logo
Wrong email address or username
Wrong email address or username
Incorrect verification code
back to top
Search tags: because-you-love-to-hate-me
Load new posts () and activity
Like Reblog Comment
review 2020-05-24 08:57
On the Corner of Love and Hate - Nina Bocci

Initial thoughts:
I walked into this series already knowing I would love it. Nina’s ability to create a character with richness and realness, build them a world you could live in, and make it all feel important to you — it really is a gift. 

 

Having made the rookie error of reading book three in this series first, I had a good idea about how some things were going to end up — but I loved getting there. 

 

What I loved:
First, I loved learning more about the town of Hope Lake. Seriously, I wanna go there, maybe move there. (Ok, not move there, I don’t do snow, lol!) Kinda like the fans in the football stadium are sometimes called the “12th man” at a game… supporting their team and influencing the process, I feel like this town is another character in the story. There are some things that happen in the story ONLY because they’re in a town like Hope Lake. 

 

I loved the families and friends of the main characters. They all contributed so much to the entire feel of the story. The scenes with Emma and the other two parts of their “friendship quartet” were really great, and I loved seeing how close they all still were, even with the rift between Emma and Cooper. The elderly ladies group cracked me up and made me cheer.  

 

I loooooved every time Cooper called Emma “Emmanuelle”, even though it drove her nuts. I loved that even though he made her crazy now (for any number of valid reasons), she still allowed herself to remember some of their happier times. She didn’t shut herself off from those memories. I loved Cooper’s steadfast belief in the town, and his interactions with the residents during his campaign. Even when he wasn’t 100% sure of himself, his genuine dedication to them never wavered. 

 

As far as the conflict with these two — this mashup of  “second chance romance”/”friends to lovers”/”enemies to lovers” tropes — I was worried that it would get to me, but it didn’t. At each point I could see something happening that, in other stories would get dragged out too long, or handled badly, but this author just nailed it! Yes, I cried when things got mucked up, and that sucked cause I don’t like to cry, but I didn’t spend page after page feeling gutted and horrible about the situations that were happening. I SO appreciated that! Then — when it was time for the happy — I was ALL ABOUT THE HAPPY!! 

 

What I didn’t love:
This is the second time that I feel like the leading lady “got off easier” in the responsible for the pair’s conflict. Yes, Cooper broke her heart… and yes, when you’re young, you don’t always handle that in the best ways. But there were circumstances in both pivotal moments of their younger years that *could* have been handled differently — on both of their parts — and I feel like Emma blamed Cooper for all of it, and he just took on all of it. She could have done things differently, too. Having said that — everything was written realistically — I can easily see exactly those situations happening, and them going exactly as they were written. 

 

Final thoughts:

Of course I loved this book. I was thrilled with my HEA, and I can’t wait to get to the next in the series. 

Source: funknfiction.com/2020/05/24/review-on-the-corner-of-love-and-hate-by-nina-bocci
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2020-04-12 22:56
Book Review for He Hates Me by Isabella Starling and Rina Kent
He Hates Me (Hate & Love Duet, #1) - Isabella Starling,Rina Kent

 

Omg ! this was one intense read.The story drew you right in from the very first chapters and kept you glued to the pages the entire time.I have to say that reading this story made me feel edgy and uncomfortable and if I am being honest scared out of my whits most of the time because Jasper scared the hell out of me right from the onset of meeting him.I could not help but, be drawn to the dark and dangerous man and I can see why Georgina is being drawn to the man as he's a bit of a mystery but,  mostly she craves his dominance and the darkness that housed within him.
 
Georgina is in a rut in her life every day is the same old boring thing but, after meeting Jasper her life is anything but, because Jasper is  utter chaos and the sexy as sin man has gotten under her skin.I loved Georgina she at first seems tamed and timid but, in reality she is a she-cat with claws.
 
Jasper is dark ,dangerous and killer for the mob but, now you can add stalker to his resume. Georgina aka Petal has gotten under his skin as well and now he is playing a very dangerous of cat and mouse with his prey Petal but, at this point it is anybody's guess who will come out on top as he is obsessed and protective of her all the while toying with his prey and at the same time plans to take her life at some point when he is done with her but, will he ever be able to be done with her? .That is the million dollar question....
 
The story was suspenseful and intriguing and had a cast of great characters that we thoroughly enjoyed.This story got off to a wonderful start and I can't wait to see what happens next.Omg ! Omg ! We just loved it !I loved this duo as they did a amazing job drawing us into their web of darkness !
Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2019-12-22 16:47
Because You Love to Hate Me: 13 Tales of Villainy - Ameriie
For more reviews, check out my blog: Craft-Cylce

Overall, I enjoyed this collection. As with any book of short stories, there are going to be stories that really resonate with you and stories you don't care about all that much.

By far, my favorites in this book were Victoria Schwab's "Death Knell" and Samantha Shannon's "Marigold". "Death Knell" was one of the most beautifully written stories I have ever read and I enjoyed it immensely. Immediately after reading it, I insisted on reading it aloud to my husband (who is not a big reader) and he also loved it. "Marigold" is also very good and I liked the exploration of women's oppression and perspectives on evil presented in it. I also enjoyed Soman Chainani's "Gwen and Art and Lance", which surprised me because I'm not a huge fan of stories told through email/text. This one did a great job of pulling the reader in and I loved the the modern reinterpretation.

Aside from those, most of the stories were just okay. I don't think there were any that I really hated, but many of them just didn't interest me that much. I will say that I do not like psychopath stories so that made some of them immediately distasteful for me. But overall, the stories were well-written. I just mathed out my ratings for each individual story and the majority of them were 2 stars for me. Many of them started with a good idea, I just didn't really that they pushed it far enough. The average rating was 2.7, which I bumped up to 3 stars.

I did really like the idea of Booktubers challenging authors on specific stories. It was interesting to see the author's interpretation of the challenge and some of them really excelled at it.

An interesting collection that had a few truly amazing stories in it. Also, that cover is gorgeous.
Like Reblog
review 2019-09-27 00:32
Love Hate Love - Marita A. Hansen

Cosa dire... sinceramente vorrei piangere. Questo è l'esempio perfetto di come l'hype nuoce gravemente alla salute. Questo libro è stato per me per molto tempo importante. L'ho scoperto per caso quando ancora non aveva una copertina, né una data di uscita, né una trama, solo il titolo e un tag che indicava negli avvertimenti la malattia mentale e da lì è stato amore e curiosità a prima vista. Ho iniziato a seguire in modo ossessivo l'autrice e i suoi aggiornamenti seguendo ogni singolo nuovo dettaglio dalla copertina alla trama e gioendo come una bambina per ogni notizia. Potete immaginare la mia gioia infinita quando ho potuto finalmente acquistarlo e iniziarlo. Una sensazione di vittoria, pace e felicità che si è scontrata con la triste realtà perché tutto mi sarei aspettata tranne che leggere una copia poveraccia di The O.C. e Dawson Creek

Questo libro prometteva BENE. Un personaggio con una malattia mentale e un rapporto di amore e odio che poteva essere salvifico o condannare entrambi all'infelicità che si è ridotto nel vuoto cosmico.
Nico è il protagonista maschile, è un ragazzo che soffre di un disturbo mentale e... mi ha fatto una pena infinita. Fin dalla prima scena ci viene presentato come lo stronzo, quello bello e dannato ma fin da subito capiamo che il problema di Nico non è la sua malattia ma l'ambiente tossico in cui vive. Lo troviamo circondato da Giuda, ragazzi che si comportano come "gli amici" ma che fin da subito non esitano ad etichettarlo come il pazzo, il malato, il playboy che va a letto con tutte, lo stronzo e chi più ne ha più ne metta, quello che non può essere aiutato al punto da alimentare la sua psicosi e il suo malessere. Nico dovrebbe essere un personaggio negativo perché si comporta molte volte da stronzo ma mi ha fatto tenerezza quando NON avrebbe dovuto. Nico avrebbe bisogno di aiuto che purtroppo nessuno sembra volergli e potergli dare. Kady dovrebbe essere la sua unica speranza ma fallisce in pieno. Non solo inizialmente è lei stessa a vedere Nico come un mostro, a credere a tutte le cose che la gente dice di lui ecc ma dopo essersi innamorata diventa lo zerbino, arriva ad accettare comportamenti assurdi e supplicare il compagno di non lasciarla tanto da accettare la sua psicosi senza battere ciglio. Invece di aiutare Nico a trovare una stabilità e ad iniziare un percorso medico e psicologico lei si limita a credere che l'amore possa tutto, che lui non abbia mai colpe perché poverino è vittima e mai carnefice. Il messaggio di fondo è pessimo, in questo libro il personaggio di Nico ci viene presentato come instabile e privo di qualsiasi possibilità di riscatto e questo perché nel mondo malato di "Love Hate Love" ci sono SOLO 2 alternative per i ragazzi come Nico, la galera o la clinica psichiatrica. NESSUNO prova a trovare una strada alternativa lanciando il messaggio che tutti i ragazzi come Nico nel mondo siano casi disperati. Non metto in dubbio che sia grave il suo disturbo ma credo che si possa aiutare una persona PRIMA che questa impazzisca del tutto e nessuno sembra poter capire che Nico può curarsi, incontrare una terapeuta, iniziare un percorso sano che non lo porterà forse mai a guarire del tutto ma comunque a vivere una vita serena, piena di difficoltà ma anche di gioie. In questo mondo "idilliaco" sembra che i pazzi siano destinati ad essere costantemente emarginati ed etichettati e lo stesso Nico nonostante sia innamorato di Kady continua dall'inizio alla fine ad essere visto come un mostro e ad essere messo in discussione e questo pure dopo aver subito un abuso fisico e mentale. Nel romanzo infatti dopo aver passato mezzo libro di vuoto cosmico e dialoghi da tredicenni arrapati e presi da telefilm di basso livello l'autrice essendo arrivata ormai al 70% e non avendo concluso nulla ha avuto la brillante idea di ficcare in questa poltiglia radioattiva pure... l'abuso sessuale, il rapimento e la tortura ad opera di una pazza (stavolta più pazza di Nico e che ha fatto apparire il giovane... SANO mettendo in ombra tutti i suoi problemi) e per non farci mancare nulla via di gravidanza come colpo di scena... che porta a un dialogo profondo sulle colpe dei figli concepiti dagli stupri e che non portano di fatto a nulla... yeah... un risvolto a mio avviso parecchio di dubbio gusto che riesce a rovinare totalmente le atmosfere già pessime alimentando il disagio mentale non solo del protagonista ma anche dei lettori.
Tutto di questo libro mi ha irritato a morte. I personaggi sono o buttati nel cesso come Kady che ci appare una ragazzetta immatura e incapace di intendere e volere nel 90% del libro per ridursi al 10% di "Io sono la fidanzata di Nico, Nico non lasciarmi, se tu sei pazzo lo sono anche io, sono pazza di te, ti amo, sposiamoci ecc", o sono ridicolizzati ed umiliati come Nico che viene visto come il male incarnato e come carnefice pure dopo essere stato drogato e abusato sessualmente e fisicamente o sono INUTILI. I personaggi secondari sono tutti inutili o disagiati dal primo all'ultimo se non addirittura PESANTI. Potrei mettermi a descrivere i mille modi per cui li ho odiati ma sarebbe inutile... basta già solo il fatto che trattano da far schifo il loro amico etichettandolo come pazzo e prostituto pure quando parlano con il postino per rendermeli molesti, voglio dire... chi può apprezzare persone che quando arriva la prima venuta gli fanno "Ehi, ciao tizia nuova appena arrivata e con cui forse non parleremo mai più. Lo vedi quello? Lui è Nico, stagli alla larga perché è uno spogliarellista, un mezzo prostituto, va a letto pure con i sassi, è psicopatico, è violento, ruba le caramelle ai bambini, ha ucciso Bambi mentre era a caccia ecc" chi vorrebbe persone simili al proprio fianco? Chi troverebbe simpatiche persone simili? NESSUNO. Tra tutti posso dare un punto extra di odio e rancore ad... Annabelle alla sua inutilità si aggiunge il suo modo di parlare... so che l'autrice voleva probabilmente rendere per iscritto la parlata di qualche provincia americana ma per tutto il libro ci ritroviamo una che parla a slang un po' come qua in Italia quelli che ti fanno "cia' sore' mi passi na' canna pe' fammi come na' drogata? No pecché c'ho voja de fa impazì il lettore co' sta parlata strana" ok... il risultato non è proprio questo ma... immaginate una roba simile... ecco... una tizia che abbrevia parole, le compone, scompone usando abbreviazioni e stili linguistici inesistenti (pure sui dizionari integrati del Kobo) che tanto quanto quando si sentono a voce non irritano i nervi ma messi per iscritto.... beh... è tutto un altro effetto, soprattutto se non conosci bene la lingua e devi andare giù pesante di dizionari e traduttore per comprendere cosa cavolo esce dalla sua bocca! L'unico personaggio che si salva un minimo è Tate che... nel finale rendendosi conto di essersi quasi salvato si rende protagonista di uno dei dialoghi più... stupidi e da fine 900 uscendosene con il classico cliché "Ma a me lui piace... però non sono gay, che schifo il pene, a me piace la figa! Perché io non sono gay, non posso essere gay, ho già detto che mi piace la figa? No perché lui mi piace ma la figa è più bella!" e io dico... possibile che in un romanzo dove ci sono universitari che si spogliano per soldi, ragazze che vanno a letto con più ragazzi (basta vedere la sorella di Nico che ha ben due fidanzati), imbecilli che non si scandalizzano per eventuali orge tra droghe e alcol ci si scandalizzi ancora per il fatto di essere gay? O non si conosca la parola ETEROFLESSIBILE ovvero una persona etero che però potrebbe intraprendere per mille motivi una relazione con una persona del suo stesso sesso senza per forza essere gay? Siamo nel 2019 a un passo dal 2020 e ancora non conosciamo la nostra sessualità o sappiamo usare Google? WHY??? Perché in un romanzo che ha dimostrato di essere in molti casi fin troppo aperto di vedute lasciando personaggi per nulla sconvolti da droghe, alcol, prostituzione, violenze sessuali, misoginia ecc proprio l'essere gay deve causare scandalo? Non ho parole...
Un romanzo che risulta noioso in cui non succede NULLA fino al 70% del libro limitandosi a dialoghi tra universitari assatanati e alle prese con deliri amorosi, triangoli e corna a go go per poi cadere nel finto dramma, che introduce mille argomenti che potevano far riflettere ma non ne analizza mezzo e... vogliamo mettere la minaccia dell'autrice di scrivere un possibile sequel sui due geni fenomeni protagonisti o un approfondimento su personaggi no sense come Josh, Julia o Annabelle? Questo proprio no... passi tanto quanto il romanzo su Tate e Alek che a questo punto VOGLIO vedere insieme ad affrontare (a sto punto malissimo) il tema del coming out ma quello su Josh e il suo "crepacuore" NO... NO e NO....
Un romanzo orrido e che arrotondo a 2 stelle SOLO perché mi è capitato di leggere libri peggiori (vedi Una bambina cattiva di Zoje Stage) che NON intrattiene, NON diverte, NON emoziona e che fa solo impazzire.... SCONSIGLIATO! Quasi 500 pagine di NULLA! #LoSchifo

Like Reblog Comment
show activity (+)
review 2019-09-19 04:07
AUDIOBOOK Review - Hate To Love You
Hate To Love You - J. P. Oliver

Mason is asked by a close friend to help plan the wedding.  Only there is a catch.  He must work with his secret crush and basically a frenemy, Liam.  He agrees - since their mutual friend is important to both of them.  They agree to try.

 

Liam has been in love with Drew forever.  Planning his wedding was never in the plans he saw for their future.  Then he starts to work with Mason.  He finds that he understands him better the more he gets to know him.

 

This was an amazing read.  They start off with incredible banter and the best laid plans..... per usual, the end is vastly different.  I found many points were quite compelling and profound.  The narration was amazing - the different voices were obvious and very nice.  I love the sounds of the voices.  This was one of the best I have heard in a while.  I give this an overall score of 4/5 Kitty's Paws UP!

 

 

***This copy was given in exchange for an honest review only.

More posts
Your Dashboard view:
Need help?