousands of book reviewers and bloggers online, and most of them review books even though they aren’t paid."

 

I'd be doing a little more research before making a statement like that if I were you. I'll bet you'll find the majority of these bloggers and reviewers though online aren't active.

 

After making this unqualified claim about thousands of bloggers and reviewers who want to review my work at no charge you then "recommend the following sites:

 

Midwest Book Review that charges $50 a review;
The Indie Reader at $255 a review: and,
The Self-Publishing Review at $119 a review.

 

If I was to "purchase" one review from each site it would cost a total of $394.

 

What happened to the thousands of unpaid book reviewers and bloggers? Why didn't you list a few of them?

 

You can purchase an e-book of mine from Amazon for $3.99 of which I get 35% royalty or $1.35. I'd need to sell about 291 books to pay for these three reviews.

 

And what if they're bad reviews?

 

According to your 2017 Self-Publishing Survey

https://www.bookbaby.com/…/official-self-publishing-survey-…

of the 4300 authors who took part only 5%, or about 215 authors, made $5000 a year from their writing. The other category you draw comparisons from which is obviously significantly larger, is the one you call lower earning authors who earn less than $100 a year from their writing.

 

The inherent conflict of interest of "paid for reviews" aside, how in good conscience can you recommend to the majority of indie authors, making less than $100 a year from their writing as indicated by your own research, that they spend that kind of money on reviews?

 

So which is it, Steven? Are either totally out of touch with your own research and our plight, or part of the pack who prey on naive and delusional new indie authors who are prepared to throw money away chasing that elusive dream?

 

 

 

 

Like Reblog Comment
review SPOILER ALERT! 2017-08-10 00:24
Un Principe Innamorato (La Trilogia del Principe Vol. 2) - Desi Web,Littlefrancy

 

Dopo aver finito la lettura di questo secondo capitolo mi sento molto... confusa... per non dire peggio. Ero convinta che difficilmente si poteva peggiorare la già precaria condizione del primo libro e invece Littlefrancy è riuscita a stupirmi e distruggere quel poco di... ehm.... qualsiasi cosa fosse.

Il primo romanzo poteva, pensandoci ora a mente fresca, essere visto come un tenero bimbo sul seggiolone, sporco di pappa e rigurgiti e che suscita nel lettore un mix tra disgusto e voglia di vomitare il pranzo e... tenerezza, nonostante l'idea di avvicinarsi a un bimbo sporco e pieno di germi sia inquietante allo stesso tempo subentra quell'istinto materno e coccoloso che ti spinge ad ansimare come una scolaretta e fare gli occhi a cuoricino lasciandoti sfuggire degli "AWWWWW patato, amore,cucci cucci" e altri suoni discutibili.

Innamorato di un principe era quindi una storia brutta però tenera e dolcetta, con quella giusta dose di angst/trash che era quasi accettabile e apprezzabile nello sforzo e nell'idea, questo libro invece ... NO.

Tutto è un grande NO! A partire dalla trama. Mi rendo conto che i secondi volumi delle trilogie sono sempre incognite in quanto di fatto sono il collante tra il primo volume di introduzione e l'ultimo di "azione" quindi anche nelle serie famose e di scrittori dotati sono sempre un po'... meh... è sempre difficile a mio avviso gestirli nel modo corretto, sono però un ottimo mezzo (se non si hanno idee!!!) per approfondire meglio la psicologia dei personaggi e la loro storia, per dire tutto (o quasi) quello che non era stato detto all'inizio e spianarsi la strada verso il finale "adrenalinico" poteva quindi essere una buona occasione per rimediare a tutte le gastronerie del primo capitolo, per dare un minimo di consistenza ai personaggi e uscire dall'antro oscuro della fan fiction self e invece.... NO!

La trama si può riassumere con una banalità sconcertante:

Jay molla il principe e va a piagnucolare dai genitore come ogni figlio pigro e inetto (e io ne so qualcosa purtroppo), si ritrova in casa l'ex bullo del liceo, il bullo è in realtà un angioletto, dramma, bacio tra i due, dramma, altro bacio, ritorno del futuro re ormai un poco cornuto, incidente drammatico, "Ti amo" "Anche io", dramma, morte personaggio random (George Martin approva!), fluff, angst con incesto (W i Lannister!) finale con cliffhanger imbarazzante, come se quello del primo libro non fosse stato abbastanza trash.

E stop. Profondità? No! Senso? Ancora meno! Originalità? Ahahaha... no!

La storia si basa solo ed esclusivamente su cliché stra abusati in ogni fan fiction e romanzo di serie z

Ritroviamo infatti:

- Il protagonista che se ne ritorna dai genitori: come il 90 % dei protagonisti mollati nei romance, ok, è una cosa umana ma possibile che un protagonista che per l'intero romanzo non si è mai calcolato i genitori ritorni a strisciare da loro così alla prima occasione? Potevo capire se fossero stati presentati, se Jay avesse avuto anche solo un contatto con loro nel libro precedente ma così mi pare forzato e usato solo per presentare la famigliola e altri personaggi random

- Il padre malato: poteva non esserci un personaggio malato? Ma ovviamente no! Il dramma del genitore con il piede nella fossa deve esserci anche se stavolta fortunatamente è cardiopatico e non ha il cancro, un minimo di ringraziamento agli dei ci sta per non aver abusato anche di Colpa delle stelle!!

- Il bullo diventato martire: Perché puntualmente ci deve essere un personaggio che diventa buono, qui troviamo Mark, un ragazzo detestabile che da giovane probabilmente si dilettava a picchiare le vecchiette per rubare loro la pensione, omofobo quanto basta da augurare un mondo di "Pene" al compagno di scuola gay e bullizzato che MAGICAMENTE si è redento diventando un padre Pio di bontà con tanto di quello zucchero da avermi fatto venire il diabete... squallido? Giusto un poco

- L'ex omofobo in realtà gay: benedetto cliché del "Se ti bullizzo perché sei gay è perché in realtà sono gay e spaventato di essere giudicato" ok, questa cosa succede davvero nella vita reale ma... in un romanzo così... è una paraculata... PUNTO.

- L'ex omofobo in realtà gay e con una vita squallida: Perché ci deve essere dramma, quindi i genitori puntualmente devo morire o essere matti o vicini alla morte e il personaggio in questione deve essere un piccolo fiammiferaio per attirare pena e perdono nonostante si sia sempre comportato come una merda

- Il triangolo scemo: Poteva l'ex omofobo in realtà gay e potenziale padre Pio con una vita squallida non essere innamorato di Jay dai tempi del liceo? Ovviamente NO! Perché inserire un personaggio angelico non bastava, un piccolo fiammiferaio , non bastava, bisognava accoppiarlo per maggiore finto dramma. In questo caso inserire un personaggio in realtà buono e dolce NON gay e NON innamorato del protagonista ma SOLO diventato buono per cause della vita era troppo brutto

- L'incidente idiota: Come ritorneranno mai insieme ufficialmente i tizi se non con un incidente potenzialmente mortale e senza senso che fa capire le priorità della vita?

- Il morto: un suicidio senza senso non vi era bastato, vi siete chiesti come Matteo Fumagalli "Ma la morta?" per metà libro? Tranquilli, qui avrete un altro morto no sense e completamente gratis ovvero, l'amico soldato... oh.... la regia mi dice che si cade anche nel cliché del soldato morto in guerra...YEAH

- La tizia incinta: Poteva la tizia del tizio morto non essere rimasta incinta?

- La bitch dolcetta: Dopo il Mark Pio se non c'era una bitch diventata buona non era un romanzo trash!

- La ex bitch accoppiata: Poteva la ex cornuta non trovarsi un fidanzato? Poteva non essere l'autista/poveraccio che sicuramente lei schifava e a cui lanciava banconote in segno di pietà?

- La proposta di matrimonio dolcetta: Ok... questa ci doveva essere ma... perché nel secondo romanzo e dopo così tanti cliché?! Come direbbe il professore Oak "C'è tempo e luogo per ogni cosa" e non era questo... non dopo aver scritto il libro più clicheroso del MONDO!

- La notizia che quasi distrugge il matrimonio: Ci doveva essere, una notizia oscura e maligna eppure... devo darne atto... Littlefrancy mi ha stupito perché l'incesto tra tutto mi mancava. Sicuramente ai Lannister piace questo elemento!!

- Il cliffhanger imbecille: Se non bastava l'addio alla Christian Grey del primo libro in questo abbiamo l'addio drammatico adrenalinico.... IL RAPIMENTO!! Zumzumzumzum

Insomma... una massa di cliché che tutti riuniti hanno quasi fermato il mio cuore trash... troppo trash in neanche 200 pagine non le reggo più, non ho più 16 anni purtroppo. Seriamente, questo romanzo mi ha fatto uscire di testa e probabilmente la colpa non è solo dei cliché ma molto semplicemente perché il romanzo ha un difetto enorme: vuole farsi prendere sul serio!! Il primo libro tendeva ad essere molto fan fiction style e quasi ne godeva, non si vergognava della cosa e ANDAVA BENE, cioè non va bene vendere una fan fiction a 2,99 e sottolineo 2,99!! Non poco!!! Più di un caffè e di libri della Newton Compton. Ma andava bene perché sapevi cosa aspettarti qui invece sembra che tutto voglia farsi prendere sul serio, l'autrice cerca di ficcare a forza più real drama per farci vedere la storia come verosimile quando NON lo è! Questo approccio porta alla completa rovina la storia perché manca la spensieratezza della fan fiction, quel momento trash e no sense che ti fa sorridere e ricordare che stai leggendo una storiella, leggi invece questi momenti finto drammatici e pensi "Ma come? L'autrice è seria? Davvero?" e tutto il divertimento o intrattenimento viene meno. Lo spingere una storia fan fiction style in una più reale e drammatica rovina tutto perché o fin da subito ti tenevi sul realistico inserendo momenti più reali e drammatici e meno da romance e quindi davi continuità alla narrazione o perdi tutto perché chi come me era abituato allo stile fan fiction ci rimane male e chi voleva il realismo beh, dopo il primo romanzo di certo non ha buttato i soldi per il secondo... a meno che non abbia usato Unlimited.

Altra nota dolente sono gli errori, come il primo romanzo ahimè contiene molti errori che NON sono giustificati, ho voluto passare sopra a quelli presenti nel primo volume scusando l'innocenza dell'autrice alla sua prima opera ma in questo secondo romanzo NO, gli errori continuano e sono errori SEMPLICI, che potevano essere corretti con una rilettura, posso capire che l'autrice non abbia una editor, che abbia problemi di vista e bla bla bla e ci sta ma avrà pur un'amica o amico disposto a leggere la sua opera GRATIS no? Cioè io volendo sono disposta per il bene dell'umanità a leggere una storia di 200 pagine. Quanto ci metti a fare leggere un libro a una persona di fiducia? Mezza giornata? Di certo qualcuno che ti fa un favore lo trovi no? Una persona che ha amato il libro e lo ha recensito su Amazon lo trovi no? Cioè... Battutine sarcastiche a parte tu non puoi vendere un romanzo a 3 euro e poi dire "Mi dispiace per gli errori" è una mancanza di rispetto per i lettori che ti vogliono sostenere! Sarebbe come andare al bare e trovarti nel caffè una mosca e sentirti dire "Eh vabbè mi dispiace... però hai comunque un caffè che puoi bere, non farne un dramma" non è corretto e non è giusto. Insomma... questo libro per me è un grande NO. Tanto che non mi sento neanche di consigliarlo con Unlimited, per quanto mi riguarda la trilogia si conclude qui, leggerò per completezza anche il terzo volume e quello di novelle e li recensirò (forse) ma dopo questo capitolo le speranze di trovare del buono vanno a farsi benedire e mi dispiace davvero moltissimo in quanto l'idea principale, della favola Lgbt poteva nella banalità essere carina e MAGARI ridotta a una semplice duologia che condensava un po' gli avvenimenti con molti cliché in meno avrebbe acquistato più senso

 

P.S. Oh...dimenticavo... altro "problema" la copertina... un po' troppo ispirata a You and me again di Leah Weston? Uscito un anno prima ed edito dalla Triskell? XD

 

Like Reblog Comment
review 2017-08-08 23:39
Innamorato Di Un Principe (La Trilogia del Principe Vol. 1) - Fabiola Silvestro,Littlefrancy,Desi Web

Essendo uscito l'ultimo volume della trilogia ho voluto approfittarne per rileggere il primo, non ricordando praticamente nulla della storia e non avendo voglia di iniziare a leggere il secondo romanzo alla cieca senza ricordarmi neanche il nome dei protagonisti.
Dopo aver quindi riletto questo primo capitolo posso dire che...me lo ricordavo MOLTO peggio. Ho letto la prima volta questo libro nel 2016 quando già era uscito il secondo volume ed era stata "annunciata" la raccolta con le 3 novelle natalizie ed era previsto per l'allora lontanissimo 2017 il sequel che avrebbe chiuso la "struggente" love story del principe e del giornalista eppure non avevo deciso di continuare la lettura (e mettermi così in pari in attesa del terzo romanzo) perché semplicemente avevo trovato tutto noiosissimo al punto da terminare la lettura a fatica, dopo averla trascinata per giorni, inserendo 2 e mezza di pura pietà. Avevo insomma un pessimo ricordo e l'idea di rileggerlo già mi faceva sudare sette camicie eppure dopo averlo fatto posso dire che non capisco la Giada del passato in quanto questo libro (e presumibilmente l'intera trilogia) non è altri che una semplice fan fiction in versione ebook.... PUNTO. Nulla di più. Semplicemente una fan fiction nata inizialmente sul ormai onnipresente Wattpad e auto-pubblicata per fare due spiccioli visto il successo ottenuto online.
Merita odio? Sinceramente... no. Non è diversa dalle fan fiction che leggo ogni giorno su AO3 e su cui fangirleggio senza pudore. Probabilmente il mio odio è dovuto all'idea malsana di acquistare una fan fiction quando questa dovrebbe essere gratis e data in omaggio con le patatine al MC.
Miei pregiudizi a parte troviamo una storia semplicissima e banalissima, il classico ragazzo acqua e sapone, sfigatello, verginello, con un lavoro umile (purtroppo non ci spingiamo a livelli trash di cameriere/schiavo o fruttivendolo il che è un peccato perché avrebbe permesso un alto livello di trash e gioia) che si innamora di un principe, presto futuro Re di uno stato immaginario chiamato Luanda collocato.... su Marte (?) boh mi pare venga detto più o meno dove si trova ma ehi...l'ho rimosso... e il romanzo l'ho appena riletto oggi! Yeah! Questo dovrebbe far capire l'importanza della politica in questa storia ovvero ZERO in quanto potrebbe essere il principe di Topolinia e andrebbe bene lo stesso.
Il nostro amico Jay, con cui empatizziamo essendo noi lettori sfigati e poveri quanto lui, dovrà ovviamente vedersela con i casini e problemi che spuntano inevitabilmente essendosi innamorato di Henry, un futuro re e non di un cassiere della Lidl con uno stipendio da fame con cui però avere la possibilità di uscire romanticamente per le strade e limonare in pubblico. Essendo Henry giusto un poco famoso i due si ritrovano a dover vivere la storia in modo struggente e disperato e sicuramente nel corso degli altri due volumi assisteremo ai classici casini, intrighi internazionali/politici, tradimenti e immancabile happy ending all'ultimo con i due dork in love che vissero per sempre felici e contenti.
L'unica nota di originalità è probabilmente l'idea di creare una favola M/M trasformando la principessa in un principe e potendo così sfruttare la cosa per guadagnare qualche lettore in più in quanto sfido chiunque ad aver voglia di spendere i soldi per leggere l'ennesima storia self del barbone che si innamora della principessa ricca da far schifo, agli occhi del mondo una super bitch eppure nella vita privata una santa con un cuore di panna e dolcetta da far venire il diabete.
La storia di questo primo volume fila abbastanza liscia, i due prima non si sopportano, poi il principe diventa il cagnolino del giornalista innamorandosi senza apparente motivo, super love e fluff con tanto di Parigi a fare da contorno alle scene smielate, ti amo ti amo e cliffhanger finale con tanto di angst tragicomico.
Lo stile di scrittura è banalissimo (quanto il mio) e perfettamente in linea con qualunque fan fiction di Efp/Wattpad/Ao3 e non brilla di originalità o picchi creativi. I protagonisti non sono minimamente caratterizzati e potrebbero essere sostituiti con dei sassi e il lettore non se ne accorgerebbe, si salva un pochetto Henry che all'inizio con il suo carattere da stronzetto mi aveva fatto sperare in qualcosa in più ma diventa un gattino coccoloso nel giro di 3 pagine e quel poco di speranze di vedere un personaggio stronzo ma cazzuto vanno a farsi benedire. Il romanzo trasuda fluff & angst con momenti dolcetti della coppietta in love che si ama e vuole bene e momenti finto drammatici tra cui litigi imbarazzanti e un finale con tanto di morto completamente a caso e no sense e addio struggente alla Christian Grey e Anastasia Steel che doveva far piangere il lettore ma non ha intenerito il mio cuore di legno e mi sono ritrovata a ridere come una scema... perchè

l'amante che se ne fugge dalla stanza con il compagno addormentato sul letto, professando amore eterno con un "Addio amore mio" è un clichè così abusato nella letteratura (e non solo) che nel 2016/17 fa solo ridere e fare triplo facepalm.

(spoiler show)


Oltre questo non c'è nulla.
Lo consiglio? Sinceramente.... NO!
Ci sono fan fiction o storie su Wattpad più simpatiche e soprattutto GRATIS, spendere la bellezza di 2,99 euro (a volume!!!) mi sembra uno spreco di soldi visto il rapporto qualità prezzo. Possiamo dire che è il classico libro che si può recuperare GRATIS con Kindle Unlimited e leggere senza problemi senza rischiare di diventare idioti e può risultare anche piacevole e simpatico ma nulla più
Come fan fiction di Wattpad aveva il suo perché ma a pagamento.... ma anche no. Se avete insomma la possibilità di leggerlo gratis va bene in quanto una lettura (a patto di continuare anche con il secondo e terzo libro essendo ahimè volumi per nulla stand alone) non ha mai ucciso nessuno in caso contrario ve lo sconsiglio perché ci sono modi più intelligenti di spendere i soldi essendoci storie M/M e fiabesche più originali ed interessanti e che almeno a fine lettura ti lasciano qualcosa, anche solo il ricordo del nome dei due tizi protagonisti.

Like Reblog Comment
show activity (+)
text 2017-07-09 10:13
Survey results on self-publishing self-evident, self-serving

I've just completed comparing the results of three survey's recently sent to me regarding self-publishing and self-published authors to see what the take away is (if there is any).

 

All three of these surveys were undertaken by companies that are, in the most part, dependent on authors like me who use their platform or services to self-publish their writing.

 

The survey sample is skewed since the respondents are, in some form or another, clients of these three enterprises. They either publish and distribute their e-books with Smashwords, advertise their e-books on one of WrittenWord Media's four sites, or possibly are doing all the above as well as contracting editorial, graphic design and marketing services from BookBaby.

 

The findings provided here are likely their optimistic interpretations.

 

Experience counts (maybe): Successful authors (in terms of book sales) have more writing experience. They spend more time writing and subsequently have more books available in their catalogue. They also contract more professional services, particularly editors and cover designers.

 

This, of course doesn't answer the question of how they became successful? Did they achieve success because of all these things (experience, time, hiring professionals), or once they achieved some success were the the able to spend the time, develop the catalogue and hire the professionals?

 

What to write. Fiction sells better than non-fiction and romance (especially contemporary, paranormal and erotica) sells far better than any other genre or literary writing. Under served markets include the romantic subgenres New Adult, Contemporary and YA.

 

How long should your book be? So much for all those pundits who claim novellas are all the rage because they can be read in one sitting or during a commute. Best sellers, again according to Smashwords, average ninety-two thousand words.

 

Book Marketing. Offering your e-book for free draws thirty-three times more then priced titles, but what's the upside to offering your books free?

 

Okay, so money doesn't matter to you, it's about making that reader connection, about putting forth your view of the world. Does offering your work at no charge achieve that? How many free books actually get read?

 

Not very many has been my experience both as a writer and a reader.

 

I've had hundreds of my books downloaded free and it's resulted in an insignificant number of reviews. On the other hand my ibook library is filled with books I've downloaded free and have yet to read.

 

See what I'm getting at. There's no downside to clicking and getting a book free.

 

This might explain why over sixty-one percent of published authors have asked friends or family members to review their books.

 

However, if you're writing a series, and series are more than likely going to generate best sellers, than offering the first book free is a good marketing ploy.

 

Speaking of FREE E-BOOKS. I'm participating in Smashwords Summer Sale and until July 31, 2017 my entire catalogue, eight novels and two plays are either FREE or 50% OFF. Go to https://www.smashwords.com/profile/view/raglin

 

What's the right price for an e-book? So if you opt not to offer your books free how much should you charge? Interestingly, e-books priced at $3.99 and $4.99 did better than those priced less - or more, at least on Smashwords.

 

In the end it was a lot of reading for very little worthwhile information, most of which was self-evident if you really think about it.

 

Here's how the sage folks at WrittenWord Media summed up the findings from their survey.

 

Indie publishing is a viable path to success. Many indie authors signed traditional publishing deals on the strength of their self-published books and many traditionally published authors are becoming indie authors because of more control and higher royalties. Hybrid publishing gives you the benefit of both paths.

 

This rosy prediction in light of the fact that 727,125 ISBNs were assigned to self-published titles in 2015, representing 625,327 individual indie books*.

 

Well, really, what did you expect them to say?

 

These surveys would have been more credible if they'd had similar terms of reference. WrittenWord Media considers a "successful author" as someone who makes $100,000 or more in a single year from book sales. Book sales of $500 or less categorizes you as an "emerging author".

 

At BookBaby you're a successful author if you've earned $5,000 or more annually from book sales. Those who earned less than $100 were labeled "lower earning authors".

 

Huh?

 

We definitely aren't comparing apples to apples here. How can one company consider a successful indie author as earning $5000 a year while another has it pegged at $100,000?

 

But it gets even weirder. Of the forty-three hundred authors who completed the BookBaby survey a little less than five percent fell into the category of the "high achieving group" earning $5000 or more.

 

If only about two hundred BookBaby authors earn $5000 or more how many WrittenWord Media authors earn over a hundred grand?

 

Or put another way, how can twenty successful BookBaby authors only be equal to one WrittenWord Media successful author?

 

See what I mean? It's like they're comparing different species.

 

The take away? Only that I now know how to categorize myself. I'm a "lower earning emerging author".

 

And on that we all agree.

 

Stay calm. Be brave. Watch for the signs

 

*According to Bowker, the exclusive U.S. agent for issuing International Standard Book Numbers.

 

Smashwords   http://smashwords.com

BookBaby   https://www.bookbaby.com

WrittenWord Media   https://www.writtenwordmedia.com

 

My Amazon Author Page   https://www.amazon.com/-/e/B003DS6LEU

 

More posts
Your Dashboard view:
Need help?